Società

di la redazione

Corte Suprema Usa condanna l’autoritarismo ambientalista

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte Suprema degli Usa ha emesso una sentenza, votata da 6 giudici supremi contro 3, a favore della West Virginia contro l’Epa, l’agenzia per la protezione dell’ambiente. Già i titoli dei maggiori quotidiani europei, dopo aver accusato la Corte, a maggioranza conservatrice, di aver vietato l’aborto, ora l’accusano di voler distruggere il pianeta. In realtà la corte ha condannato un abuso di potere, perché la burocrazia statale, scavalcando il Congresso, aveva iniziato a legiferare sulle emissioni di gas serra, imponendosi sui governi degli Stati. Ma per i progressisti questa forma di autoritarismo è necessaria, per affrontare le “emergenze” (che vanno dall’aborto al clima, passando per il Covid)

Tutto è nato dalle centrali termiche nella West Virginia. Secondo il piano di Barack Obama del 2015, il Programma per l’Energia Pulita, gli Stati avrebbero dovuto ridurre le emissioni, cambiando rapidamente le fonti energetiche, eliminando le centrali a carbone e altri combustibili fossili. La West Virginia, seguita da altri Stati, prevalentemente repubblicani, aveva fatto causa all’Epa, accusandola di non avere autorità sui programmi energetici dello Stato. Già nel 2016 la lite era finita alla Corte Suprema che, con una maggioranza di 5 a 4, aveva bloccato il piano di Obama. Poco dopo le elezioni presidenziali venivano vinte da Donald Trump, il cui approccio al problema era l’opposto: massima autonomia degli Stati in tema di energia e ambiente.

l caso è rimasto in stallo fino all’anno scorso, quando è stato risollevato, questa volta, da governi locali di sinistra, a partire dal District of Columbia (il distretto della capitale). E questo punto, la Corte Suprema ha bocciato l’Epa e confermato che la West Virginia ha ragione. L’Epa non ha il potere di imporre agli Stati degli standard di emissione di gas serra in relazione al cambiamento climatico. Con questo, tuttavia, la Corte non sta vietando affatto l’imposizione di quote massime di emissione. Semplicemente la sentenza elimina quello che era un abuso di potere dell’Epa, un organo burocratico dipendente dal potere esecutivo. Le leggi, anche sull’ambiente, devono essere sempre votate dal Congresso.

Scrivendo il parere di maggioranza, il giudice supremo John Roberts sostiene che il principio da seguire sia quello di guardare “con scetticismo” alle agenzie che affermano “in uno statuto a lungo esistente, un potere non annunciato”, che in realtà rappresenta un’“espansione trasformativa” del suo potere. L’Epa, per imporre il cambiamento sulla produzione di energia, aveva usato una sua prerogativa che poche volte era stata invocata prima del 2015. Era il tipico modo di agire dell’amministrazione Obama: conferire nuovi poteri alle agenzie, concentrare funzioni nelle mani di “zar” di nomina presidenziale, per imporre il cambiamento rapidamente, senza troppe discussioni in Congresso. Il giudice supremo Neil Gorsuch, in una nota, constata come il problema, dal punto di vista progressista, sia nella complessità e lentezza del processo legislativo. Ma è proprio questo che volevano i padri fondatori degli Stati Uniti, secondo Gorsuch, per proteggere la libertà e aumentare la responsabilità. E’ il Congresso, responsabile di fronte al popolo che lo elegge, che deve dare “ordini chiari” alla burocrazia.

La sentenza della Corte Suprema è dunque importante per ristabilire un clima costituzionale sano, per ribadire il principio della divisione dei poteri e impedire al potere esecutivo di imporre leggi che sarebbero prerogativa del Congresso, oltre che negare al governo federale la possibilità di prevaricare sugli Stati. Sintomatico il fatto che i critici della sentenza, a partire proprio dalla Casa Bianca, accusino la Corte di irresponsabilità sull’emergenza climatica. Invece di discutere su chi debba legiferare, si va subito a discutere sul cosa, sul contenuto delle leggi. “La decisione odierna della Corte Suprema” in tema di ambiente, si legge nel comunicato della Casa Bianca, è “devastante” e “riporta indietro” il Paese. Questo perché, nella logica delle emergenze, non importa che ci sia un abuso di potere. L’importante è che le politiche emergenziali vengano subito applicate, costi quel che costi. E senza discutere. Perché la gente è “stolta” e quindi un governo di “esperti” deve avere mano libera.

Insomma, ancora una volta i “progressisti” dimostrano di voler utilizzare l’autoritarismo con la scusa delle emergenze ma la Corte vigila…..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/07/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

Politica

ALL’AMICO ABORTISTA E NON CREDENTE

La questione religiosa non c’entra nulla con i 62 milioni di bambini statunitensi abortiti per via di una sentenza finalmente dichiarata incostituzionale. Mi rivolgo direttamente ad un mio amico abortista, uno dei tanti che in queste ore si è mostrato scandalizzato dalla decisione della Corte Suprema americana e pensa che gli sia stata imposta una visione religiosa della vita, a lui non credente

Leggi tutto

Storie

Enea: nuovo processo per produrre combustibili da rifiuti con le rinnovabili

Produrre combustibili gassosi come idrogeno e metano da rifiuti solidi urbani, plastiche non riciclabili e biomasse, senza emissioni inquinanti e con l’utilizzo di energia rinnovabile. È quanto permette il nuovo processo sviluppato e brevettato dai ricercatori ENEA

Leggi tutto

Storie

Ischia, monsignor Pascarella e la solidarietà

Monsignor Pascarella: “Serve una lettura critica da parte di tutti sulla nuova tragedia che ha colpito l’isola. Buona parte di questi disastri si possono evitare con interventi preventivi dell’uomo”

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

PDF Bisceglie: alberi sui bambini?

Il Popolo della famiglia di Bisceglie, un gruppo composto da padri, madri e figli, ha deciso di commentare la caduta di un grande pino dall’interno del plesso scolastico di via martiri di via Fani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano