Storie

di Nathan Algren

Pakistan: ancora attacchi ai cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una famiglia cristiana è stata attaccata da un gruppo di musulmani dopo aver abbandonato il lavoro ed è stata costretta ad affidarsi all’associazione Human Rights Focus Pakistan (Hrfp) per l’assistenza legale.

Sattar Masih e il figlio Azhar lavoravano a Thikriwala, vicino Faisalabad, nella villa di Khuram Yasin, un proprietario terriero musulmano. A seguito di discriminazioni e violenze, padre e figlio si erano licenziati, ma Yasin voleva costringerli a continuare a lavorare per lui. Dopo l’ennesimo rifiuto a fine marzo il musulmano ha accusato i Masih di aver rubato un pollo di razza unica che valeva 210mila rupie (1.000 euro).

Su richiesta di Yasin la polizia ha quindi arrestato Azhar, che però è stato rilasciato in mancanza di prove. Un mese dopo, grazie alla pressione esercitata da contatti religiosi e politici del proprietario terriero, la polizia ha comunque registrato un primo rapporto informativo contro la famiglia di Masih Azhar, che è stato arrestato di nuovo; il padre e la madre, Khalida Parveen, si sono recati nella villa di Khurram Yasin e hanno chiesto di rivedere le accuse contro di loro, assicurando di essere innocenti.

A quel punto è iniziata l’aggressione: i dipendenti musulmani hanno attaccato la famiglia con pistole, coltelli e bastoni; Khalida è stata ferita al braccio destro con una lama e una donna le ha strappato con violenza gli orecchini dalle orecchie.

Sattar Masih ha sporto denuncia alla stazione di polizia di Thikriwala presentando il referto medico-legale ottenuto dalla moglie all’ospedale di Faisalabad: nessuna risposta da parte degli agenti. Per l’aggravarsi delle lesioni riportate, Khalida è dovuta tornare in ospedale e a quel punto Sattar ha deciso di rivolgersi a Hrfp. Grazie al loro intervento il 7 maggio Azhar è stato rilasciato dal carcere, ma l’intera famiglia ha cominciato a ricevere minacce di morte. Ancora una volta i cristiani si sono recati dalla polizia e ancora una volta le loro denunce sono rimaste inascoltate. A fine maggio Khalida e Sattar hanno presentato una petizione al tribunale del distretto e in un’udienza che si è tenuta il 24 giugno la Corte ha ordinato alla polizia di assicurarsi che gli imputati si presentino alla prossima udienza dopo la citazione in giudizio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/06/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Rawalpindi: cristiano accusato di blasfemia condannato a morte

A Zafar Bhatti, in carcere dal 2012 nonostante si proclami innocente, un giudice ha trasformato in una sentenza capitale la pena del carcere a vita precedentemente comminata.

Leggi tutto

Storie

Padova celebra Sant’Antonio

Festeggiamenti in onore di Sant’Antonio da Padova

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - La gente chiede al governo di proteggere le minoranze religiose

Leggi tutto

Storie

Pakistan: i Vescovi chiedono aiuto

Il governo pakistano ha dichiarato lo stato di emergenza nel Paese dopo che il bilancio delle vittime ha superato le 1.000 unità e sono circa 1.400 le persone ferite. Secondo i rapporti della National Disaster Management Authority (NDMA) il 26 agosto, circa 33 milioni di persone in Pakistan sono state colpite in Pakistan, oltre 218.000 case sono state distrutte e 452.000 sono state danneggiate. L’NDMA ha riferito che 116 distretti su 160 sono stati colpiti, e in 66 distretti è ufficialmente dichiarato lo stato di calamità.

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Uccisione di due sikh a Peshawar

Il 15 maggio, due uomini non identificati hanno ucciso due sikh al Bata Tal Bazaar di Peshawar, mentre i due sikh erano impegnati ad allestire i loro negozi. Saljeet Singh, 42 anni, e Ranjeet Singh, 38 anni, sono morti sul colpo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano