Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il vescovo Ambarus sul degrado di Roma

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La capitale d’Italia vive una situazione di degrado generalizzato. Messa in ginocchio soprattutto sotto il profilo della raccolta dei rifiuti, di fatto paralizzata anche a seguito dell’incendio della discarica di Malagrotta, si presenta ovunque come un malato boccheggiante e rispetto alla sua sorte si coglie diffuso un senso di fatalismo e rassegnazione tra gli abitanti. Sull’argomento alcune considerazioni di con monsignor Benoni Ambarus, già direttore della Caritas diocesana, vescovo ausiliare di Roma.

“Io parlerei innanzitutto di degrado umano. Quel primissimo livello [di convivenza, ndr] è ormai intaccato, corroso. C’è un degrado umano, una corrosione del livello umano e delle relazioni, della capacità di rendersi conto dell’altro e che si vede declinato nel degrado ambientale, in quello relativo al rispetto dei beni comuni, all’assumersi le proprie responsabilità e così via. E’ molto preoccupante. E il degrado ambientale – contro cui dovrebbe lottare assolutamente l’amministrazione, tutte le amministrazioni, tutte le istituzioni – a volte rischia di diventare un alibi per il singolo cittadino per il quale c’è sempre qualcun altro che deve fare qualcosa. In una metropoli come Roma – non è peraltro la più grande nel mondo – questo aspetto del ‘qualcuno deve fare qualcosa ma di sicuro non sono io’ poi si riflette nella nostra quotidianità. E’ un meccanismo a cui ci stiamo un poco abituando, siamo quasi anestetizzati, ecco”.

Ma quali sono le ragioni di questo degrado?

Vede, quando io devo lottare per la mia sopravvivenza personale, dentro il traffico a guadagnare un centimetro in più, dentro i mezzi pubblici per poter prendere la corsa perché quella successiva mi arriva tra mezz’ora o un’ora, quando devo lottare per la spesa al supermercato per le offerte più vantaggiose altrimenti non riesco a far quadrare i conti, lentamente c’è un’auto-concentrazione su di sé a discapito del concentrarsi sull’altro. E’ questa la reazione all’interno della nostra città. Uno sarebbe portato a pensare: ma non è possibile, altrimenti dovremmo ipotizzare che in una metropoli di un Paese povero questo accade all’ennesima potenza. Ciò invece è vero fino a un certo punto. A me sembra che accada questo: ho già troppe cose a cui pensare e da fare, il resto lo deve fare qualcun altro. Forse se non ci si rende tutti quanti conto di questa impostazione che sta iniziando ad avere il nostro tessuto relazionale urbano, arriveremo sempre di più ad una vera e propria giungla urbana.

Vorrei tornare su quella parola ‘corrosione’ che ha usato…

Bisogna fare una netta distinzione tra un tessuto sociale indebolito – relazionale, di senso civico, di senso del bene comune e che io chiamo ‘corrosione’ – e la questione della corruzione dove intenzionalmente uno decide di fare il male o di stare nell’illegalità per il proprio guadagno a discapito della collettività, a livelli di investimenti, di affari etc. Il tessuto della popolazione romana, più che corrotto, è corroso. Lo vediamo quanto i romani veramente fanno un corso di sopravvivenza quotidiana! Accade nelle lunghe code presso gli uffici pubblici, per esempio. Io capisco che è complesso riorganizzare tutto ma va fatto tutto, altrimenti, ripeto, andiamo ad intaccare ancora di più l’aspetto più sano e più bello del popolo romano: la sensibilità, l’accoglienza, la resilienza. Io penso che ai romani dovrebbe essere dato anche un premio perché arrivano alla fine della settimana senza avere ‘scapocciato’ troppo rispetto alla corsa a ostacoli che devono vivere su tutti i fronti. Bisogna che cominciamo tutti a parlare, a smascherare queste dinamiche e forse, lentamente, ce ne renderemo conto e cominceremo a fare una inversione di tendenza.

Roma celebrerà il Giubileo tra tre anni accogliendo pellegrini da tutto il mondo. Monsignor Fisichella, delegato del Papa per l’organizzazione dell’Anno Santo 2025, ha auspicato che si arrivi a quella data sfruttando questi due anni anche per rendere Roma e l’Italia migliori. Cosa prevede?

Per esempio se l’amministrazione non troverà una soluzione davvero risolutiva alla questione dei rifiuti, ma come potremo arrivarci ‘migliori’? Io spero che l’attuale tentativo del sindaco – che mi sembra abbia fatto delle proposte ultimamente – possa anche andare in porto. Mi sembra che siano stati fatti tutti gli studi necessari per trovare una soluzione che sia attenta anche all’ambiente e così via. Sono d’accordo che dobbiamo arrivare ‘migliori’ al Giubileo tutti quanti, come popolo romano e come Chiesa di Roma, perché chi arriva qui, il pellegrino, va accolto da qualcuno che abbia un volto concreto. E parlando della città, essa sia una città concreta che accoglie. E allora bisogna ripartire dall’aspetto delle relazioni. A me piacerebbe che il popolo romano fosse lentamente preparato e aiutato a rendersi conto che ci vengono a fare visita in casa. E, quindi, se il cassonetto è pieno fino all’orlo è responsabilità dell’amministrazione, ma se il cassonetto non è ancora del tutto pieno e io lo butto per terra è responsabilità mia, per esempio. Giochiamo, insomma, quasi in una specie di danza, non semplicemente tra responsabilità o doveri, ma tra attenzioni gli uni verso gli altri, le istituzioni dalla loro parte e i cittadini dall’altra.

E invece siamo costretti a registrare un immobilismo pressoché generale… Che appello quindi si sente di fare?

Io spero, credo, chiedo che le istituzioni facciano uno scatto di dignità a fare delle scelte che sappiano di futuro, non di tornata elettorale. Che le istituzioni prendano in mano la situazione e abbiano una visione di futuro. Questo ci salverebbe e ci farebbe fare un notevole scatto in avanti. Con i veti incrociati mi sembra che cadiamo nel provincialismo, invece. E questo non è tollerabile per la politica. Dall’altra parte, i cittadini, se si rendono conto che le istituzioni ci credono sul serio, che si possono cambiare le cose, se capiscono che la musica è cambiata per davvero, si adeguano subito. Io vedo tanta gente buona, brava, in gamba che dice: ‘Tanto, qualsiasi cosa facciamo, è sempre la stessa minestra’. A volte l’indifferenza mi sembra anche una sorta di silenziosa forma di protesta da parte del popolo romano.

C’è anche tanto volontariato che si dà da fare e che però non può sostituirsi al compito delle istituzioni…

Vede, il fatto di sentire il bisogno di chiarire questo aspetto, che il volontariato è sussidiario e che sono le istituzioni ad avere il compito primario rispetto al bene comune, per me è grave. Perché vuol dire che stiamo perdendo i fondamentali, le basi. Eppure, purtroppo, oggi c’è bisogno di rimarcarlo con il rischio di sembrare presuntuosi (‘guarda io faccio tante cose, ma tocca a te…). Mi sembra grave doverlo ogni tanto sottolineare, insomma. Mi pare che all’interno dell’amministrazione piccoli passi avanti, da questo punto di vista, si stanno facendo. Bisogna anche riconoscere che, sebbene tanti dirigenti in gamba ci siano, cambiare come sistema diventa difficile. Certo, c’è bisogno di un sussulto di dignità, di sano orgoglio. Siamo la capitale d’Italia!

Ravvisa l’incremento di forme di odio sociale? Pensiamo ai senza tetto che, se da un lato vediamo alle prese talvolta con la pulizia di aiuole e marciapiedi, dall’altro sono spesso presi di mira, considerati catalizzatori essi stessi di degrado. Altre volte ancora, nell’indifferenza, finiscono cadaveri indistinti tra i rifiuti…

Le persone non sono rifiuti. Quando la gente è trattata come rifiuto dagli altri ti fa capire che cosa significa veramente fare il rifiuto. Nel momento in cui mi tratti da rifiuto, dopo un po’ le persone ti fanno capire cosa significa. E’ questo il punto: dimentichiamo che non ci sono poveri e ricchi, ci sono persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/07/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: i cristiani piccole lampade del Vangelo

All’appuntamento domenicale con l’Angelus in Piazza San Pietro, Papa Francesco spiega la trasfigurazione di Gesù sul monte davanti a Pietro, Giacomo e Giovanni. Francesco, nella seconda domenica di Quaresima, ci guida nel cuore dei discepoli, nell’angoscia della rivelazione del maestro che anticipa la sua morte, nel sogno di un “Messia forte e trionfante” che invece viene infranto.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovo invita Papa,lui scherza:nel 2025 verrà Giovanni XXIV

“Ho invitato il Papa a visitare la città di Ragusa in occasione del settantacinquesimo anniversario della fondazione della Diocesi nel 2025. Il Santo Padre ha fatto un sorriso e un cenno di assenso e con una battuta mi ha risposto dicendo che nel 2025 sarà Giovanni XXIV a fare quella visita”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano