Storie

di Giuseppe Udinov

SANNA MARIN AL PRIDE MENTRE LA FINLANDIA ESTRADA I CURDI IN TURCHIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi sono gli Young Global Leaders? Si tratta di un gruppo di politici che si sono formati nell’omonima scuola creata e finanziata dall’ingegnere tedesco Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum.

Dunque una scuola di formazione che ha l’obiettivo di forgiare una nuova generazione di politici in grado di rispondere ai diktat di quella che Schwab chiama agenda globale. Liberalizzazione dell’economia, massima attenzione ai diritti civili a discapito di quelli sociali, apertura delle frontiere per attrarre nuova manodopera a basso costo e radicalizzazione dello scontro tra Occidente e modelli alternativi.

“Ci infiltriamo nei ministeri. Ero a un ricevimento per il Primo Ministro canadese Trudeau e so che metà della sua squadra, o anche più della metà, sono in realtà Young Global Leaders”, aveva dichiarato in tempi non sospetti l’ingegnere tedesco.

Tra gli Young Global Leaders si sta facendo strada la giovane Primo Ministro finlandese, Sanna Marin. La 37enne a capo del Governo di Helsinki, con le sue ultime mosse, rappresenta infatti appieno la natura e gli obiettivi della cosiddetta agenda globale.

Sanna Marin è stata infatti recentemente protagonista del controverso memorandum d’intesa raggiunto tra Finlandia, Svezia e Turchia. Un accordo con cui i due Paesi nordici hanno deciso di barattare l’autorizzazione turca al loro ingresso nell’Alleanza atlantica, in cambio di un favore. Sul piatto sono stati messi i guerriglieri curdi del PKK, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, presenti nei territori di Svezia e Finlandia, che dopo il nuovo memorandum potranno così essere estradati in Turchia.

Sappiamo, attraverso la denuncia di diverse organizzazioni internazionali, che la Turchia di Erdogan non ha molto a cuore il rispetto dei diritti dei prigionieri, specialmente se di etnia curda. Lo testimoniano i casi di Osman Sibar e Garibe Gezer, entrambi reclusi per presunti crimini di terrorismo legati all’appartenenza a movimenti curdi: entrambi sembrano aver subito torture durante il loro periodo di detenzione e Garibe Gezer è morta in carcere.

Bene, mentre quindi la Finlandia di Sanna Marin si è accordato per la consegna dei curdi alla Turchia, lo stesso Primo Ministro si è fatta fieramente ritrarre in mezzo alle manifestazioni Pride che si sono svolte a Helsinki. “Buon Orgoglio a tutti! Oggi, il Partito Socialdemocratico finlandese ha partecipato con un grande gruppo all’evento Helsinki Pride”, ha cinguettato con entusiasmo Sanna Marin.

Lo stesso Primo Ministro ha poi preannunciato l’imminente presentazione in Parlamento di una legge per la tutela dei diritti delle persone transessuali.

Se Sanna Marin è davvero espressione dell’agenda globale, questa assume così forme sempre più inquietanti: un grande circo fatto di bandiere arcobaleno mentre sullo sfondo si procede a passi spediti verso la guerra, svendendo la libertà e la vita di altri popoli al primo offerente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/07/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Una carta femminista contro la GPA

Le donne di “Se non ora quando? - Libere”, insieme a tante figure partitiche, culturali, dell’informazione e attivisti per i diritti civili (anche provenienti dal mondo omosessualista) hanno chiesto all’Onu di aprire una procedura per raccomandare finalmente il divieto della maternità surrogata. L’incontro si è svolto il 23 marzo nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, a Roma.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Chiesa

Parolin: stop alla guerra ed alle parole d’odio

In un’intervista all’emittente della Cei Tv2000, il segretario di Stato sottolinea che la Santa Sede è disponibile a promuovere iniziative di dialogo nella guerra nell’est Europa

Leggi tutto

Politica

Il disonore per Torino

A Torino il sindaco, Stefano Lo Russo, e l’assessore alle Politiche Sociali e ai Diritti, Jacopo Rosatelli, incassano “il disonore per Torino, capitale della tradizione arcobaleno”.

Leggi tutto

Storie

Detenuti e docce comuni

Il quotidiano 4W ha parlato con tre ex-carcerate che hanno denunciato la censura, le intimidazioni e le ritorsioni subite all’interno delle strutture carcerarie femminili dell’UK che ora ospitano anche uomini transgender.

Leggi tutto

Politica

Ucraina: l’Ue dona 5 milioni di compresse di ioduro di potassio

Il 26 agosto l’Unione europea ha ricevuto una richiesta di compresse di ioduro di potassio dal governo ucraino come misura di sicurezza preventiva allo scopo di aumentare il livello di protezione intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Le compresse di ioduro di potassio sarebbero utilizzate in scenari limitati per evitare che lo iodio radioattivo inalato o ingerito venga assorbito dalla tiroide.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano