Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa smentisce le voci sulle dimissioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco smentisce di avere intenzione di dimettersi (“Non mi è mai passato per la testa. Per il momento no”), smentisce le voci secondo le quali sarebbe malato di cancro. E ribadisce invece la sua volontà di recarsi in Russia e in Ucraina appena possibile, forse a settembre. Dice inoltre di rispettare la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti sull’interruzione di gravidanza e ripete la sua ferma condanna dell’aborto. Il Vescovo di Roma sabato scorso ha rilasciato una lunga intervista al corrispondente dell’agenzia Reuters, Phil Pullella. L’incontro è durato circa 90 minuti e questo è un primo resoconto con alcuni dei contenuti pubblicati dall’agenzia.

Com’è noto, secondo diversi articoli e commenti sui media, alcuni eventi recenti o programmati (dal concistoro di fine agosto alla vista all’Aquila dove è sepolto Celestino V, che si dimise nel 1294) farebbero pensare all’intenzione del Papa di rinunciare al pontificato. Ma Francesco ha smentito questa interpretazione: “Tutte queste coincidenze hanno fatto pensare ad alcuni che la stessa ‘liturgia’ sarebbe avvenuta. Ma non mi è mai passato per la testa. Per il momento no, per il momento no. Davvero!”. Il Papa allo stesso tempo, come aveva già fatto più volte in passato, ha spiegato che la possibilità di dimettersi è presa in considerazione, soprattutto dopo la scelta fatta da Benedetto XVI nel 2013, nel caso la salute gli rendesse impossibile continuare nel suo ministero. “Quando vedrò che non ce la faccio, lo farò”. Francesco ha parlato del gesto di Benedetto sottolineando che “è stata una cosa buona per la Chiesa e per i Papi” e che lui resta un “grande esempio”. Ma alla domanda su quando potrebbe accadere, ha risposto: “Non lo sappiamo. Dio lo dirà”, con parole simili a quelle usate venerdì 1° luglio nell’intervista all’agenzia Telam.

A proposito dei problemi al ginocchio, Francesco ha parlato del rinvio del viaggio in Africa e della necessità delle terapie e del riposo. Ha detto che la decisione del rinvio gli ha causato “molta sofferenza”, soprattutto perché voleva promuovere la pace sia nella Repubblica Democratica del Congo che in Sud Sudan. “Il medico – ha aggiunto il Papa - ha detto di non farlo perché non ero in grado. Farò quello del Canada perché il dottore mi ha detto che con 20 giorni in più mi posso riprendere”. Il Papa, osserva l’intervistatore, ha usato un bastone per entrare nella sala di ricevimento al piano terra di Casa Santa Marta. E ha quindi fornito dei dettagli sullo stato del suo ginocchio, dicendo di aver subito “una piccola frattura” quando ha fatto un passo falso mentre un legamento era infiammato. “Sto bene, sto lentamente migliorando”, ha aggiunto, spiegando che la frattura sta guarendo, aiutata dalla terapia con laser e magneti. “Adesso – ha aggiunto il Papa – devo cominciare a muovermi per non perdere la muscolatura. Va meglio, va meglio.”

Papa Francesco ha poi smentito le voci secondo le quali gli sarebbe stato diagnosticato un cancro un anno fa, quando si è sottoposto a un’operazione di sei ore per rimuovere un tratto del colon a causa di una diverticolite, una condizione comune negli anziani. “L’operazione è stata un grande successo”, ha detto il Papa, aggiungendo con il sorriso sulle labbra che “non mi hanno detto nulla” sul presunto cancro, che ha liquidato come “pettegolezzi di corte”, “lo spirito della corte – ha affermato - ancora c’è in Vaticano”, è “l’ultima corte europea di monarchia assoluta”. Ha poi dichiarato a Reuters di non volere un’operazione al ginocchio perché l’anestesia generale dell’intervento dello scorso anno aveva avuto effetti collaterali negativi.

L’intervista ha quindi toccato temi internazionali. Parlando della situazione in Ucraina, Francesco ha fatto notare che ci sono stati contatti tra il Segretario di Stato Pietro Parolin, e il Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, su un possibile viaggio a Mosca. I segnali iniziali non sono stati buoni. Si è parlato di questo possibile viaggio per la prima volta, diversi mesi fa, ha detto il Papa, spiegando che Mosca ha risposto che non era il momento giusto. Ha lasciato comunque intendere che ora qualcosa potrebbe essere cambiato. “Vorrei andare in Ucraina, e volevo prima andare a Mosca. Ci siamo scambiati dei messaggi a questo proposito, perché pensavo che se il presidente russo mi avesse concesso una piccola finestra per servire la causa della pace… E ora è possibile, dopo il mio ritorno dal Canada, che io riesca ad andare in Ucraina. La prima cosa da fare è andare in Russia per cercare di aiutare in qualche modo, ma vorrei andare in entrambe le capitali”. Riferendosi a Mosca, Francesco ha parlato di “dialogo molto aperto, molto cordiale”, “la porta - ha affermato - è aperta”.

Infine, il Papa nell’intervista con Phil Pullella ha toccato il tema della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha ribaltato la storica sentenza Roe contro Wade che stabiliva il diritto di una donna ad abortire, Francesco ha detto di rispettare la decisione ma di non avere abbastanza informazioni per parlarne da un punto di vista giuridico. Ma ha anche condannato con forza l’aborto, paragonandolo – come aveva già fatto molte volte in passato – all’ “assunzione di un sicario”. “E’ una vita umana, questa è scienza”. “Chiedo: è legittimo, è giusto, eliminare una vita umana per risolvere un problema?”

Al Papa è stato anche chiesto di esprimersi sul dibattito in corso negli Stati Uniti sulla possibilità che un politico cattolico, personalmente contrario all’aborto ma che sostiene il diritto di scelta degli altri, possa ricevere la comunione. Alla speaker della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi, ad esempio, è stato proibito ricevere l’eucaristia dall’arcivescovo della sua diocesi, San Francisco, ma si comunica regolarmente in una parrocchia di Washington, e la settimana scorsa ha ricevuto la comunione da un sacerdote durante la Messa in San Pietro presieduta dal Pontefice. “Quando la Chiesa perde la sua natura pastorale, quando un vescovo perde la sua natura pastorale, questo causa un problema politico”, ha commentato il Papa. “Questo è tutto ciò che posso dire”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2022
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

“Io ritornerò”: pubblicate le lettere di Eugenio Corti dalla Russia

Sulla scorta dei ricordi personali (l’autore ha avuto il privilegio di conoscere e frequentare familiarmente Corti), vengono presentate le “lettere dalla Russia 1942-1943”, a cura di Alessandro Rivali

Leggi tutto

Società

Aborto, si va verso la resa dei conti

Una settimana dopo l’estensione del “délit d’entrave” all’IVG, in Francia, la Regione Lazio ha promosso un concorso, al San Camillo in Roma, che escludeva esplicitamente i candidati obiettori di coscienza. È il momento di uno scontro aperto tra quanti asseriscono che l’aborto è un diritto e quanti lo negano. Irrigidimento negativo, occorre invece poter sollevare la questione e analizzarla

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi lavora nei media reimpari ad ascoltare

In occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni sociali 2022, Papa Francesco lancia un invito ai professionisti del settore: la ricerca della verità comincia dall’ascolto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano