Politica

di Nathan Algren

Dal Consiglio d’Europa nessun sostegno a Erevan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La partecipazione della delegazione armena alla sessione estiva dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (Apce) apre a diverse interpretazioni del possibile sviluppo delle relazioni tra Erevan e il Vecchio continente. Secondo il giornale armeno Graparak lo scopo principale della presenza era quello di trovare sostegno per ottenere la liberazione dei tanti prigionieri armeni, rimasti nelle mani degli azeri dopo la guerra dei 44 giorni nel 2020 in Nagorno Karabakh, che gli armeni chiamano Artsakh.

Secondo i rappresentanti del partito armeno di maggioranza “Contratto civile”, i parlamentari Apce hanno esaminato il testo proposto da Erevan, avvisando che non vi sarà nessun tipo di sostegno o accordo finché l’Armenia non deciderà da che parte stare, con la Russia o con l’Europa.

La questione riguarda anche le modalità con cui l’Europa potrebbe influire efficacemente per allontanare Erevan da Mosca, anche tenendo conto del favore che questa ipotesi suscita in buona parte della popolazione armena e anche della sua classe politica. Il problema principale è la dipendenza economica dell’Armenia dalla Russia, suo principale partner commerciale e storico protettore dai nemici dei Paesi islamici circostanti. I confini del Paese sono sorvegliati dai soldati russi, che nella città di Gyumri hanno dislocato una propria base militare, la 102ma da sempre a guardia dell’Armenia.

I documenti dell’Apce degli ultimi anni sul Nagorno Karabakh sono giudicati ambigui, condannando in varia misura sia le azioni di Erevan, che quelle di Baku, e hanno comunque soltanto il carattere di raccomandazioni. I parlamentari non votano a nome degli Stati, ma dei partiti di appartenenza, e l’Armenia è rappresentata da due deputati soltanto, essendo un Paese non molto popolato, e anch’essi sono di due partiti contrapposti.

L’Armenia inoltre, al di là delle sue limitate partecipazioni alle istituzioni europee, rimane un membro dell’Unione economica eurasiatica (a trazione russa) e della Csto, la Nato post-Sovietica controllata dalla Russia.

Erevan appare lontana dalle prospettive di una qualunque forma di integrazione europea.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne.

Leggi tutto

Storie

Putin lancia l’operazione militare in Ucraina

La tanto temuta guerra in Ucraina è scoppiata. La Russia è entrata con le sue armate alle prime luci del giorno ed ha iniziato quella che Putin definisce un’operazione di difesa dei confini russi ed una reazione alla terribile strage di Odessa.

Leggi tutto

Storie

Ucraina, appello di don Cristiani a Zelensky

Pubblichiamo l’appello di don Andrea Pio Cristiani, fondatore del Movimento Shalom, al presidente ucraino Zelensky per la pace in Ucraina

Leggi tutto

Politica

Sui Paesi più poveri l’impatto della guerra

L’allarme del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, alla riunione del Development Committee della Banca Mondiale e del Fondo monetario internazionale a Washington

Leggi tutto

Chiesa

Le intenzioni del papa

La posizione di Francesco sulla guerra russo-ucraina testimonia della sua buona fede, alla quale sempre sono stato propenso a credere. Anche perché il mare di vive intuizioni innovative che trasmette non potrebbe facilmente provenire da un burocrate. Francesco vuole uscire dalle astrazioni, dagli spiritualismi, del razionalismo ma non avendo ricevuto la grazia di intuire un oltre rispetto al razionalismo stesso esso resta la sua cultura di riferimento, sia pur guardata con sospetto. Così finisce nel pragmatismo del “famo a capisse” e non in una rinnovata ricerca del discernere divino e umano del Gesù dei vangeli, del suo cuore nella luce che scende a misura, come una colomba.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano