Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco in Canada per abbracciare gli indigeni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Un pellegrinaggio penitenziale” per chinare il capo e chiedere perdono ma anche allargare le mani e abbracciare le popolazioni indigene, vittime in passato di “politiche di assimilazione” che hanno fatto del male, da parte pure di istituti religiosi. Dalla finestra del Palazzo Apostolico, al termine dell’Angelus, Papa Francesco parla del suo imminente viaggio in Canada del 24-30 luglio e torna a ribadire il suo “dolore” e la sua “vicinanza” alle comunità indigene canadesi che – dopo i dialoghi di fine marzo e inizio aprile scorsi – incontrerà personalmente nel corso del 38.mo viaggio apostolico che toccherà quattro città: Edmonton, Maskwacis, Québec e Iqaluit.

Domenica prossima, a Dio piacendo, partirò per il Canada, per questo desidero ora rivolgermi agli abitanti di quel Paese. Cari fratelli e sorelle del Canada, come sapete verrò tra voi in nome di Gesù soprattutto ad abbracciare le popolazioni indigene. Purtroppo in Canada molti cristiani, soprattutto membri di istituti religiosi, hanno contribuito alle politiche di assimilazione culturale che in passato hanno gravemente danneggiato in diversi modi le comunità native.

È per questo motivo che il Papa, dal 28 marzo, per tre giorni, aveva aperto le porte del Palazzo Apostolico a gruppi di Inuit, Métis e First Nations: ai rappresentanti delle nazioni indigene, Papa Francesco aveva dedicato una udienza privata in cui ascoltare le loro richieste e, soprattutto, le testimonianze dei più anziani che avevano vissuto sulla propria pelle il passato di crudeltà del Paese, quando, dal 1880 agli ultimi decenni del ventesimo secolo, in istituti finanziati dal governo e gestiti in maggior parte da organizzazioni cristiane si mirava a educare e convertire i giovani indigeni e ad assimilarli nella società canadese tradizionale.

In un Angelus del giugno 2020 Francesco aveva affrontato il tema per poi dare la disponibilità ad accogliere, un anno dopo (diversi i rimandi anche a causa della pandemia di Covid-19), alcuni rappresentanti di popoli originari canadesi in Vaticano. Tutti, indigeni e vescovi, erano stati infine ricevuti il primo aprile in una grande udienza in Sala Clementina, durante la quale il Papa aveva pronunciato quelle parole per cui le popolazioni originarie avevano affrontato un viaggio dall’altra parte del mondo: “Sono molto addolorato. E mi unisco ai fratelli vescovi canadesi nel chiedervi scusa”. Ve l’ho detto e lo ripeto: provo vergogna, dolore e vergogna per il ruolo che diversi cattolici, in particolare con responsabilità educative, hanno avuto in tutto quello che vi ha ferito, negli abusi e nella mancanza di rispetto verso la vostra identità, la vostra cultura e persino i vostri valori spirituali. Tutto ciò è contrario al Vangelo di Gesù.

Ora quindi il Papa si accinge “a compiere un pellegrinaggio penitenziale”: Spero, con la grazia di Dio, possa contribuire al cammino di riconciliazione e guarigione intrapreso già. Vi ringrazio fin da ora per tutto il lavoro di preparazione e per l’accoglienza che mi riserverete. Vi chiedo per favore di accompagnarmi con la preghiera”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

Chiesa

Vere o fasulle sinodalità

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in preghiera ai piedi dell’Immacolata

Il Papa si è recato davanti alla statua mariana nel centro di Roma per un atto di venerazione privato alla Vergine Maria.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano