Storie

di Nathan Algren

Pakistan: ancora attacchi ai cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una famiglia cristiana è stata attaccata da un gruppo di musulmani dopo aver abbandonato il lavoro ed è stata costretta ad affidarsi all’associazione Human Rights Focus Pakistan (Hrfp) per l’assistenza legale.

Sattar Masih e il figlio Azhar lavoravano a Thikriwala, vicino Faisalabad, nella villa di Khuram Yasin, un proprietario terriero musulmano. A seguito di discriminazioni e violenze, padre e figlio si erano licenziati, ma Yasin voleva costringerli a continuare a lavorare per lui. Dopo l’ennesimo rifiuto a fine marzo il musulmano ha accusato i Masih di aver rubato un pollo di razza unica che valeva 210mila rupie (1.000 euro).

Su richiesta di Yasin la polizia ha quindi arrestato Azhar, che però è stato rilasciato in mancanza di prove. Un mese dopo, grazie alla pressione esercitata da contatti religiosi e politici del proprietario terriero, la polizia ha comunque registrato un primo rapporto informativo contro la famiglia di Masih Azhar, che è stato arrestato di nuovo; il padre e la madre, Khalida Parveen, si sono recati nella villa di Khurram Yasin e hanno chiesto di rivedere le accuse contro di loro, assicurando di essere innocenti.

A quel punto è iniziata l’aggressione: i dipendenti musulmani hanno attaccato la famiglia con pistole, coltelli e bastoni; Khalida è stata ferita al braccio destro con una lama e una donna le ha strappato con violenza gli orecchini dalle orecchie.

Sattar Masih ha sporto denuncia alla stazione di polizia di Thikriwala presentando il referto medico-legale ottenuto dalla moglie all’ospedale di Faisalabad: nessuna risposta da parte degli agenti. Per l’aggravarsi delle lesioni riportate, Khalida è dovuta tornare in ospedale e a quel punto Sattar ha deciso di rivolgersi a Hrfp. Grazie al loro intervento il 7 maggio Azhar è stato rilasciato dal carcere, ma l’intera famiglia ha cominciato a ricevere minacce di morte. Ancora una volta i cristiani si sono recati dalla polizia e ancora una volta le loro denunce sono rimaste inascoltate. A fine maggio Khalida e Sattar hanno presentato una petizione al tribunale del distretto e in un’udienza che si è tenuta il 24 giugno la Corte ha ordinato alla polizia di assicurarsi che gli imputati si presentino alla prossima udienza dopo la citazione in giudizio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/06/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PAKISTAN - I cristiani ed il miglioramento delle relazioni interreligiose

Sara Rizvi Jafree, nota sociologa, ricercatrice ed educatrice, ha rilevato “la complessa relazione tra il basso status socio-economico delle minoranze religiose in Pakistan e gli alti livelli di intolleranza religiosa”. Promuovendo l’armonia interreligiosa, ha detto, “si compie il primo passo per migliorare lo status delle minoranze religiose nel Paese”.

Leggi tutto

Politica

Iraq: il ritorno dei cristiani

Circa il 50 per cento delle famiglie che avevano lasciato l’Iraq con l’invasione da parte dell’ISIS del sedicente Stato Islamico hanno fatto ritorno nel Paese, giustificando così un cauto ottimismo delle organizzazioni internazionali per il ritorno dei cristiani nel Paese del Golfo.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - La comunità cattolica non dimentica i disabili

Nelle ultime settimane, la Caritas ha fornito 37 sedie a rotelle a 26 cristiani e 11 musulmani con disabilità, distribuendo anche aiuti alimentari. Inoltre le persone con disabilità vengono istruite sulle azioni precauzionali da adottare in circostanze come disastri naturali e salvaguardare la loro vita in caso di qualsiasi situazione di emergenza.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Basta rapimenti per matrimonio

Il 28 luglio, i gruppi per la tutela dei diritti umani in Pakistan hanno espresso la loro preoccupazione per la mancanza di garanzie legali e amministrative per proteggere le ragazze minorenni delle minoranze dalle conversioni forzate in Pakistan

Leggi tutto

Storie

Punjab, scuola cristiana sotto attacco

La Global Passion School, una scuola cristiana a Sheikhupura, nella provincia pakistana del Punjab e gestita dai presbiteriani, è stata oggetto di attacchi e minacce.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cauzione negata, resta in carcere un cristiano accusato di blasfemia

Anwar Masih, cristiano di 57 anni in carcere dal giugno 2020 con l’accusa di blasfemia, “è un innocente, vittima di false accuse. Siamo sorpresi dalla decisione della Corte di respingere la richiesta di libertà su cauzione”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano