Politica

di la redazione

Popolo della Famiglia Firenze: lettera al sindaco Nardella

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dalla parte giusta della Storia?... Anche no.

Il Popolo della Famiglia di Firenze ha preso nota delle dichiarazioni del Sindaco Dario Nardella (qui, da Repubblica) circa la mobilitazione del Consiglio comunale della nostra città, da parte sua, per la concessione della cittadinanza onoraria fiorentina agli studenti stranieri che abbiano frequentato almeno un ciclo scolastico di istruzione. Si tratta di uno strumento di pressione politica sulla questione del c.d. ius scholae, che sarà oggetto, a breve, del dibattito politico parlamentare.

In relazione a ciò, il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ha scritto una lettera aperta al Sindaco (il testo integrale della mail è allegato alla presente), nella quale ha segnalato al primo cittadino l’intervento, apparso il primo luglio scorso sull’agenzia informativa La Nuova Bussola Quotidiana, a firma di Anna Bono, dal titolo “Ius scholae, una proposta razzista”, nel senso che

“Lo ius scholae prevede che un immigrato acquisisca la cittadinanza italiana se è arrivato quando aveva meno di 12 anni e se ha frequentato almeno cinque anni di scuola italiana. In realtà i figli degli immigrati godono già di tutti i diritti. Piuttosto c’è dietro l’idea che la nazionalità italiana sia superiore a quella marocchina, albanese o nigeriana”.

Così Tossani, a Nardella:

“Da quanto sopra, segnaliamo in particolare alcuni elementi. Il primo, se è vero, come dice la Bono, che

“...nessun diritto è negato ai minori stranieri che vivono in Italia. Godono degli stessi diritti, delle stesse libertà e usufruiscono degli stessi servizi dei bambini italiani, senza discriminazioni e limitazioni. Secondo quanto prevede la legge, raggiunta l’età di 18 anni, se risultano risiedere stabilmente in Italia hanno facoltà di scegliere se mantenere la cittadinanza dei loro genitori oppure diventare cittadini italiani e hanno due anni di tempo per decidere che cosa fare”.

ebbene, allora Lei sta mobilitando febbrilmente il Consiglio Comunale per presunte necessità urgenti che però, nei fatti, non sussistono. La seconda, dove la Bono scrive:

“...a meno che le rivendicazioni di chi sostiene lo ius scholae – e in passato lo ius soli – non rispecchino un pregiudizio, anche inconsapevole: che cioè la nazionalità italiana sia più ambita, desiderabile, prestigiosa, che potersi presentare al mondo come italiani sia meglio che farlo da marocchini, albanesi o nigeriani”.

Quindi Le chiediamo, Signor Sindaco: Lei è consapevole del fatto che lo ius scholae è una proposta razzista?

Infine, chiudiamo osservando che La Rete per la riforma della cittadinanza, nel flash mob del 28 giugno scorso a Roma, in piazza Capranica, ha adottato il seguente slogan:

“Italia, promettimi che 877mila studenti riceveranno la cittadinanza, che mi considererai uguale ai miei compagni, che potrò andare a votare per la prima volta…”

ben s’intende, nelle intenzioni dei promotori, votare a favore del Movimento 5 Stelle, e del PD. Vediamo se, per fare questo, troverete una maggioranza in Parlamento.

Cogliamo l’occasione per porgere il nostro cordiale saluto a tutti gli stranieri, di alcuni dei quali abbiamo ben presenti i nomi e i volti, e che vediamo impegnarsi quotidianamente, con le loro famiglie, a rendere grande il nostro Paese, senza indulgere in falsi vittimismi ideologici”.

il Popolo della Famiglia Firenze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/07/2022
0206/2023
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Società

Sul tema delle armi

Recentemente ha fatto discutere il deposito di ben cinque proposte di legge volte a liberalizzare (de iure, ma soprattutto de facto) la detenzione privata di armi da fuoco: i depositari delle proposte, specie i leghisti, cercano di puntare tutta l’attenzione sul diritto alla legittima difesa, ma ciò non tiene in conto che l’Italia non conta grandi casi di condanne per questa fattispecie… e oltretutto che armare virtualmente tutta la società non la rende più sicura

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Storie

Intervista alla mia maestra

Intervista alla mastra Angelamaria Vaccaro che ha esercitato la sua professione per 40 anni alle scuole elementari

Leggi tutto

Politica

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA SI RIORGANIZZA A ROMA E NEL LAZIO

NUOVI INCARICHI IN VISTA DELLE ELEZIONI A CIAMPINO E VITERBO

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano