Storie

di Nathan Algren

India - Karnataka, feti abbandonati in strada

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sette feti abortiti sono stati trovati abbandonati in un contenitore nel distretto di Belagavi, nello Stato del Karnataka. I residenti di Mudalagi hanno trovato i feti vicino a una fermata dell’autobus alla periferia della città e hanno informato la polizia. Il Dipartimento della Salute del Karnataka ha ordinato un’inchiesta sull’accaduto.

“I feti erano intorno ai cinque mesi. È presumibile che dopo il rilevamento del sesso feto siano stati uccisi”, ha detto Mahesh Koni, il responsabile distrettuale della salute e del benessere familiare. Non è la prima volta che fatti di questo genere accadono nella zona: anche nel 2013 erano stati trovati almeno 13 feti sulle rive del fiume Hiranyakeshi a Belagavi.

In India dal 1971 la legge ammette l’aborto entro la ventiquattresima settimana se il proseguimento della gravidanza comporta un rischio per la vita della donna o gravi danni alla sua salute fisica o mentale. Ma in realtà - nonostante in teoria sia vietata dalla legge - è molto diffusa la pratica dell’aborto selettivo, con la soppressione della vita delle bambine.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/06/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

Chiesa

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

L’interruzione di gravidanza non è un diritto ma un crimine. Così la presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana che invita la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale a rivedere il disegno di legge che consente l’aborto in caso di stupro, o a minori o donne con disabilità, perché si tuteli la vita e venga garantita l’obiezione di coscienza dei medici

Leggi tutto

Società

Oklahoma verso il divieto totale dell’aborto

Martedì scorso la Camera dell’Oklahoma ha infatti approvato un disegno di legge che di fatto vieterebbe ai medici di eseguire aborti nello stato e il governatore repubblicano ha già indicato che lo firmerà. L’aborto sarebbe ammesso solo nei casi di incesto e stupro o se la donna incinta è in pericolo di vita.

Leggi tutto

Politica

ALL’AMICO ABORTISTA E NON CREDENTE

La questione religiosa non c’entra nulla con i 62 milioni di bambini statunitensi abortiti per via di una sentenza finalmente dichiarata incostituzionale. Mi rivolgo direttamente ad un mio amico abortista, uno dei tanti che in queste ore si è mostrato scandalizzato dalla decisione della Corte Suprema americana e pensa che gli sia stata imposta una visione religiosa della vita, a lui non credente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano