Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa: gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Noi persone anziane” che “abbiamo spesso una sensibilità speciale per la cura, per la riflessione e per l’affetto”, siamo, “o possiamo diventare, maestri della tenerezza”. Papa Francesco, che a dicembre festeggerà 86 anni, parla così, a nome dei sempre più numerosi coetanei, nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio. E invita a pregare, nelle immagini realizzate sempre dalla Rete Mondiale di Preghiera per il Papa, perché “l’ l’esperienza e la saggezza” degli anziani “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e responsabilità”. Lo fa nel mese che ci porta, il 24 luglio, a celebrare la seconda Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, istituita da Francesco per “festeggiarli”.

Il Pontefice inizia il suo messaggio collegandosi all’intenzione di preghiera di giugno, dedicata alla famiglia, nel mese del decimo Incontro Mondiale delle Famiglie, appena concluso in Vaticano e nelle diocesi di tutto il mondo. E sottolinea che “Non possiamo parlare della famiglia senza parlare dell’importanza che hanno gli anziani tra noi”. Parlando in prima persona ribadisce che “non siamo mai stati tanto numerosi nella storia dell’umanità, ma non sappiamo bene come vivere questa nuova tappa della vita: per la vecchiaia ci sono molti progetti di assistenza, ma pochi progetti di esistenza”. L’invecchiamento della popolazione interessa soprattutto i Paesi più sviluppati, nei quali il 25 per cento degli anziani purtroppo vive da solo.

Noi persone anziane abbiamo spesso una sensibilità speciale per la cura, per la riflessione e per l’affetto. Siamo, o possiamo diventare, maestri della tenerezza. E quanto!

Papa Francesco invoca, “in questo mondo abituato alla guerra”, una “vera rivoluzione della tenerezza”. In questo abbiamo una grande responsabilità nei confronti delle nuove generazioni. Ricordiamolo, aggiunge il Papa: “i nonni e gli anziani sono il pane che alimenta le nostre vite, sono la saggezza nascosta di un popolo: per questo è bello festeggiarli, e ho istituito una giornata dedicata a loro”.

Preghiamo per gli anziani, che si convertano in maestri di tenerezza, perché la loro esperienza e la loro saggezza aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e responsabilità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/07/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa: San Tommaso, luce per la Chiesa

Papa Francesco ha incontrato i partecipanti al Congresso Tomistico Internazionale, promosso dalla Pontificia Accademia di San Tommaso d’Aquino

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: valorizzare i santi della porta accanto

Papa Francesco riceve in udienza i partecipanti al Convegno su “La santità oggi”, organizzato dal Dicastero delle Cause dei Santi: “Santità è gioia, non rinunce, sforzi e musi lunghi. Un santo triste è un triste santo”

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Chiesa

18 Marzo 1536 – Apparizione Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia - Il 18 marzo 1536, Antonio Botta, un contadino nativo della valle di San Bernardo, a sei chilometri da Savona, si reca di buon mattino nella sua piccola vigna per completare la potatura delle viti. Strada facendo recita, come suo solito, il santo Rosario; giunto al piccolo torrente che deve attraversare pensa di rinfrescarsi in quelle acque, e proprio in quel momento gli appare la Madonna. La sua deposizione ufficiale è conservata nel Santuario, incisa su lastra di marmo fin dal 1596.

Leggi tutto

Società

AD OSTIA I GIOVANI CHE ‘URLANO’ VANNO ASCOLTATI, COME DIO ASCOLTA IL GRIDO DEGLI UOMINI

Una chiesa in uscita è anche quella che ascolta i giovani che ‘gridano’ e che si mette in comunicazione. A parlare è Generoso Simeone, marito, papà giovane, lavoratore, oltre che diacono e responsabile della commissione giovani della prefettura di Ostia, diocesi di Papa Francesco

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano