Storie

di Roberto Signori

Guatemala, i vescovi e la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Invitiamo i guatemaltechi a non perdere la speranza di costruire la pace nel nostro paese. Dio ci chiama a cercare la giustizia, a difendere la vita umana in tutti i suoi momenti e in tutte le persone, specialmente quelle più fragili”. Questa l’esortazione dei Vescovi del Guatemala, al termine della loro riunione del mese di luglio, condividendo la lettura dei “segni dei tempi” per vedere la realtà del Paese alla luce della fede. In modo significativo il loro messaggio è intitolato “La speranza non delude…” (Rm 5,5).

L’epoca di transizione che stiamo vivendo, scrivono, è marcata dalla pandemia e da altri avvenimenti internazionali come la guerra, la crisi economica, i disastri naturali…mentre nella geopolitica prevalgono egemonie che non favoriscono il bene comune né il benessere minimo delle persone e la loro dignità umana. “Il Guatemala continua ad essere in una situazione negativa che per molti versi si deteriora” notano i Vescovi, che proseguono: “Il problema del nostro paese è che la corruzione, l’irresponsabilità, gli interessi e la miopia politica dei funzionari in tutti gli organi dello Stato hanno corrotto il sistema, ne hanno abusato e creato uno Stato non funzionale incapace di adempiere alla sua funzione di generare il bene comune”.

La conseguenza è che il Guatemala si trova al posto più basso in America Latina per lo sviluppo umano, e sebbene tanti problemi siano storici, aggravati dalla attuale situazione, i governi hanno fatto piani per risolverli a corto raggio e per fini elettorali.
“Non vediamo ancora grandi risultati nella lotta contro la malnutrizione infantile, gli indici della violenza si mantengono alti e non si sono promosse politiche reali ed effettive a favore della popolazione indigena, come per l’applicazione trasparente della giustizia” denunciano i Vescovi, che sottolineano: “È necessario vedere questa realtà secondo la fede, i valori del Vangelo e la Dottrina sociale della Chiesa. Seguaci del Crocifisso, sperando contro ogni speranza (Rm 4,18), vogliamo essere fedeli alla chiamata di Dio per costruire il suo regno, non importa in quali circostanze”.

Il messaggio della Conferenza Episcopale mette quindi in rilievo la speranza scaturita nell’Assemblea ecclesiale della Chiesa dell’America Latina e dei Caraibi dello scorso anno, rafforzata dal cammino sinodale, per questo chiedono “ai cittadini credenti, che appartengano o meno a un’organizzazione politica dello Stato, di esercitare le loro azioni nella sfera pubblica con senso morale ed etico”. Al settore privato chiedono di lavorare sempre con senso morale, ai cittadini che non professano alcuna religione di prendere coscienza che “anche la responsabilità etica e morale delle loro azioni contribuisce a creare una società prospera e includente”. Quindi esortano a svolgere attività o giornate civiche per promuovere la partecipazione dei cittadini, la consapevolezza politica e l’elezione di candidati idonei, che abbiano coscienza sociale, proiezione politica, conoscenza delle leggi e dei valori umani e cristiani.

Passando alla realtà ecclesiale, i Vescovi invitano a vivere la dimensione comunitaria della Chiesa e dell’esperienza cristiana del discepolo missionario, che inizia con la presenza alle celebrazioni liturgiche e continua nella partecipazione ad una comunità, pastorale, movimento o gruppo parrocchiale. Esortano poi “a lavorare per e con i giovani e i bambini delle nostre parrocchie, che sono il presente e il futuro della società e della Chiesa e quindi hanno bisogno di cura pastorale.”

Propongono di organizzare attività diocesane e parrocchiali di sensibilizzazione, formazione, preghiera, usando anche i social media, invitano a “non dimentichiamo che la vera fede cristiana non è solo implorare la benedizione del vero Dio, ma è anche lavorare per la giustizia e la pace” e infine raccomandano: “Che le celebrazioni religiose di qualsiasi denominazione, nei prossimi mesi, non cadano nella tentazione di mescolare la propaganda politica con l’apparente preghiera”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/07/2022
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

Importante discorso del Pontefice all’apertura dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana: “Non servono i vescovi-pilota”

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano