Storie

di Stefano Di Tomassi

SIMEONE E GLI ALTRI:

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Appuntamento anche quest’anno per ricordare il piccolo Simeone bambino ucciso e occultato sotto terra (quando era ancora vivo ci dissero) nel ‘bosco’ di Ostia molti anni fa ormai, a circa 50/100 metri dalla chiesa Stella Maris e dal commissariato di Ostia.

Ci si vedrà alle 19.30 all’incrocio di via capo delle colonne e viale dei promontori per poi raggiungere il memoriale ‘privato’ LA VELA proprio nel luogo esatto dove tentarono appunto di nascondere per sempre in quella maledetta notte tra il 19 e il 20. Anche quest’anno questa piccola porzione della pineta di Procoio è stata ‘adottata’ dagli educatori e dai bambini di Teatr’Azione che facendo attività appena fuori dalla pineta, su viale dei promontori, si prendono cura di questo piccolo angolo di verde nel bosco lì di fronte, L’arte come impegno sociale aldilà del distacco dalla realtà, questo quello che insegnano. E’ sempre stato il desiderio di chi veniva ogni ricorrenza a pregare, dei tanti cittadini e dei sacerdoti che si sono susseguiti (addirittura l’attuale Cardinale Paolo Lojudice, arcivescovo di Siena) che questo luogo di sofferenza si tramutasse via via in un memoriale del riscatto, di nuova vita, di resurrezione. Questi bambini che vivono ogni tanto questo luogo sono il messaggio più bello che il cielo possa regalare.

Da diverso tempo infatti ci battiamo affinché Simeone non venga inghiottito nell’oblio delle ‘paludi’ lidensi, dalle sabbie mobili; non solo, combattiamo per dedicargli un luogo pubblico nella città perché Simeone ha rivelato, con il suo ‘sacrificio’, i ‘peccati’ di una società locale - e oltre - che non devono rintanarsi nel profondo nuovamente ma anzi essere ben visibili in modo che si possa finalmente cambiare e la veste possa di nuovo essere candida. Deve cambiare quella scuola che non denuncia per non avere fastidi, quella chiesa che non sa accogliere oltre che le famigliole col pedigree quell’ extrascuola costosa o selettiva o chiusa in se stessa, quei servizi sociali deboli con i forti e forti con i deboli.

Non solo Simeone, ma nel corso degli anni questi piccoli ‘martiri’ lidensi, questi ‘bambini ragazzi crocifissi’ sempre più stanno indicando a Ostia e a Roma una Via della loro croce, del loro ‘sacrificio’. Si aggiungono al piccolo anche altri, per citarne alcuni il giovane Riccardo (anche lui ricordato agli inizi di Luglio), ma anche i due fratellini uccisi ad Ardea, Mattia, Cosé Garamond.

La chiesa raccoglie questo sangue innocente sparso sul Territorio, lo asciuga, vuole che sia l’inchiostro con il quale indelebilmente immortalare quei diritti dei più giovani che dobbiamo ricordare tutti i giorni, non soltanto negli eventi.

E’ bello che anche alcuni sacerdoti e i giovani delle chiese di Ostia abbiamo attivato proprio a Stella Maris, davvero poco distante dal luogo dell’omicidio di Simeone, un torneo per ragazzini incontrati sulle strade. BellaBrò ha raccolto e accolto adolescenti addirittura per 11 squadre, ci riferisce il diacono Generoso Simeone responsabile della commissione giovani della prefettura di Ostia. Questa attività è stata dedicata al giovane Andrea Mirkopulos anche lui un ragazzo del territorio, un giovane uomo, venuto a mancare così incredibilmente troppo presto; Ospedale da Campo per i giovani, la commissione giovani della prefettura di Ostia, gli Oratori, si stanno prodigando per intercettare chi più potrebbe rimanere solo nel cicalio dell’estate distratta lì dove i predatori si muovono più liberamente.

Luglio un mese di memoria e di azione.

Ed è bello che la chiesetta del borghetto dei pescatori (via delle quinqueremi) accolga una volta al mese quei genitori, quegli amici e parenti, che hanno visto i loro figli andarsene in cielo troppo presto. Il legame che ancora fa da ponte tra terra e cielo può essere infatti una collaborazione profonda tra anime che continuano a fare il bene sulla terra, facendo dell’attesa di un ricongiungimento in Paradiso un tempo di vita e di comunicazione nell’azione oltre che nella memoria.

E allora viviamo insieme questa croce ricordando i nostri giovanissimi amici perché una vita terrena che si spezza apre al rinnovamento, alla vita nuova della società; si continua a vivere insieme come in cielo così in terra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/07/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi ha la croce nel cuore non vede nemici

Alla Divina Liturgia celebrata in rito bizantino a Prešov, Papa Francesco esorta a non aspirare a un cristianesimo trionfalistico: senza croce - avverte - diventa mondano e sterile. L’invito del Papa è dunque a vedere nella croce l’opera di Dio, in Cristo crocifisso la gloria di Dio, che si offre volontariamente per ogni uomo.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

Chiesa

Nel 2021 uccisi nel mondo 22 missionari

Fides: l’Africa è tristemente in testa ai Paesi del mondo per numero di missionari uccisi. Seguono America, Asia ed Europa. Dal 2000 al 2020, in tutto il globo, si registra l’omicidio di 536 evangelizzatori

Leggi tutto

Storie

Argentina- Il 2 luglio la beatificazione dei Martiri del Zenta

Monsignor Luis Antonio Scozzina, OFM, Vescovo di San Ramón de la Nueva Orán, ha comunicato la notizia della data di Beatificazione dei “Martiri del Zenta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano