Politica

di Andrea Turco

L’Alternativa per l’Italia del futuro c’è!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Iniziano a scuotersi le poltrone sotto le gambe dei nostri politici. Ed ecco che persone dal calibro di Maurizio Gasparri (fedelissimo di Berlusconi), in diretta TV prende in giro famiglie e imprese che non arrivano a fine mese. Utilizzando la satira politica per fare campagna elettorale con una pillola! Già una pasticca! Denominata berlusconina e che già nel 2011 ci ha portato sull’orlo dell’astrico. Tanto che dovette dimettersi -nel 2011 - dopo un lungo dibattito con Alfano( tra i fondatori del PDL), che di fatto sancì il non rinnovo alla fiducia alla persona di Berlusconi nella qualità istituzionale di Presidente del Consiglio dei ministri, dopo le innumerevoli accuse rivolte al Cavaliere e, all’isolamento dell’Italia in Europa.

Provo sgomento e rancore verso questa classe politico-parlamentare che ha governato l’Italia fra menzogne, golpe. Depauperando così la libertà di pensiero attraverso i mass media, asserviti allo stesso sistema. Tradendo le promesse elettorali e i valori come la giustizia sociale, l’equità sociale che sono elementi imprescindibili di una democrazia compiuta.

Hanno distrutto la nostra Italia! Si! Perché l’Italia per noi é il nostro paese. Quello che molti amano, ma che allo stesso tempo - molti giovani - sono costretti ad abbandonare per le mancate politiche giovanili, sia in tema di istruzione e scuola, sia in tema di lavoro. Pensate che le nostre università sono divenute - per qualità e apertura verso il mondo del lavoro - fra le ultime nelle classifiche europee. E in tutto ciò abbiamo le nostre eccellenze che primeggiano e sono riconosciute nel mondo; nonstante l’Europa del Nord avanzi a ritmi serrati e, lasciandoci indietro come non fossimo uno dei paesi costituenti della Stessa.

Perché dobbiamo ricordarlo a questi signori che ci fu un grande Politico italiano - Alcide De Gasperi - che non solo fece dell’Italia una Repubblica democratica, ma sancì la formazione dell’UE nella conferenza della pace tenutasi.

In quel contesto cari amici ed amiche , tutto era contro di lui tranne la certezza del progetto unitario che si andava a compiere per ottenere sostanzialmente una cosa fondamentale: la pace in Europa, ad oggi messa a dura prova da politiche belligeranti che - con l’invio di armi - rischiano di provocare una escalation globale.

Ecco! Cari amici Pidieffini la nostra non è solo una missione cristiana, dobbiamo essere sinceri. É una battaglia sociale, democratica che vede la sua luce e il suo indirizzo nelle parole del Santo Padre e del suo immenso servizio al prossimo, ma che vede la sua realizzazione in un progetto più ad ampio raggio.

Abbiamo un dovere! Si! Abbiamo un dovere, oggi!

Quello di formare una coalizione che dica no Draghi post 2023. Questa é la collocazione politica per risanare la politica e riportare così la morale nella Stessa e, per andare al governo del Paese, ridisegnando la civiltà , applicando pedissequamente le leggi costituzionali, i valori e quella fede che illumina i cuori di ognuno di noi.

L’ufficio di presidenza ci ha indicato un percorso chiaro, intelligente, elettoralmente efficace. Quindi diamo vento alle vele e, con il vento in poppa dirigiamoci uniti verso quell’oasi di libertà che ci consentirà di uscire da questa depressione generale voluta e architettata da questa classe polico-parlamentere

Forza Italia ! Forza PDF!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Politica

Forza Orban

Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban.

Leggi tutto

Storie

Maria Pollacci si racconta: cosa ha visto chi ha fatto nascere quasi ottomila bambini

Tutta Italia la vide sul palco dell’Ariston il 9 febbraio 2017: l’“ostetrica dei record” ci racconta amichevolmente i suoi novantaquattro splendidi anni e si tratta di storie bellissime tutte da leggere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano