Politica

di Raffaele Dicembrino

Draghi al Quirinale, il M5s non vota la fiducia sul Dl Aiuti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Politica - Il presidente del Consiglio Mario Draghi è salito al Colle dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella dopo il mancato voto del M5s sulla fiducia. Una decisione presa al termine di una lunga giornata di incontri nella maggioranza per valutare lo stato di salute del governo, messo in bilico dallo schiaffo del Movimento che alla Camera non ha partecipato al voto finale sul Dl Aiuti.

Il premier ha lasciato così Palazzo Chigi per recarsi al Quirinale attorno alle 18.30 dopo aver visto in mattinata il ministro dell’Economia Daniele Franco e a seguire la Guardasigilli Marta Cartabia, poi il responsabile della Salute Roberto Speranza e il titolare del Lavoro Andrea Orlando.

Dietro la necessità del colloquio con Mattarella non ci sarebbe solo il caos provocato nella maggioranza per la mancata partecipazione al voto di fiducia da parte del M5s: da Forza Italia è arrivata la richiesta pressante di Silvio Berlusconi di aprire una verifica di maggioranza.

Il testo del Dl Aiuti a Montecitorio è passato comunque con con 266 voti a favore e 47 no. Ma sul provvedimento la tensione si sposta al Senato, dove il testo deve essere approvato entro questa settimana.

Nel gruppo parlamentare dei 5 Stelle prende sempre più piede l’intenzione di non votare giovedì la fiducia al Senato sul decreto e dopo aver consegnato a Draghi una lettera-ultimatum in nove punti, Giuseppe Conte non ha smesso di tirare bordate all’esecutivo.

Arrivando alla sede del Movimento, senza rispondere su quello che accadrà durante il voto sul dl Aiuti al Senato e sulla verifica chiesta da FI e Lega, l’ex avvocato dichiara che quella di non votare oggi alla Camera il dl aiuti “era una decisione già chiara, perché c’è una questione di merito per noi importante che avevamo anticipato, c’è una questione di coerenza e linearità, quindi nulla di nuovo. Era stato anche anticipato, è tutto chiaro”.

Come è suo costume il Capo dello Stato analizza ovviamente tutte le variabili in campo, ma ritiene prematuro ipotizzare scenari senza che ancora si siano manifestate le condizioni che possono rappresentarne i presupposti. In altri termini, inutile chiedersi cosa potrebbe decidere il Presidente della Repubblica in caso di crisi di governo senza che si sia effettivamente in presenza di dimissioni del presidente del Consiglio.

Tante ancora le variabili in campo per poter prevedere quali potrebbero essere le scelte di Mattarella nel caso in cui venisse a mancare il sostegno al Governo da parte del Movimento Cinquestelle. È chiaro che uno snodo cruciale è rappresentato da quanto accadrà in Senato nel momento in cui l’Esecutivo porrà la fiducia sul dl Aiuti e per i pentastellati non ci sarà la possibilità, come è accaduto alla Camera, di una scelta disgiunta tra fiducia e voto finale sul provvedimento.

Se si ripetesse quanto accaduto oggi a Montecitorio, difficilmente Draghi potrebbe proseguire come se nulla fosse, anche per la reazione che si determinerebbe da parte delle altre forze politiche.

Prima del voto di Palazzo Madama tuttavia c’è tempo per capire se il premier e Conte riusciranno a trovare un minimo comune denominatore e se da Palazzo Chigi arriveranno segnali considerati soddisfacenti dal leader M5S dopo le richieste presentate nell’incontro di mercoledì scorso. Da questo punto di vista un passaggio importante potrebbe essere rappresentato dall’incontro tra il presidente del Consiglio e i sindacati.

Nel caso è possibile che si vada avanti con un Governo sempre presieduto da Draghi, una volta verificata comunque l’esistenza di una maggioranza anche senza M5S? Anche se dal Quirinale e da palazzo Chigi non filtrano indiscrezioni, è possibile che anche di questa ipotesi si sia parlato durante l’incontro al Colle.

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/07/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PDF si riunisce a Viterbo

Viterbo,  Di Matteo (PDF) ieri Domenica 27 Febbraio in vista dell’Elezioni amministrative di maggio 2022, si sono riuniti dirigenti e rappresentanti de “IL POPOLO DELLA FAMIGLIA”

Leggi tutto

Storie

Difendere famiglia e matrimonio si può

Dopo essere finita al centro di diverse inchieste per aver detto pubblicamente la sua posizione su famiglia e matrimonio, l’ex ministro finlandese Päivi Räsänen è stata assolta, e così il vescovo luterano Juhana Phjola

Leggi tutto

Politica

Camera dei Deputati: no al presidenzialismo

La Camera ha affossato la riforma sul presidenzialismo. Sono, infatti, passati gli emendamenti sopressivi del M5S con 236 voti a favore, 204 contrari e 19 astensioni.

Leggi tutto

Politica

Elezioni amministrative 2022, i risultati definitivi

Sindaci di centrodestra a Genova, Palermo e L’Aquila già al primo turno. Sono 13 i ballottaggi nelle 26 città capoluogo al voto

Leggi tutto

Politica

Sul fascismo

Intervistato dai ragazzacci della Zanzara a Radio 24 sulla nascita di Alternativa per l’Italia con l’amico Simone Di Stefano che a differenza mia considera chiuso l’argomento, io ho ritenuto di dire cosa ovvia affermando che “il fascismo ha fatto anche cose buone”, frase ormai utilizzata dai luogocomunisti per dare dell’idiota o dell’ignorante a chiunque voglia avviare una discussione non pregiudiziale sul governo più lungo della storia italiana, quello durato dal 1922 al 1943 sotto la presidenza del Cav. Benito Mussolini. Dagospia ha adornato l’intervista con un fotomontaggio in cui mi si ritrae col fez (suggerisco a Roberto D’Agostino il più simpatico ritratto che è in calce a questo articolo) che è credibile quanto la titolazione sugli “italiani che stavano meglio” allora rispetto ad ora, frase da me mai pronunciata e la registrazione dell’intervista di 13 minuti è a disposizione di tutti, urla sconnesse di David Parenzo incluse.

Leggi tutto

Politica

Vaccini e farmacie

Vaccinazioni nelle farmacie: alcune importanti novità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano