Chiesa

di Giuseppe Udinov

Nigeria, l’allarme dei sacerdoti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si eviti la reazione violenta e ci si affidi alla preghiera. È l’appello lanciato dai vescovi nigeriani a fronte di un drammatico incremento di rapimenti, omicidi e violenze nel Paese. Secondo quanto accertato da Aiuto alla Chiesa che Soffre, nel Paese almeno 18 sacerdoti sono stati rapiti dall’inizio del 2022, cinque dei quali nella prima settimana di luglio. La maggior parte dei sequestrati sono stati poi rilasciati, tranne tre che sono stati uccisi.

“E’ davvero triste – si legge in un comunicato dell’Associazione dei sacerdoti cattolici diocesani nigeriani inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre – che nel corso delle loro consuete attività pastorali, i sacerdoti stiano diventando una specie in via di estinzione”. Secondo l’Associazione, più volte e a vari livelli, è stato chiesto aiuto al governo, tuttavia, come osservato anche dalla Conferenza episcopale nigeriana, si legge ancora, “è chiaro alla nazione che (il governo) ha fallito nel (suo) dovere primario di tutelare la vita dei cittadini nigeriani”.

I sacerdoti rifiutano esplicitamente qualsiasi risposta che implichi la forza o la violenza, spiegando di non essere “terroristi o una compagnia di guerra”, mettendo in dubbio l’utilità della partecipazione dei sacerdoti alle proteste di piazza e appellandosi a quella che, a loro dire, dovrebbe essere la prima arma di un uomo di Dio: “Il nostro cammino ministeriale consiste nell’annuncio della Parola di Dio e nella celebrazione dell’Eucaristia come memoria di Cristo e della sua missione sulla terra. Ciò implica che portiamo con noi i libri sacri e non le armi. Cristo non ci ha mai incoraggiato a prendere le armi contro nessuno o a compiere azioni di vendetta”

Infine i sacerdoti mettono quindi in evidenza l’opera fondamentale che viene svolta nonostante la mancanza di sicurezza, pur di restare “difensori della vita e della pace”, invitando i loro fratelli nel ministero ad unirsi in questi giorni ad un’iniziativa straordinaria di preghiera e digiuno, adorazione eucaristica e recita del rosario. Tutte attività che vanno a integrare altri programmi già in atto da parte delle diocesi per arginare il problema dell’insicurezza in Nigeria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/07/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ecumenismo è ascolto comunitario

Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti al pellegrinaggio ecumenico “Con Lutero dal Papa” proveniente dalla Germania, con il motto “Meglio tutti insieme” auspicando per la Chiesa “disponibilità all’ascolto”,

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: tornano i 100 presepi

Sotto il Colonnato di San Pietro si riaccendono le luci sulle rappresentazioni della Natività, provenienti da tutto il mondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano