Storie

di La redazione

Insulta su Facebook poliziotto morto suicida, il Mosap lo porta in tribunale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Il Mosap dopo la nota vicenda del tentato omicidio del collega Sannino dinanzi al Tribunale di Roma, ha “esportato” la tutela morale degli appartenenti al Corpo della Polizia di Stato anche fuori dalle mura capitoline. Il Tribunale penale di Ascoli Piceno in composizione monocratica - nella persona della dott.ssa Barbara Bondiciutti - all’esito dell’udienza celebratasi ieri mattina, ha riconosciuto al nostro movimento lo status di danneggiato dal reato nel processo a carico di un soggetto imputato per diffamazione, per aver offeso la reputazione degli appartenenti al Corpo della Polizia di Stato rappresentati dal Movimento Sindacale autonomo di Polizia, pubblicando su Facebook con il proprio profilo “Sandro Bello” un commento diffamatorio ad un articolo che riportava la notizia del suicidio di un poliziotto dal seguente tenore: “quando non trovano nessuno da uccidere o picchiare vanno a rota e si ammazzano tra loro… normale per questi”».

Lo rende noto Fabio Conestà Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).

«Siamo soddisfatti – dice Conestà – e ringraziamo il nostro legale, Avv. Prof. Antonello Madeo dalla cui intuizione è nato questo filone di intervento. Ogni singolo centesimo di un eventuale risarcimento del danno sarà devoluto all’assistenza delle famiglie dei colleghi sfortunati».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/07/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Lo sfogo del poliziotto

Quel che succede a Milano nei pressi della stazione Centrale è noto a tutti. Le aree attorno all’edificio ferroviario sono una grande Babilonia, fatta per lo più di immigrati irregolari che sbarcano il lunario con furti, borseggi, rapine e spaccio di droga

Leggi tutto

Società

Unicef Italia: 37% dei bambini italiani esposti all’odio su internet

L’esposizione dei bambini e dei ragazzi a messaggi di odio varia, a seconda dei paesi, dall’8% al 58% risultando meno diffusa in Indonesia e Vietnam (8%) e più diffusa in Polonia (58%). L’esposizione a immagini violente ha mostrato una gamma simile, compresa tra il 15% e il 55%, risultando nuovamente meno diffusa in Indonesia (15%) e più diffusa in Polonia (55%). In Italia circa il 37% dei bambini e giovani sono esposti a messaggi di odio e oltre il 34% sono esposti a immagini cruente e violente.

Leggi tutto

Storie

Lavora con la polizia ma è irregolare

Dopo essere arrivato in maniera irregolare in Gran Bretagna aveva mentito sul suo paese di origine per ottenere il permesso di soggiorno. Poi era riuscito addirittura a diventare un funzionario della Uk Border Force, l’autorità di frontiera britannica. Quasi una “beffa” se non fosse che è stato scoperto: l’uomo, 30 anni è stato arrestato oggi a seguito di un controllo.

Leggi tutto

Storie

Palermo, poliziotto massacrato durante arresto

*Palermo, poliziotto massacrato durante arresto, Marco Pitti (LES): “Volevano rubargli la pistola e ucciderlo, iniziamo ad indignarci anche per la violenza contro la polizia”*

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Leggi tutto

Storie

Aborto: le lobby nascondono le mappe

​Mentre la maggior parte delle persone gioisce per la sentenza di scelta contro l’aborto, social, media e lobby proseguono la loro battaglia faziosa,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano