Storie

di Roberto Signori

Iraq - Nasce un centro per dialogo interreligioso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo del governatorato di Dhi Qar, nel sud dell’Iraq, ha avviato l’opera di costruzione di un centro per il dialogo interreligioso, che comprende luoghi di culto per le fedi islamica, cristiana, ebraica e per i sabei. A questo si aggiungono una sala e un centro per il dialogo interreligioso, che sorgerà nei pressi dell’antica città di Ur, fra le più importanti aree archeologiche del Paese e legata alla figura di Abramo, il padre delle tre grandi religioni monoteiste.

Ur e Najaf hanno rappresentato una tappa fondamentale del viaggio apostolico di papa Francesco in Iraq nel marzo 2021. Nell’incontro con l’ayatollah Ali al-Sistani e nella preghiera interreligiosa di Ur sono state poste le basi, secondo diversi osservatori e leader islamo-cristiani, per un Iraq fondato sulla convivenza, sul pluralismo, sulla pace e una visione multiculturale, capace di superare il fondamentalismo jihadista.

A raccontare la nascita del centro a Ur è il quotidiano pan-arabo Al-Araby Al-Jadeed (The New Arab), con base a Londra, secondo cui esso comprenderà luoghi di culto delle quattro religioni, e si estenderà su una superficie di oltre 10mila metri quadrati. Il progetto è parte di un programma per rilanciare e far rivivere l’antica città di Ur, nell’ambito di un piano più ampio promosso dal governo dopo la visita del pontefice nel Paese arabo.

Nel luglio dello scorso anno, il segretariato generale del Consiglio dei ministri iracheno ha annunciato l’approvazione di un centro per il dialogo interreligioso. In questi giorni il vice governatore di Dhi Qar Ghassan Al-Khafaji,, responsabile della pianificazione, ha confermato l’intenzione dell’amministrazione locale di concedere una licenza per la costruzione della prima chiesa, cui si affiancano opere di urbanistica e infrastrutture come acque, fognature e strade.

“Sono ancora in corso i lavori - sottolinea Al-Khafaji - per sviluppare un’area turistica nuova a Ur, accanto alla città antica, seguendo i parametri Unesco. E ne ha scelti quattro, il primo dei quali includerà un complesso per dialogo interreligioso, tra cui un sito di una chiesa, una moschea e una sala che collega le due aree, per essere il centro della città turistica”. Fonti cristiane auspicano che queste iniziative possano rafforzare la coesione fra fedeli di religioni diverse, uniti sotto la comune bandiera irachena.

Studiosi ed esperti definiscono questo progetto un modo per ricostruire dopo le devastazioni al patrimonio causate dalla guerra e dalle violenze confessionali, partendo proprio dai luoghi di culto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/07/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Chiesa

Non solo uomini: la “nuova” lavanda dei piedi

È stato pubblicato ieri il decreto della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, ma la lettera con cui Papa Francesco faceva richiesta di questa modifica nei libri liturgici è stata da lui firmata il 6 gennaio. Ieri dunque il cardinal Sarah ha decretato la correzione delle rubriche che, dal 1970, permettevano ai soli uomini l’accesso alla commemorazione cultuale

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano