Politica

di la redazione

Forlì - Mozione Melandri, il PDF “Persa un’occasione di coerenza e di fermezza”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La maggioranza va avanti ed è un bene, perché la città ha bisogno di bravi amministratori e il sindaco Zattini e la sua giunta offrono tutte le garanzie necessarie per un buon governo della città. L’episodio del patrocinio comunale al raduno arcobaleno, però, rimane un cedimento incomprensibile al pensiero unico e all’ideologia gender rispetto al quale le parole di giustificazione del Sindaco non convincono. Essere il sindaco di tutti non significa rinunciare a un giudizio di valore sulle cose. Tutti hanno diritto di manifestare le proprie idee e di avere occasione di farlo, ma il patrocinio ha un’implicazione ulteriore che esula da questa norma di democrazia, perché significa riconoscere la bontà di un iniziativa tanto da metterci la “faccia” del Comune. Il rispetto per le persone, di cui il nostro primo cittadino è assolutamente campione, non esclude la diversità di opinione, soprattutto quando c’è un pensiero oggettivamente sbagliato.

Lo sa benissimo Zattini stesso, il quale diede inizio alla sua campagna elettorale con la lista Forlì Cambia con queste parole: “Ci prendiamo un impegno forte: senza discriminare nessuno vogliamo parlare di famiglia naturale. La nostra realtà non nasce da un atto discriminatorio, ma dalla storia della nostra terra, in cui non vanno espulse le parole più belle ‘babbo’ e ‘mamma’ ‘’.
Le famiglie arcobaleno vogliono invece l’esatto contrario, pretendendo di far credere che un bambino possa nascere da due mamme o da due papà, (“genitore 1 e genitore 2”), al di là di ogni evidenza scientifica. Questa dittatura ideologica totalmente irrazionale, peraltro, è cavalcata da una percentuale minima della popolazione, organizzata in lobby e capace di esercitare forti pressioni di potere. Per questo la famosa citazione del Papa, “chi sono io per giudicare un omosessuale”, andrebbe legata a quello che il Santo Padre aggiunse subito dopo: “Ma si deve distinguere il fatto che una persona è gay dal fatto di fare una lobby”.

Possibile allora che la volontà di fare quadrato attorno a un assessore di indiscusso pregio nel suo campo, debba escludere la tenuta sui valori? Nessuno ha avvertito la stonatura con quanto promesso agli elettori? Ci chiediamo se non sentano il nostro stesso disagio i consiglieri della lista Forlì Cambia e tutti quelli che ne hanno condiviso i valori in campagna elettorale, come la presidente della Consulta delle Famiglie delegata dalla Ass. Forli Cambia, Cristina Terenzi. L’amministrazione ha perso un’occasione di coerenza e di fermezza. Ora vada avanti con le risposte alle esigenze della città, cercando di fare sempre meglio, ma si ricordi che difficilmente tanta accondiscendenza sarà ripagata, a suo tempo, con la stessa moneta”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/06/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Politica

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Politica

RAGIONARE SU UNA QUESTIONE DI METODO

Intervento del Direttore del nostro giornale in merito alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di un articolo che ha scatenato polemiche a non finire..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano