Storie

di Roberto Signori

Nigeria: ucciso uno dei sacerdoti rapiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È stato assassinato padre John Mark Cheitnum, il sacerdote rapito venerdì scorso nello Stato di Kaduna, in Nigeria, insieme a padre Donatus leopas, che è invece riuscito a sfuggire ai sequestratori. Padre Cheitnum è stato ucciso lo stesso giorno in cui è stato rapito, il 15 luglio scorso, il suo corpo, però, è stato ritrovato oggi. I due preti cattolici erano stati prelevati mentre si trovavano nella canonica della parrocchia di Cristo Re, a Yadin Garu. La notizia del rapimento era stata diffusa da un comunicato della diocesi di Kafanchan che chiedeva preghiere per un “rilascio rapido e sicuro” dei due presbiteri ed invitava la popolazione tutta ad astenersi dal farsi giustizia da sé.

In un nuovo comunicato, il cancelliere della diocesi di Kafanchan, padre Emmanuel Uchechukwu Okolo, ha reso nota la notizia della morte di padre Cheitnum, esprimendo il profondo dolore dell’intera diocesi e annunciando che le esequie si svolgeranno giovedì, alle ore 10, nella cattedrale di San Pietro di Kafanchan. Padre Cheitnum ha ricoperto diversi incarichi, era, fra l’altro, presidente dell’Associazione cristiana della Nigeria (CAN), direttore delle Comunicazioni della diocesi e parroco della parrocchia San Giacomo di Fori. La diocesi di Kafanchan, che ha proclamato due giorni di lutto, chiede ai fedeli preghiere per il sacerdote ucciso e per i suoi familiari, perchè Dio doni loro consolazione, ed esorta, ancora una volta, ad astenersi dal farsi giustizia da soli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/07/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria

Proseguirà fino al 3 novembre la visita del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali alle comunità cattoliche provate dalla guerra. Il cardinale sarà a Damasco e poi farà tappa in diverse località per incontrare religiosi, esponenti di organizzazioni non governative e diplomatici accreditati presso la Santa Sede

Leggi tutto

Società

Etiopia:  il Tigray nella morsa di crimini efferati

L’Etiopia si trova in una situazione di enorme difficoltà. Sembra che tutto ci stia spingendo verso il baratro. Cresce il terrore; aumenta la diffidenza tra i gruppi. Preghiamo il Signore perchè finisca questa spirale di violenza: poi potremo trovare le strade per guarire le ferite: ma adesso è soprattutto il momento di salvare le vite di tutti gli innocenti esposti a rischio di morire in un paese dilaniato; dove fino a poco tempo fa tutto sembrava promettere un futuro migliore”.

Leggi tutto

Storie

Alessia Orro ed il dramma dello stalking

Un impiegato di banca di 55 anni di Novara, Angelo Persico, è stato nuovamente arrestato ieri, come tre anni fa, con la stessa l’accusa di stalking. Anche la sua vittima era sempre la stessa: la pallavolista della Vero Volley Monza e della nazionale Alessia Orro, 23 anni.

Leggi tutto

Storie

Nicaragua - Arrestato un sacerdote a Boaco

Rapito monsignor Leonardo Urbina, parroco del Perpetuo Soccorso di Boaco.

Leggi tutto

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano