Politica

di Roberto Signori

Il Consiglio d’Europa chiede transizione di genere per bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La richiesta, stavolta, parte dal Consiglio d’Europa, che insiste e chiede ai vari Stati di adeguarsi per rimuovere tutti gli ostacoli burocratici - e senza limiti d’età - sia alla transizione di sesso sia al riconoscimento legale del genere in base all’autopercezione, con un esplicito riferimento ai bambini.

Una delle barriere che si vorrebbe far cadere, infatti, è l’obbligo di scelta tra genere maschile e femminile nei documenti che, in qualche caso, a livello di singoli Stati, è già stato accantonato. Mentre, al momento, la transizione di genere è possibile soltanto dopo una serie di trattamenti medici e perizie psicologiche, il recente rapporto del Consiglio d’Europa sul riconoscimento legale del genere suggerisce di snellire tutte le procedure e parlando, appunto, dell’autopercezione di se stessi.

L’Italia rientra tra i 17 Paesi europei che permettono il cambio di sesso per i minori, pur con delle restrizioni (che appunto il Consiglio d’Europa vorrebbe abolire), mentre Malta e Lussemburgo non prevedono alcun limite d’età. Riguardo a questo aspetto, il rapporto sottolinea il problema del «rifiuto» e dell’«esclusione» dei bambini e degli adolescenti fluid e raccomanda agli Stati membri di garantire procedure di transizione basate sul principio del «miglior interesse» (lo stesso con cui viene giustificata l’eutanasia infantile), comunque cercando di rimuovere le «restrizioni» attualmente previste in questo ambito.

Secondo il rapporto, infatti, l’assenza di documenti ufficiali che assecondino l’identità di genere percepita, renderebbe le persone transgender o gender fluid «più vulnerabili alla discriminazione e alla violenza». Altro problema che il Consiglio d’Europa giudica rilevante è «l’aumento dell’opposizione ai diritti umani delle persone transgender in alcuni paesi accompagnata da una carenza di informazioni pubbliche sulla loro situazione».

Per il Consiglio d’Europa, inoltre, gli Stati membri «dovrebbero anche facilitare discussioni inclusive per comprendere meglio cosa significhino le procedure “depatologizzanti” del riconoscimento legale del genere (LGR)». Uno di questi punti riguarda lo stato civile: in 19 Stati è necessario che la persona sia single o quantomeno divorziata. In altri 6 Paesi tale requisito non è necessario, mentre altri 9 Paesi rispettano l’integrità dei matrimoni esistenti e aggiornano di conseguenza i certificati di matrimonio. Il rapporto, quindi, raccomanda che, in ogni ordinamento statuale, i requisiti per accedere al LGR «non influiscano sui diritti acquisiti del coniuge e dei figli».

Il rapporto del Consiglio d’Europa sollecita poi l’introduzione di «legislazioni antidiscriminazione» sull’identità di genere agli Stati che non le abbiano ancora approvate. Sulla falsariga del ddl Zan italiano, il rapporto insiste nel considerare «circostanze aggravanti» tutti i motivi legati «all’identità di genere o alle caratteristiche sessuali della vittima».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/07/2022
0206/2023
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

Storie

I test prenatali falsi che convincono ad abortire

Il test per la delezione 1p36, comune in una nascita su 5.000, è sbagliato all’84 per cento, mentre il test molto più raro della sindrome Cri-du-chat è sbagliato all’80 per cento delle volte. I test della sindrome di Wolf-Hirschhorn, invece, sono sbagliati l’86% delle volte per un disturbo che colpisce 1 nascita su 20.000 e i test della sindrome di Prader-Willi e Angelman sono sbagliati il 93% delle volte.

Leggi tutto

Società

Torino interrompe le trascrizioni dei figli delle coppie omogenitoriali

Il comune di Torino ferma le trascrizioni dei figli delle coppie omogenitoriali in attesa del pronunciamento della Cassazione

Leggi tutto

Storie

India - Karnataka e legge anti conversioni

Il primo ministro locale al governatore: sia promulgata senza attendere il voto della Camera alta del parlamento. Diventerebbe il decimo Stato indiano ad adottare il provvedimento utilizzato contro le attività dei cristiani. L’appello dell’arcivescovo di Bangalore: “Verrà utilizzata da frange estremiste per seminare discordia, il governatore non la approvi”

Leggi tutto

Storie

Andrea Sciutto e la disabilità accettata e valorizzata

Ecco un articolo/intervista nato da un contatto Andrea Sciutto, alessandrino, 54 anni, disabile fisico e ipovedente, coniugato, divorziato e padre orgoglioso di un diciassettenne,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano