Politica

di Roberto Signori

Argentina: no al “gender neutral” nelle scuole

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’amministrazione della capitale, Buenos Aires, ha infatto deciso di vietare agli insegnanti l’utilizzo di parole gender-neutral in classe e nelle comunicazioni coi genitori. Lo racconta il New York Times.

Secondo la ministra dell’Educazione della città, Soledad Acunha, l’eccessivo utilizzo di segni per eliminare riferimenti al genere viola la morfologia della lingua spagnola e danneggia la capacità di lettura degli studenti. “Il linguaggio non è né più inclusivo, né meno inclusivo: dipende da come le persone lo usano”, ha affermato Acunha, la quale non definisce divieto il divieto, ma una “norma”. L’utilizzo un linguaggio inclusivo è particolarmente sentito tra le giovani generazioni, tra le quali è invalso l’uso di scrivere per “benvenuti”, “[email protected]” oppure per “todos” (tutti) “todxs” e via dicendo. Molti docenti si sono adattati a questa sensibilità, adottando le stesse norme informali.

Tuttavia tra gli accademici e poi tra i politici è iniziato un dibattito sul fatto che queste novità rischiano di degradare la lingua scritta. Da questo dibattito scaturisce il divieto. Immediatamente contro la decisione dell’amministrazione si sono schierate almeno cinque organizzazioni che vanno da quelle per i diritti LGBTQ+ a quelle per i diritti umani. Sono anche state presentate delle denunce.

Jaime Perczyk, ministro dell’Educazione dell’Argentina, si è schierato contro il divieto di Buenos Aires, paragonandolo al bando contro i mancini durante la dittatura fascista di Francisco Franco in Spagna, perché scrivere con la sinistra avrebbe evocato la sinistra politica. Il dibattito sul linguaggio inclusivo è particolarmente sentito nei paesi che hanno come lingua principale una lingua romanza – spagnolo, francese, italiano, portoghese – perché queste lingue hanno ovviamente il genere. Lo scorso anno il ministro dell’Educazione in Francia ha raccomandato di evitare queste innovazioni nelle comunicazioni ministeriali e nelle scuole.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/07/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

L’hashtag che risolve persone e societa’

Sui grandi media del sistema non è possibile intervenire con proposte originali. È necessario cogliere un intento di fondo, proprio sulla via della concreta libertà, del concreto pluralismo e diffonderlo dappertutto. Un rumore di fondo. “Libertà di educazione” è la chiave per uscire dal vuoto e distorcente tecnicismo del pensiero unico inculcato fin dalla scuola, sradicando ogni libera ricerca umana e di conseguenza ogni autentico scambio. Il rapidamente progressivo spogliamento di tutto, il malessere generalizzato, l’isolamento, ad opera del sistema del pensiero unico possono comunque gradualmente unire molti su questo tema decisivo. Libertà di educazione può divenire il rumore di fondo, l’hashtag ricorrente per ogni dove.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - La comunità cattolica non dimentica i disabili

Nelle ultime settimane, la Caritas ha fornito 37 sedie a rotelle a 26 cristiani e 11 musulmani con disabilità, distribuendo anche aiuti alimentari. Inoltre le persone con disabilità vengono istruite sulle azioni precauzionali da adottare in circostanze come disastri naturali e salvaguardare la loro vita in caso di qualsiasi situazione di emergenza.

Leggi tutto

Storie

La ricerca del successo è diventata una maledizione

Come tradotto da soompi.com, la nota di Yoo recita: “Mi dispiace di avervi lasciato prima. Sono particolarmente dispiaciuto per mamma, papà, nonna e fratello. Il mio cuore urla che non voglio vivere. La vita senza di me può essere vuota, ma per favore vivivete coraggiosamente. Vi terrò d’occhio. Non piangete. Non sono triste in questo momento. Mi sento risoluta e calma. Penso che sia perché ci ho pensato a lungo. Ho vissuto una vita così felice che era più di quello che meritavo. Ecco perché mi basta. È abbastanza. Quindi, per favore, vivi senza dare la colpa a nessuno”

Leggi tutto

Storie

Belgio, arriva Kroiroupa

Kroiroupa, gioco in scatola su religioni e laicità è stato ideato dal Centro comunitario laico ebraico David Süsskind ed è nato come strumento educativo sviluppato nell’ambito del programma “Dico no all’odio” per studenti della quinta e sesta classe delle scuole primarie

Leggi tutto

Storie

Argentina - Il Vescovo di Moron contro le droghe

L’Osservatorio sul divario sociale dell’Università Cattolica Argentina (Uca) ha rilevato che a fine 2021, su un campione di 5.680 famiglie, il 23% segnalava la presenza di vendita di droga nell’isolato o nel quartiere in cui vive. Una percentuale che sale al 30% nelle zone urbane al di fuori della capitale.

Leggi tutto

Politica

UN RICORDO DI SCUOLA

Un ricordo vivo. Un insegnante di storia e filosofia in un liceo scientifico calabrese. Un’intelligenza vivace, una personalità comunicativa e affascinante per noi ragazzi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano