Storie

di Nathan Algren

COSTA RICA - Accolte le Missionarie della Carità espulse dal Nicaragua

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Conferenza Episcopale del Costa Rica ha confermato che le 18 Suore della Carità di Santa Teresa di Calcutta, espulse dal Nicaragua dal regime di Daniel Ortega, sono state accolte nella Diocesi di Tilarán Liberia, guidata da Monsignor Manuel Eugenio Salazar: “Le riceviamo con tutto l’amore che meritano per il loro servizio e la loro dedizione a Dio e alla Chiesa”.

“Mercoledì scorso, 6 luglio, abbiamo assistito con stupore all’espulsione delle Suore Missionarie della Carità del Nicaragua, che dal 1988 servono i poveri più abbandonati di quel Paese fratello. La Vita Consacrata del Costa Rica, attraverso questo messaggio, desidera esprimere i sentimenti di solidarietà con le suore che, nella loro generosa dedizione, si sono dedicate a raggiungere i più vulnerabili e impoveriti”

Il Messaggio congiunto dei Religiosi e delle Religiose del Costa Rica (Confrecor) e della Commissione nazionale della Vita Consacrata, esprime solidarietà alle Suore di Madre Teresa, partecipazione “a questa dolorosa situazione” in cui si sono venute a trovare, esortandole come consacrate “a vivere per imitare Gesù”. Inoltre le ringrazia “per la dedizione nell’essere al fianco di chi ha sete e, in questi momenti, per vivere la dimensione profetica della persecuzione e del rifiuto per la causa del Regno”.

Il messaggio esorta le Missionarie della Carità a “non perdere l’illusione della dedizione, il coraggio di dare tutto e a non smettete di essere consacrate che si guardano ogni giorno e dicono ‘tutto è dono, tutto è grazia’.” Infine auspica che il soggiorno in Costa Rica sia per loro “un’oasi di pace” e che Nostra Signora degli Angeli “le copra sotto il suo manto protettivo e materno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/07/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: uniti per il futuro

All’udienza generale il Papa dedica la catechesi al viaggio apostolico a Budapest e in Slovacchia

Leggi tutto

Politica

Covid: Omicron è in Italia

Luciana Lamorgese intervistata su Radio 24. “Mai come ora dobbiamo essere collaborativi è il momento della responsabilità“, ha aggiunto. “Noi faremo tutti i controlli necessari. Domani avrò un incontro con i prefetti, il capo polizia e delle forze dell’ordine per predisporre i piani che prefetti attueranno sui territori”. “Se vogliamo vivere un periodo natalizio in serenità – continua -, dobbiamo fare la nostra parte”. Nel frattempo lo stesso ministro dell’Interno permette centinaia di sbarchi di migranti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: il Vangelo entra nella vita e lo riempie di Dio

Papa - Nella Domenica dedicata alla riflessione e alla celebrazione della Parola di Dio, Francesco ne sottolinea il valore: viva ed efficace essa illumina, consola e mette ordine nelle nostre vicende.

Leggi tutto

Politica

Egitto: una chiesa per ogni moschea

“Dove c’è una moschea” ha detto tra l’altro il Presidente egiziano, sintetizzando i criteri che devono ispirare le scelte operative sul terreno “deve esserci anche una chiesa. E se la chiesa da costruire verrà frequentata anche soltanto da 100 persone, bisogna costruirla ugualmente. Così nessuno dovrà riunirsi in un appartamento e presentare quell’abitazione privata come una chiesa”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano