Storie

di Nathan Algren

Nicaragua: le Suore di Madre Teresa minacciate di espulsione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo di Daniel Ortega, mediante il ministro degli Interni, ha ordinato sabato 25 giugno la chiusura di 101 organizzazioni non governative (ONG), tra cui l’associazione delle Missionarie della Carità, la congregazione religiosa fondata da Madre Teresa.

La domanda è stata formulata in primo luogo dal legislatore sandinista Filiberto Rodríguez, in una lettera presentata il 22 giugno all’Assemblea Nazionale. Nel documento, pubblicato dal media nazionale Confidenciál, egli presenta
Il testo, che deve essere dibattuto questa settimana, afferma che l’Associazione delle Missionarie della Carità «non ha rispettato i suoi doveri» relativi alla legge che regolamenta le OSSL, a quella sul riciclaggio di denaro sporco volta ad evitare il finanziamento del terrorismo e quello di armi di distruzioni di massa. il decreto legislativo per l’annullamento della personalità giuridica di diverse associazioni e fondazioni, domandata dalla Direzione nazionale della registrazione e del controllo delle OSSL [organizzazioni senza scopo di lucro, N.d.R.].

Il testo, che deve essere dibattuto questa settimana, afferma che l’Associazione delle Missionarie della Carità «non ha rispettato i suoi doveri» relativi alla legge che regolamenta le OSSL, a quella sul riciclaggio di denaro sporco volta ad evitare il finanziamento del terrorismo e quello di armi di distruzioni di massa.

Nel dettaglio, stando al governo, le missionarie della Carità non sono accreditate «dal ministero della Famiglia per funzionare come un asilo nido, un ritrovo per giovani ragazze e un dispensario per anziani», e non dispone «di un permesso, che dovrebbe essere concesso dal ministero dell’Educazione, per effettuare il rinforzo degli apprendistati», delle azioni caritative di cui si occupano attraverso differenti strutture. Inoltre, denuncia il governo, lo stato delle finanze comunicato al ministero dell’Interno non coincide con i documenti presentati nella supervisione.

L’Associazione delle Missionarie della Carità è stata fondata in Nicaragua il 16 agosto 1988, subito dopo la visita di Madre Teresa nel Paese e durante il primo governo di Daniel Ortega (1985-1990). Le religiose realizzano il grosso delle loro azioni caritative attraverso la Casa del Cuore Immacolato di Maria, nella città di Granada, dove adolescenti presi da contesti difficili vengono accolti e aiutati a costruire il loro futuro. Nella capitale, Managua, una casa di riposo, un progetto di sostegno scolastico per gli alunni a rischio e un asilo nido per famiglie senza risorse sono tenuti dalle Missionarie della Carità.

Le Missionarie della Carità fanno parte delle 101 organizzazioni chiuse lo scorso fine settimana dal governo del Nicaragua, e si aggiungono a più di 750 organizzazioni chiuse dal governo in questi ultimi anni, tutte col medesimo metodo volto a negare personalità giuridica. Nel maggio 2022, ad esempio, è stata la volta dell’Istituto Giovanni XXIII, legato all’Università dell’America Centrale (UCA), che aiutava circa 400mila persone con i suoi programmi di alloggio, i suoi progetti di ecologia globale e, soprattutto, di sanità. All’inizio del giugno 2022, TV Merced, una rete cattolica della diocesi di Matagalpa, è stata chiusa. Preti sono stati arrestati e vescovi minacciati.

Come in tutte le persecuzioni contro la Chiesa cattolica condotte da regimi autocratici, quello di Daniel Ortega (giunto a qualificare i Vescovi di “golpisti” e i preti di “criminali”), l’obiettivo di tali atti è di mettere a tacere e intimidire. Le Missionarie della Carità, al servizio dei più poveri fra i poveri da più di quarant’anni, negoziano con il governo per continuare a servire gli abitanti del Paese che hanno bisogno di aiuto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/07/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Società

Greenwahing e Greta Thunberg

Il greenwashing è solo una moda, che per qualche oligarchia nasconde interessi finanziari, e certamente è impensabile che una leadership come quella di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, possa reggersi in piedi da sola. Tuttavia l’attacco alla sua persona è due volte miope: perché colpisce una ragazzina e perché sembra non vedere le verità indicate dalla sua voce.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Chiesa

La seconda giornata di Papa Francesco in Slovacchia

Prosegue oggi in Slovacchia il 34.mo Viaggio Apostolico di Papa Francesco. Un programma ricco di incontri quello odierno, in un Paese dove si respira la gioiosa attesa della popolazione

Leggi tutto

Chiesa

Fao, Papa Francesco ai giovani: rigenerate il mondo scosso dalla pandemia

In un messaggio, letto dal segretario di Stato Pietro Parolin, Francesco si rivolge al direttore generale Qu Dongyu per l’apertura del Forum mondiale sull’Alimentazione al via a Roma da oggi.

Leggi tutto

Chiesa

Domani l’incontro tra il Papa ed i giovani di Scholas

Nel pomeriggio del 25 novembre Francesco sarà a colloquio con 71 ragazzi della Fondazione Pontificia impegnata sui temi dell’educazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano