Politica

di Roberto Signori

Il Consiglio d’Europa chiede transizione di genere per bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La richiesta, stavolta, parte dal Consiglio d’Europa, che insiste e chiede ai vari Stati di adeguarsi per rimuovere tutti gli ostacoli burocratici - e senza limiti d’età - sia alla transizione di sesso sia al riconoscimento legale del genere in base all’autopercezione, con un esplicito riferimento ai bambini.

Una delle barriere che si vorrebbe far cadere, infatti, è l’obbligo di scelta tra genere maschile e femminile nei documenti che, in qualche caso, a livello di singoli Stati, è già stato accantonato. Mentre, al momento, la transizione di genere è possibile soltanto dopo una serie di trattamenti medici e perizie psicologiche, il recente rapporto del Consiglio d’Europa sul riconoscimento legale del genere suggerisce di snellire tutte le procedure e parlando, appunto, dell’autopercezione di se stessi.

L’Italia rientra tra i 17 Paesi europei che permettono il cambio di sesso per i minori, pur con delle restrizioni (che appunto il Consiglio d’Europa vorrebbe abolire), mentre Malta e Lussemburgo non prevedono alcun limite d’età. Riguardo a questo aspetto, il rapporto sottolinea il problema del «rifiuto» e dell’«esclusione» dei bambini e degli adolescenti fluid e raccomanda agli Stati membri di garantire procedure di transizione basate sul principio del «miglior interesse» (lo stesso con cui viene giustificata l’eutanasia infantile), comunque cercando di rimuovere le «restrizioni» attualmente previste in questo ambito.

Secondo il rapporto, infatti, l’assenza di documenti ufficiali che assecondino l’identità di genere percepita, renderebbe le persone transgender o gender fluid «più vulnerabili alla discriminazione e alla violenza». Altro problema che il Consiglio d’Europa giudica rilevante è «l’aumento dell’opposizione ai diritti umani delle persone transgender in alcuni paesi accompagnata da una carenza di informazioni pubbliche sulla loro situazione».

Per il Consiglio d’Europa, inoltre, gli Stati membri «dovrebbero anche facilitare discussioni inclusive per comprendere meglio cosa significhino le procedure “depatologizzanti” del riconoscimento legale del genere (LGR)». Uno di questi punti riguarda lo stato civile: in 19 Stati è necessario che la persona sia single o quantomeno divorziata. In altri 6 Paesi tale requisito non è necessario, mentre altri 9 Paesi rispettano l’integrità dei matrimoni esistenti e aggiornano di conseguenza i certificati di matrimonio. Il rapporto, quindi, raccomanda che, in ogni ordinamento statuale, i requisiti per accedere al LGR «non influiscano sui diritti acquisiti del coniuge e dei figli».

Il rapporto del Consiglio d’Europa sollecita poi l’introduzione di «legislazioni antidiscriminazione» sull’identità di genere agli Stati che non le abbiano ancora approvate. Sulla falsariga del ddl Zan italiano, il rapporto insiste nel considerare «circostanze aggravanti» tutti i motivi legati «all’identità di genere o alle caratteristiche sessuali della vittima».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/07/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Poi non lamentatevi

Dopo l’aggregazione tra Lupi (il traditore dei family day i cui voti furono decisivi per varare la legge Cirinnà) e Toti (che esplicitamente un mese fa ha definito gli antiabortisti persone che vogliono portare la società “indietro ai tempi bui”) adesso abbiamo anche la Lega che con Zaia proclama: “Voglio un centrodestra libero dai complessi di inferiorità sul versante culturale e dai tabù in materia di diritti, nuove famiglie e sessualità”.

Leggi tutto

Società

Crescono dispersione scolastica e povertà in Italia

Save the Children: più dispersione scolastica e povertà in Italia

Leggi tutto

Storie

Cina - Rinviato a giudizio il cardinale Zen

Procedimento aggiornato al 26 ottobre. Con lui alla sbarra anche cinque noti esponenti del fronte democratico.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Storie

Unicef: 170 bambini haitiani espulsi da USA e Cuba

Secondo l’Unicef, circa 170 bambini haitiani sono arrivati due giorni fa a Port-au-Prince con i loro genitori dopo esser stati espulsi dagli Stati Uniti e da Cuba. Molti dei bambini provengono da Haiti sudoccidentale e sono partiti due o tre settimane dopo il terremoto dello scorso agosto nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti.

Leggi tutto

Chiesa

La Madonna che viene dal mare

L’Osservatore Romano racconta la vicenda dell’antica immagine della Vergine esposta nella Basilica vaticana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano