Chiesa

di Roberto Signori

Nigeria: ancora rapimenti di sacerdoti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono stati portati via nel pomeriggio del 15 luglio alle 17.45, mentre si stavano recando a una funzione nella parrocchia di Gure: I padri John Mark Cheitnum e Donatus Cleopas - riferisce un comunicato - erano appena giunti presso la canonica della chiesa di Cristo Re, nell’area del governo locale di Lere nello Stato di Kaduna.

La diocesi di Kafanchan, tramite le parole scritte dal cancelliere padre Emmanuel Uchechukwu Okolo, esprime grande dolore e chiede a tutti i fedeli intense preghiere per una rapida e sicura liberazione. Nel contempo si invita la popolazione tutta ad astenersi dal farsi giustizia da soli: “Useremo ogni mezzo legittimo - si legge nella nota - per assicurare un rilascio rapido e sicuro. Gesù crocifisso sulla croce ascolti le nostre preghiere e affretti il rilascio incondizionato dei suoi sacerdoti e di tutte le altre persone rapite”.

Soltanto pochi giorni fa i presuli nigeriani hanno levato un appello esortando ad affidarsi alla preghiera e a evitare ogni reazione violenta. In un comunicato dell’Associazione dei sacerdoti cattolici diocesani nigeriani, diffuso da Acs, si constata inoltre come “nel corso delle loro consuete attività pastorali, i sacerdoti stiano diventando una specie in via di estinzione”. Inoltre si evidenzia il fallimento delle istituzioni nel loro dovere primario di tutelare la vita dei cittadini nigeriani.

Rigettando ogni ricorso alla forza o alla violenza, l’Associazione di sacerdoti ha quindi indetto una iniziativa straordinaria di preghiera e digiuno, adorazione eucaristica e recita del rosario.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

Storie

Honduras - Assassinato un operatore pastorale indigeno

Anche la rete “Iglesias y Minería” ha condannato “con energia e dolore l’omicidio del difensore dei diritti umani e comunicatore sociale”, chiedendo che le autorità “svolgano un’indagine rapida, esaustiva e indipendente che includa tra le sue linee di indagine il lavoro di difesa dei diritti umani esercitato da Pablo Hernández”

Leggi tutto

Società

A Michael Lapsley il Premio Niwano per la pace

La 39.ma edizione del riconoscimento della Niwano Peace Foundation assegnata al prete anglicano impegnato a sconfiggere l’apartheid in Sud Africa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco alla Comunità del Pontificio Istituto Teutonico

A 500 anni dall’elezione sul soglio pontificio di Adriano VI, Francesco ne rievoca l’esempio di vita parlando alla comunità del Pontificio Istituto Teutonico di Santa Maria dell’Anima di Roma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano