Storie

di Nathan Algren

Manila: in aumento le adozioni illegali

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ra le conseguenze delle difficoltà economiche nelle Filippine e delle ridotte azioni di controllo da parte di polizia e istituzioni, si registra un aumento consistente delle adozioni illegali e una riduzione del loro costo, quanto meno per quanto riguarda le somme versate alle famiglie d’origine. La pratica era già diffusa prima del Covid, per la povertà persistente, la mancanza di accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria che accrescono le difficoltà delle madri nelle realtà più degradate. Ma “l’offerta” durante la pandemia è cresciuta mentre la “richiesta” da parte di potenziali famiglie adottanti si è invece ridotta, incrementando il rischio che bambini di pochi giorni o al massimo di poche settimane di vita finiscano nelle mani di altre reti criminali, dallo sfruttamento sessuale al lavoro nero, al traffico di organi.

Il prezzo di un neonato è sceso anche a 100 dollari, al di là di eccezioni che tengono conto dell’origine e dell’aspetto: in questo turpe mercato i sanguemisto sono più valutati, ma si arriva comunque a cifre dell’ordine dei 1000 dollari. Questa forma di tratta si avvaleva di conoscenze dirette e di reti note soltanto a pochi, rifornita soprattutto dalle gravidanze non desiderate di giovani donne coinvolte più o meno direttamente nella prostituzione. Con la pandemia l’estensione delle necessità e l’uso più intensivo di Internet hanno incentivato lo sviluppo online di questa e altre attività criminali. Il tutto in un contesto che già nel 2019 aveva fatto registrare mediamente 3000 segnalazioni al mese dall’estero di bambini filippini coinvolti nello sfruttamento sessuale via internet.

L’adozione fuori da canali ufficiali è ovviamente illegale e punita con l’ergastolo e pesanti pene pecuniarie, ma la difficoltà a individuare i responsabili è figlia anche della mancanza di specifiche agenzie investigative a supporto dell’azione di molte organizzazioni di impegno sociale. La Divisione per le Operazioni internazionali dell’Ufficio investigativo nazionale ha individuato e seguito nel 2021 appena una decina di casi di “adozione commerciale”.

Si calcola che nelle Filippine quasi due milioni di minori vivano senza una famiglia, con un rischio elevato di sfruttamento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/07/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Storie

Vescovi filippini rifiutano le donazioni dall’industria mineraria

Ritirati i beni della Chiesa dalle società che investono in energia “distruttiva”. Il vice presidente, monsignor Mylo Hubert Vergara: “Il resto è in linea con l’enciclica di papa Francesco Laudato si’”.

Leggi tutto

Società

Espad la piattaforma europea su adolescenti a rischio

Ecco una nota dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifc) che ha sviluppato “ESPAD Data Portal” un nuovo strumento di data explorer che consente di consultare oltre venti anni di dati su consumo di sostanze, abusi e comportamenti a rischio tra gli studenti di 15-16 anni in 40 paesi europei.

Leggi tutto

Storie

Diritti dei bambini e detenuti

Il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, Mauro Palma e Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia, hanno firmato oggi un Protocollo di intesa della durata di 3 anni che ha l’obiettivo di promuovere i diritti dei bambini, con particolare attenzione ai figli di genitori detenuti. La firma è avvenuta a Roma presso la sede del Garante.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano