Società

di Giampaolo Centofanti

Il pensiero unico fa a meno della realtà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Davvero singolare la cultura attuale che genera spegnimento, disinteresse, ignoranza.

Non mi pare, non comprendo, dice l’apparatcik circa l’imperversare del pensiero unico. Ma se i mezzi di comunicazione sono nelle mani di pochi pensiamo che questi tali desiderino far parlare tutti e anzi condividere la gestione di tali media con tutti? Oggi può parlare solo chi trasmette i loro desiderata o al più chi fa capo a qualcuno dei pochi centri di potere avversi come Cina e Russia. Ma chiarendo che le collusioni di finanza e big tech con qualsiasi potere statale sono spesso fortissime e con sfumature non sempre chiare. Comunque si può osservare che il bianco e nero fanno comodo al sistema. Ciò che è sparito è la libera ricerca ricca di sfumature.

Cosa rendera’ diffuse queste consapevolezze? Gia’ lo sono molto ma certo il crollo dovuto allo svuotamento di una piu’ autentica partecipazione condurra’ naturalmente in questa direzione. Dovranno svilupparsi nuovi modi di gestire educazione, cultura, informazione, incontro e via discorrendo, basati su criteri diversi, spirituali, morali e non tecnicistici, come osservo per esempio in https://gpcentofanti.altervista.org/una-pista-mediatica-nuova/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

Schwazer: “Giustizia È Fatta”

Quasi cinque anni dopo, siamo alla sentenza dove il Gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale, perché Schwazer per “non aver commesso il fatto”.

Leggi tutto

Società

Una meccanica rotta di collisione

Le dinamiche del pensiero unico imperversano in modo crescente. Ecco alcuni criteri riscontrabili nelle logiche di apparato.

Leggi tutto

Società

Rivoglio ginocchia sbucciate e schiamazzi soavi

Siamo schiavi o padroni delle tecnologie in campo virtuale?

Leggi tutto

Società

Unicef: più di 635 milioni di studenti colpiti dalla chiusura delle scuole

Nella Giornata Internazionale dell’Istruzione e mentre la pandemia da COVID-19 si avvicina alla soglia dei due anni, l’UNICEF condivide gli ultimi dati disponibili sull’impatto della pandemia sull’apprendimento dei bambini.

Leggi tutto

Storie

Il segreto del tempo

Vi sono profondità di noi stessi in cui solo Gesù può entrare e portare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano