Storie

di Raffaele Dicembrino

Estate surf e patrono

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Il santo patrono del surf? Il suo nome è San Cristoforo, lo stesso santo patrono dei viaggiatori. Nel 1960, la California (Stati Uniti), era diventata uno dei luoghi più desiderati dai surfisti. Gli amanti di questo sport, che venivano sulle sue spiagge alla ricerca delle onde migliori, condividevano tra loro alcune medaglie di San Cristoforo prima di entrare in mare.

Queste medaglie erano appese al collo come simbolo di protezione e fu da allora che il modello dei viaggiatori divenne anche quello del surf.
Su un lato della medaglia, si può vedere l’immagine di San Cristoforo – sempre raffigurato come un uomo forte e burbero – che rema mentre porta il bambino Gesù sulle spalle con la scritta “San Cristoforo proteggici”.

L’immagine più frequente di San Cristoforo raffigura un gigante barbuto che porta su una spalla Gesù Bambino, aiutandolo ad attraversare le acque di un fiume; Gesù Bambino regge sulla punta delle dita il mondo, come se giocasse con una palla. Questa immagine risale ad una delle leggende agiografiche più note relative al Santo martirizzato il 25 luglio a Samo, in Licia. Secondo questa tradizione, il suo vero nome era Reprobo, ed era un gigante che desiderava mettersi al servizio del re più forte del mondo. Giunto alla corte di un re che si riteneva invincibile, si mise al suo servizio, ma un giorno si accorse che il re, mentre ascoltava un menestrello che cantava una canzone che parlava del diavolo, si faceva il segno della croce. Gli chiese come mai, e il re gli rispose che aveva paura del diavolo, e che ogni volta che lo sentiva nominare si faceva il segno della croce per cercare protezione. Il gigante si mise allora alla ricerca del diavolo, che giudicava più potente del suo re. Non gli ci volle molto per trovarlo, e si mise a servirlo e a seguirlo. Ma un giorno, passando per una via dove c’era una croce, il diavolo cambiò strada. Reprobo gli chiese per quale motivo l’avesse fatto, e il diavolo fu costretto ad ammettere che su una croce era morto Cristo e che lui davanti alla croce era costretto a fuggire spaventato. Reprobo allora lo abbandonò e si mise alla ricerca di Gesù Cristo. Un eremita gli suggerì di costruirsi una capanna vicino ad un fiume dalle acque pericolose e di aiutare, grazie alla sua forza e alla sua statura gigantesca, i viandanti ad attraversarlo; certo Cristo ne sarebbe stato felice e forse un giorno si sarebbe manifestato a lui. Un giorno il gigante buono udì una voce infantile che gli chiedeva aiuto: era un bambino che desiderava passare sull’altra riva. Il gigante se lo caricò sulle spalle e cominciò ad attraversare le acque tumultuose; ma più si inoltrava nel fiume, più il peso di quell’esile fanciullo aumentava, tanto che solo con molta fatica il gigante riuscì a raggiungere la riva opposta. Lì il bambino rivelò la propria identità: era Gesù, e il peso che il gigante aveva sostenuto era quello del mondo intero, salvato dal sangue di Cristo. Questa leggenda, oltre ad ispirare l’iconografia occidentale, ha fatto sì che San Cristoforo fosse invocato patrono dei barcaioli, dei pellegrini e dei viandanti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/07/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Metropolita Hilarion: “poniamo fine alle rivalità”

Il titolare del Dipartimento per le relazioni esterne del Patricarcato ortodosso, il metropolita Hilarion di Volokolamsk, ha affermato che non al momento non si parla unificare la chiesa ortodossa e cattolica, però queste ultime possono muoversi per porre fine ad una rivalità che va avanti da secoli.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: impariamo dai magi in cammino verso Betlemme

All’omelia nella Messa per la solennità dell’Epifania del Signore, Papa Francesco indica nei magi, che vanno in cerca del Signore, l’immagine di chi non si accontenta di una vita apatica, “appiattita sul consumo” ma si lascia interrogare mettendosi in gioco.

Leggi tutto

Chiesa

A Bose nominato il nuovo priore

Il teologo e biblista Sabino Chialà nuovo priore del Monastero di Bose. Chialà succede a Manicardi, a sua volta successore del fondatore Enzo Bianchi, trasferito dopo una delicata vicenda interna che aveva richiesto l’intervento della Santa Sede

Leggi tutto

Chiesa

Don Giussani ed il suo messaggio cristiano

Celebrata nella capitale, in San Giovanni in Laterano, la Messa nel centenario della nascita del fondatore del Movimento di Comunione e Liberazione.

Leggi tutto

Chiesa

Nigeria: proteste per il rapimento dei sacerdoti

Il capitolo nello Stato di Kaduna dell’Associazione cristiana della Nigeria è triste e in lutto per i continui episodi di assassini, rapimenti, banditismo, commessi nel nostro Stato senza che vi sia alcuna azione sostanziale da parte del governo e delle forze di sicurezza” denuncia il presidente della CAN di Kaduna,

Leggi tutto

Chiesa

Il saluto al cardinale Barragan

In Vaticano la cerimonia funebre per il cardinale Javier Lozano Barragán, presidente emerito del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, scomparso a Roma il 20 aprile scorso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano