Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Il sempre nuovo rivelarsi di Dio ai piccoli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il trionfo del cuore di Maria può forse implicare la ricerca di una spiritualità serena, di un discernimento gradualmente pieno di semplicità e buonsenso (nella fede, per un cristiano). San Francesco, santa Teresina, vivevano nella semplicità di cuore ma potevano distinguere meno rigidità, forzature, sensi di colpa… Ora si può comprendere meglio, per grazia, che lo Spirito si rivela nell’umanità (di Cristo). Dunque la piccolezza di cuore non rivela solo cose spirituali, a rischio spiritualismo ma porta con delicatezza, a misura, sempre più tutto l’uomo nel mistero. Allora l’umanità vede vissutamente ogni cosa in modo nuovo. Si rinnova, un semplice può nell’essenza rinnovare, tutta la vita, la cultura, la pastorale. Lo scriba trae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche. Nei modi più diversi, a misura, a seconda delle situazioni, si può avvicinare, per grazia di Dio, tantissima gente. Perché bisogna capire il cammino personalissimo di ciascuno, i suoi bisogni, crescere, con discrezione, insieme… Non dunque una pastorale prefabbricata e astratta. Il cuore, non spiritualistico, non razionalistico, non pragmatistico, non moralistico… ma divino e umano di Gesù è la chiave di ogni cosa. Lo Spirito che scende come una colomba e rimane nell’umanità di Cristo come nel suo nido naturale. Una sempre più profonda ed equilibrata consapevolezza della coscienza spirituale e psicofisica in Gesù. La grazia è divina e umana in lui. Si può dunque intuire, per grazia, la via del cuore nella luce dello Spirito di Gesù che scende come una colomba. L’uomo cessa di chiudersi nei propri ragionamenti. La luce orienta il cuore a fidarsi del suo dono. Quando la luce infonde la fede la coscienza spirituale e psicofisica, il cuore, è mosso a fidarsi di Gesù. Non riduttivi ragionamenti, riduttive emozioni. Il Signore spiazza ancora una volta in modo nuovo con la piccolezza e la semplicità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/06/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Mali: liberata suor Narvaez, rapita 4 anni fa

Gioia per il rilascio della religiosa, francescana colombiana, in Mali, dopo anni di prigionia, molti dei quali trascorsi assieme al missionario padre Gigi Maccalli. La suora è in buone condizioni fisiche ed è arrivata in Italia per incontrare Papa Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Leggi tutto

Chiesa

Ostia - Stella Maris, formazione per giovani animatori.

Domani a Stella Maris si terrà il terzo incontro di formazione per i giovani che imparano il servizio di animazione ed educativo negli oratori delle parrocchie di Ostia e del Territorio. Generoso Simeone responsabile della Commissione Giovani della Prefettura di Ostia (diocesi di Roma) da appuntamento alle 16.30.

Leggi tutto

Società

Indonesia - Attivisti pro-vita in aiuto alle donne per prevenire l’aborto

In Indonesia l’interruzione di gravidanza è considerato reato dal codice penale

Leggi tutto

Media

In nome della madre

L’opera, tratta dall’omonimo libro di Erri De Luca, in scena a Roma, è incentrata sul “fiat” di Maria alla volontà di Dio. La protagonista Beatrice Fazi: “Mi è piaciuta l’idea di essere calata in una realtà attuale, il mio personaggio è anche l’emblema della precarietà, della maternità non accolta”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano