Politica

di Roberto Signori

La “democrazia” made in Disney

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ ormai acclarato: per lavorare alla Disney bisogna abbracciare la loro linea politica estremamente progressista e politically correct, altrimenti si viene messi alla porta.

La conduttrice di “Fox & Friends Weekend” Rachel Campos-Duffy e suo marito Sean Duffy, un ex membro del Congresso repubblicano, in questi giorni hanno infatti attaccato la Disney per aver sostituito l’attore Tim Allen (che aveva doppiato Buzz Lightyear nei film di Toy Story) con Chris Evans per il doppiaggio del personaggio Buzz Lightyear nel controverso spinoff “Lightyear”, che contiene un bacio gay.

Mentre i dirigenti del film affermano di aver sostituito Allen, un repubblicano convinto, perché il personaggio di Buzz nello spinoff “Lightyear” è diverso dal giocattolo doppiato da Allen, la coppia ha affermato che il vero motivo della scelta erano le idee politiche dell’attore.

Campos Duffy ha detto che nessuno online crede alla Disney e che tutti sanno che Tim Allen è stato praticamente “cancellato”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/07/2022
0403/2024
San Casimiro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cosa bisogna fare per fermare il ddl Cirinnà

Dopo il primo sì alla legge sulle unioni gay che legittima persino l’utero in affitto va ingaggiata una battaglia parlamentare e di opinione pubblica, pronti ad aprire la crisi di governo se insistessero

Leggi tutto

Società

No dei giudici al doppio cognome per i figli di coppie gay

La Corte d’appello rigetta il ricorso del Comune di Torino. Al momento sono 79 i bimbi di unioni omogenitoriali iscritti all’anagrafe. Le trascrizione sono una forzatura della legge

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Storie

“Alcuni” sacerdoti ed i gay

Interessante presa di posizione della giornalista Costanza Miriano sui social. Ecco il suo breve ma ficcante scritto

Leggi tutto

Politica

Strasburgo condanna la Polonia per violazioni diritti gay

Incredibile ma vero. La Corte europea dei diritti umani ha condannato la Polonia perché il Paese non ha alcuna forma di riconoscimento legale e protezione per le unioni tra persone dello stesso sesso. Nella sentenza i togati di Strasburgo hanno stabilito che Varsavia sta quindi violando il diritto al rispetto della vita privata e familiare delle coppie dello stesso sesso che hanno una relazione stabile.

Leggi tutto

Politica

NON È OMOFOBIA, È DEMOCRAZIA

In tutte, tutte, tutte le trasmissioni Rai, nessuna esclusa, è obbligatoria una conduzione gay friendly e la stigmatizzazione di qualsiasi opinione dissenziente, foss’anche il voto di un Parlamento sovrano rappresentante del popolo italiano, come accaduto nel caso del ddl Zan. Non ne può più l’Italia del racconto falsato dalle lenti deformate di costoro, della linea politica obbligatoria, del divieto di dissenso, dell’oppressione così esagerata da essere diventata fastidiosa persino per molti che hanno sostenuto negli anni le lotte di chi veniva discriminato. Ma la discriminazione di allora non può trasformarsi in una violenta e prepotente soverchieria oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano