Storie

di Roberto Signori

USA - Coppia gay cita in giudizio la clinica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Desideravano che il loro bambino fosse un bel maschietto, concepito con la fecondazione in vitro e l’utero in affitto, pagando profumatamente perché si verificasse, ma è nata una bimba: così una coppia di omosessuali ha citato in giudizio la clinica Hrc Fertility di Pasadena che aveva loro rifilato l’imperdonabile «sòla». E’ la triste storia di Albert e Anthony Saniger, ansiosi di costruirsi una famiglia arcobaleno ma rigidamente inflessibili sul sesso del nascituro, che doveva essere rigorosamente maschio. Invece, nel 2021 è nata una bella bimba, a dispetto dei piani dei due «padri». Lo riporta CbsNews.

Quindi la coppia, che in virtù del denaro sborsato al supermercato dei neonati — pardon, clinica di fecondazione — aveva indicato anche il sesso del nascituro, ha denunciato il dottor Bradford A. Kolb, specialista in fertilità, accusandolo di violazione del contratto, negligenza medica, negligenza e occultamento fraudolento e violazione della legge sulla concorrenza sleale. La causa è stata intentata venerdì presso la Corte Superiore di Los Angeles e con essa si chiede un risarcimento non specificato

Dal canto suo, Hrc ha rilasciato una dichiarazione facendo presente ai due che seppur femmina, la bimba risultava essere sana e comunque «una benedizione»: «La nostra missione è fornire assistenza di livello. Abbiamo aiutato migliaia di persone, inclusa la coppia coinvolta in questa causa. I due desideravano idealmente un bambino, ma sono stati benedetti dalla nascita di una bimba sana. […] Ogni bambino ha un valore e un potenziale illimitato, indipendentemente dal sesso», sottolineano. «Ci auguriamo che i Saniger amino e riconoscano il valore di avere un bambino sano mentre così tante persone in tutto il Paese stanno lottando contro problemi di natura riproduttiva».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/07/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

Società

Il Piemonte e le iniziative made in gender

Tre episodi, gli ultimi due a breve distanza l’uno dall’altro, portano il Piemonte alla ribalta dell’attenzione mediatica per iniziative targate gender

Leggi tutto

Politica

Guerra Russia-Ucraina: il 77% dei giapponesi teme l’invasione cinese di Taiwan

L’invasione russa dell’Ucraina preoccupa i giapponesi: per il 77% vi è il rischio di uso analogo della forza di Pechino verso Taiwan. Il sondaggio di Nikkei Inc. e TV Tokyo mostra che il dato sale all’83% fra i 40 e i 50enni.

Leggi tutto

Politica

40 miliardi stanziati dagli Usa per l’Ucraina andranno al sistema delle armi.

La maggior parte dei 40 miliardi di dollari in assistenza stanziati dall’amministrazione Biden all’Ucraina non andrà direttamente all’esercito di Kiev ma agli appaltatori della Difesa degli Stati Uniti.

Leggi tutto

Storie

USA. Abortisti vandalizzano chiese e centri pro life

Non si placa la violenza dei gruppi pro-aborto negli Stati Uniti. Almeno 76 edifici, tra chiese e centri pro-vita, sono stati infatti oggetto di incendi dolosi e atti di vandalismo dal mese di maggio a oggi, ovvero da quando è trapelata la notizia che la Corte Suprema degli Stati Uniti avrebbe ribaltato la sentenza Roe vs. Wade.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano