Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Le principali tendenze della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ecco alcune riflessioni sulla situazione concreta in ambito ecclesiale.

Avendo trattato ampiamente dei principali orientamenti nella Chiesa qui giungo direttamente ad alcuni possibili suggerimenti concreti per ciascuno di essi per aprirsi ad un oltre. Sempre tenendo presente che dal vivo si può tenere un dialogo molto più adeguato, a misura, perché personalissimo. Nella vita reale non esistono schemi.

La guida spiritualista può tendere a stimolare nel discepolo il dialogo principalmente sulle intenzioni spirituali. Si interessa di meno della vita concreta, lì dove invece si manifesta sempre più pienamente, e almeno gradualmente non come rigido ma come è, delicato a misura, come una colomba, lo Spirito di Gesù Dio e uomo. Questi riduzionismi possono dunque limitare l’apertura alla stessa grazia, cui tanto tiene lo spiritualista. Si può tendere ad annoiarsi dove si dispiega l’infinito mistero di Dio, dell’uomo, del creato. Si viviseziona insomma lo Spirito che si dona in vario modo anche attraverso la vita specifica, le persone, gli eventi.

Lo spiritualista tende a delegare le questioni del quotidiano alle attualmente non di rado molto riduttive scienze umane. Pur con sospetto. Inoltre questa minore dimestichezza col discernimento incarnato può condurre a voli eterei e ad impacciate durezze e pragmatismi che possono apparire a tale pista come uno stare con i piedi per terra. Mentre si tratta semplicemente di limiti di una fede meno incarnata.

Un percorso per lo spiritualista potrebbe manifestarsi nel cercare un dialogo sulla propria vita tutta intera con un cristiano formato sulla via del discernimento spirituale e umano di Gesù. Dunque non nella cultura imperante di fede e ragione, causa delle scissioni che andiamo considerando. È evidentemente necessaria una grazia almeno germinale verso l’oltre di Gesù. La grazia porta sete di luce e umiltà.

La via fondamentale è cercare il vero discernere divino e umano di Gesù nel cammino di fede in ascolto dei vangeli. Può aiutare in tale direzione passare dal tenere corsi, esercizi, riunioni, catechesi, al privilegiare l’ascolto personale e comunitario del vangelo, meditato cursivamente in un cammino di fede. Certo l’aprirsi a tale forma di dialogo può richiedere una certa prudenza. La disattenzione cui accennavo sopra può causare nella guida rigidità, schematismi, incomprensioni, che complicano la meditazione comunitaria. Anche se lo spiritualista può ritrovare proprio nelle intenzioni profonde del cuore un aiuto ad una certa malleabilità.

Un’altro sentiero la guida in questione può scoprirlo, anche qui con prudenza, in un nuovo discreto stimolare il confronto del discepolo su tutta la propria vita, i suoi bisogni. E allo stesso modo porre attenzione ai percorsi e ai bisogni reali delle persone concrete del territorio in cui vive e opera.

Sto segnalando solo alcuni tra i principali possibili spunti per una nuova apertura delle guide all’oltre di Gesù, Dio e uomo. La guida razionalista può tendere ad ascoltare ancora meno di quella spiritualista che è comunque più orientata a seguire le persone specifiche. Il razionalista si orienta facilmente verso corsi, lezioni e catechesi più che sui cammini di fede. Punta sul dovere logico ma dunque in realtà moralista delle persone di seguire Gesù. Vive di visuali e discernimenti prefabbricati. Può essere aperto ad un rinnovamento che sfocia nelle omologazioni del modernismo o risultare chiuso in una logica tradizionalista. Ha una ferrea fiducia in quella astratta ragione che sta distruggendo la fede e la vita delle persone. In un modo o nell’altro dunque può risultare tra le guide più inconsapevolmente influenzabili dalle dinamiche della ragione astratta nella storia. Di cui ho trattato in altri interventi.

La ragione astratta chiude all’ascolto dello Spirito e quindi certo non aiuta a riconoscere un oltre rispetto a mere logiche. Più si è rigidi e schematici più il rischio è che un cambiamento possa passare per il crollo di tali impalcature.

La guida pragmatica ha come riferimento la cultura razionalista ma la guarda col sorriso di chi ha a che fare con persone magari persino più preparate ma alla fine cervellotiche e fuori dal mondo. Riscontrando le chiusure, le astrazioni, del razionalismo si tuffa nella vita pratica finendo per gettare via il bambino dei riferimenti con l’acqua sporca degli schematismi. Si dichiara aperta ad imparare dalla realtà ma rischia di guardare ad una realtà letta in modo appunto riduttivo, pragmatico. Una falsa apertura che illudendo può chiudere all’oltre di Gesù e del mistero integrale della vita.

Il formatore pragmatico punta sul fare e sul far fare. Dunque finisce per coinvolgere alcuni che vogliono agire. Ma non li aiuta a trovare le vie di una più autentica ed equilibrata crescita. Con tutte le problematiche che ciò può comportare. Anche se Dio conduce la storia e ben oltre tanti limiti umani. Nelle parrocchie per esempio il pragmatismo può alimentare le tensioni del costruire ciascuno più con le proprie forze che nel lasciarsi portare da Dio.

La guida pragmatista può non avvertire particolarmente il bisogno di accompagnare il cammino di ciascun discepolo figuriamoci quanto può essere difficile che intuisca la ricchezza di un confronto sulla propria concreta vita. Può trattarsi di una persona che ritiene che le cose si comprendono solo vivendole. Cosa vera ma parzialmente.

Di alcune difficoltà, di alcuni pericoli, di questi riduttivi orientamenti in relazione alla cultura, alla vita sociale, di alcune possibili piste risolutive, ho trattato già altrove. Quando si manifestano vie che sciolgono i nodi, aprono strade, si rimane stupiti nel riscontrare come una guida che tanto desidera il bene possa risultare indifferente verso di esse, chiusa in un proprio mondo strutturato. Allora si comprende che solo Dio sa come condurre la storia, con l’aiuto di ogni persona di buona volontà, anche con i suoi limiti.

Della guida spiritualista quella pragmatica potrà osservare che essa vive in un mondo etereo; la guida razionalista potrà ritenerla variamente sempliciotta in un mondo così complesso. Della guida razionalista quella spiritualista penserà che è troppo teorica e poco spirituale; quella pragmatica la irriderà per la sua tanto altisonante quanto poco concreta cultura. Della guida pragmatica quella spiritualista potrà lamentare la riduzione della fede ad un’etica, talora anche omologante; quella razionalista la potrà ritenere ignorante e sempliciotta.

Sono solo alcuni germinali spunti circa queste visuali incrociate. Esse hanno in comune il diverso porsi nei confronti della cultura razionalista imperante sempre però avendola come punto di riferimento. E caratteristica di tale impostazione è la chiusura nella propria logica, il non lasciarsi tanto facilmente portare oltre dallo Spirito di Gesù da ovunque venga. Tale sordità può comportare la tendenza a non dare spazio agli altri quando ci si trova ad essere la tendenza prevalente nella Chiesa.

Dominano le logiche di apparato, i formalismi, i tecnicismi. Una serena sincerità prima via dello Spirito può finire per incontrare ostacoli e incentivi all’accantonamento. Anche per la gente può divenire più difficile sentirsi avviata verso una propria sintesi, verso un oltre rispetto a tali piste. Molto gradualmente dunque può maturare nella storia una speranza nuova che rinnova il mondo, la cultura, la vita, a tutto campo. La libera, semplice, a misura, crescita integrale di ciascuno, nella Luce che lo illumina, anche nello scambio con gli altri. Nei modi e nei tempi adeguati fin dalla scuola. Il cammino pure verso una più viva, autentica, democrazia. Il Signore non tarda nel compiere le sue promesse ma usa pazienza perché tutti si convertano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/07/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco ha ricevuto Macron

Il presidente francese in udienza nel Palazzo Apostolico: un’ora in dialogo a porte chiuse con Francesco. Poi l’incontro con il segretario di Stato Parolin e il segretario per i rapporti con gli Stati Gallagher

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano