Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Le intenzioni del papa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alla lunga si può tendenzialmente discernere più agevolmente dove una persona va a parare.

La posizione di Francesco sulla guerra russo-ucraina testimonia della sua buona fede, alla quale sempre sono stato propenso a credere. Anche perché il mare di vive intuizioni innovative che trasmette non potrebbe facilmente provenire da un burocrate. Francesco vuole uscire dalle astrazioni, dagli spiritualismi, del razionalismo ma non avendo ricevuto la grazia di intuire un oltre rispetto al razionalismo stesso esso resta la sua cultura di riferimento, sia pur guardata con sospetto. Così finisce nel pragmatismo del “famo a capisse” e non in una rinnovata ricerca del discernere divino e umano del Gesù dei vangeli, del suo cuore nella luce che scende a misura, come una colomba.

Questo pacifismo pratico finisce per porre meno attenzione, nei tempi e nei modi adeguati, alla crescita identitaria delle persone e al solo allora più autentico scambio. Dunque scade nello svuotamento, nell’omologazione, delle coscienze che tanto aggrada al pensiero unico di finanza e big tech che vuole tutti meri individui consumatori persi in una massa anonima.

Francesco in vari modi si trova a supportare questo drammatico dominio. Ma non è consapevole, di tutto ciò. Magari in maniera tragicamente furbesca pensa di usare questi poteri tirannici per i propri benefici scopi senza avvedersi che è vero il contrario.

Ma la guerra citata mostra che il papa non esita ad andare contro il mainstream quando la ricerca della pace secondo la sua visuale viene forzata a rientrare nei ranghi. Persino da alcuni suoi corifei più realisti del re.

Peccato che il razionalismo di fondo renda difficile anche al discernere del pontefice l’ascoltare piccole voci che valorizzerebbero i suoi tanti contributi innovativi e sbloccanti situazioni incartapecorite, orientandoli all’oltre del discernere concreto del Gesù dei vangeli. Il razionalismo capisce solo sé stesso, è strutturalmente chiuso nelle proprie logiche, non è naturalmente aperto come il cuore alla luce serena, a misura, che lo illumina, per qualunque via e da ovunque provenga.

Come sarebbe bello, Dio volendo, che Francesco si aprisse a questa nuova visuale. Trovando su queste scie anche vie nuove, meno impositive, più partecipate, per difendersi dalle immani resistenze di chi nella Chiesa è accanito difensore di quell’intellettualismo astratto, in versione conservatrice o progressista, che è l’esatto contrario del vivo discernere di Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas

Leggi tutto

Storie

Siria la terra martoriata e dimenticata

Entrare in Siria, terra di cristianesimo primordiale significa cadere in ginocchio e ringraziare Dio, che non ha abbandonato il popolo siriano

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita”.

Prima della preghiera mariana Papa Francesco ha commentato il Vangelo di questa domenica e l’incontro di Gesù con l’uomo ricco, che è “un test sulla fede” anche per noi.

Leggi tutto

Società

A Boston il congedo retribuito dopo l’aborto

Aiuti alle famiglie per i figli? Ma quando mai…. anzi, secondo un rapporto del New Boston Post, i dipendenti della City potranno richiedere fino a 12 settimane di congedo retribuito dopo un aborto.

Leggi tutto

Politica

Mattarella il 16 dicembre in visita di congedo dal Papa

Il presidente della Repubblica italiana sarà ricevuto alle 9.30del prossimo 16 Dicembre nel Palazzo Apostolico, a conclusione del suo settennato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano