Società

di Nathan Algren

Emirati Arabi: cercasi dialogo e fratellanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Profonda ammirazione” per questa terra d’Arabia, che vanta “numerose tradizioni” ed è “crocevia” in cui si “incontrano, interagiscono e operano persone di molte nazioni”, grazie anche “al rispetto, alla tolleranza e alla coesistenza” promossa dai suoi leader. Con un richiamo alla multiculturalità e alla tolleranza, nella terra in cui papa Francesco e l’imam di al-Azhar hanno firmato il documento sulla “Fratellanza umana”, il neo vicario apostolico dell’Arabia meridionale mons. Paolo Martinelli ha fatto il suo ingresso ufficiale nella cattedrale di san Giuseppe ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti.

Ad accoglierlo, il 2 luglio scorso, vi era il predecessore, l’80enne mons. Paul Hinder dimissionario per raggiunti limiti di età, che ha guidato il vicariato per oltre 18 anni a partire dal 2003 e ha concelebrato la messa solenne.

Il 64enne monsignor Martinelli, dei Frati Minori Cappuccini della provincia di san Carlo in Lombardia, ha ricoperto negli ultimi otto anni la carica di vescovo ausiliare di Milano (Italia). “I governanti, le autorità e i dignitari di queste nazioni - ha affermato - hanno il mio pieno rispetto per l’opera di promozione dello spirito di convivenza e tolleranza”. “Dio ha chiamato tutti gli esseri umani a vivere insieme come fratelli e sorelle, pur appartenendo a culture, popoli e religioni diverse.

“All’inizio del mio ufficio di pastore in questo Vicariato, esprimo - ha sottolineato il prelato - il grande desiderio di elevare il dialogo interreligioso e la promozione della fratellanza universale secondo lo spirito del documento sulla fraternità”. Le religioni, seppur diverse fra loro, “possono contribuire notevolmente alle società di tutto il mondo promuovendo la pace e l’amore”.

Un passaggio del suo discorso è dedicato al predecessore monsignor Hinder, del quale sottolinea la “sincera accoglienza” al suo arrivo in terra d’arabia. “Colgo l’occasione - ha proseguito - per esprimere la mia profonda ammirazione per il meraviglioso lavoro e il saggio consiglio che ha mostrato durante il suo ministero” in una realtà di circa due milioni di fedeli composta in larghissima maggioranza da migranti provenienti da India, Filippine e altre nazioni asiatiche.

Il prelato ha poi rimarcato “l’importante lavoro” svolto da “tutte le parrocchie” a livello di pastorale, “in particolare i preziosi contributi delle scuole cattoliche” oltre alle chiese che rappresentano “un punto centrale di incontro per tutte le persone e per tutti i credenti, soprattutto per le famiglie”. In questa realtà fatta di “ricchezze” e di situazioni critiche e drammatiche come lo Yemen diventa “fondamentale” il documento sulla fratellanza, del quale “abbiamo il dovere di custodire la memoria” approfondendo al tempo stesso “le implicazioni culturali, sociali e religiose”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/07/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

Importante discorso del Pontefice all’apertura dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana: “Non servono i vescovi-pilota”

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano