Chiesa

di Nathan Algren

Indonesia - Un nuovo monastero nella foresta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cistercensi della stretta osservanza, o trappisti, hanno inaugurato il loro quarto monastero nel Paese che si trova nel villaggio di Penggadungan, nel distretto di Sungai Melayu, nel Kalimantan occidentale.

Il villaggio in cui sorge il nuovo monastero è un’area remota in mezzo alla foresta indonesiana a tre ore e mezza di macchina da Ketapang e dove le strutture pubbliche sono ancora molto limitate. La proprietà era stata acquistata decenni fa dall’allora vescovo monsignor Blasius Pujaraharja.

Il vescovo della diocesi di Ketapang, monsignorPius Riana Prapdi, ha benedetto la nuova struttura insieme a padre. Isaac Majoor, capo trappista olandese dell’Abbazia di Konigshoeven di Tilburg. La cerimonia è stata celebrata secondo la tradizione culturale dayak.

Padre Mikael Santana, del monastero di Lamanabi nell’isola di Flores, sarà a capo della piccola comunità trappista a Pegadungan insieme a tre assistenti monaci: padre Placio, padre Johan e padre Mario.

Secondo padre Santana c’è un forte legame tra i valori della comunità indigena dayak e la fede cristiana: “Si tratta di amore fraterno e spero davvero che questi valori arricchiscano la nostra vita futura a Pegadungan”.

La prima abbazia trappista in Indonesia è stata fondata nel 1953 a Rawaseneng, nel distretto di Temanggung, Giava Centrale. Il secondo monastero è sorto nel 1987 a Gedono, sul pendio del monte Merbabu, mentre il terzo è stato eretto nel 1996 a Lamanabi, nella provincia di Nusa Tenggara orientale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/07/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Storie

Come la “cattiva” Ungheria soccorre i cristiani

Si chiama Hungary helps. È il programma del Governo Orban di soccorso ai cristiani perseguitati.

Leggi tutto

Storie

La Turchia in Siria ed Iraq danneggia chiese

Ankara ha lanciato l’operazione di primavera “Claw Lock” contro obiettivi curdi oltre-confine. Morto un 26enne cristiano a Khabour, i jihadisti attaccano col sostegno turco.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Libertà su cauzione per tre cristiani accusati di blasfemia

Come nota la Commissione nazionale “Giustizia e Pace” (NCJP) dei Vescovi cattolici del Pakistan, sono sei i cristiani accusati di blasfemia ai quali è stata concessa la libertà su cauzione nel 2022.
Secondo il “Center for Social Justice”, sono 1.949 persone accusate in base alle leggi sulla blasfemia dal 1987 al 2021. Questo numero include 928 musulmani, 643 ahmadi, 281 cristiani, 42 indù e 55 di fede non nota.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “impariamo dagli indigeni”

Papa Francesco incontra i partecipanti al sesto incontro globale del Forum dei popoli indigeni, promosso dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano