Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Opus Dei: Motu proprio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quarant’anni dopo la Costituzione apostolica Ut sit, che erigeva ad opera di Giovanni Paolo II la Prelatura dell’Opus Dei, Papa Francesco ne modifica alcuni assetti sulla base della Praedicate Evangelium, allo scopo di “tutelare il carisma” e “promuovere l’azione evangelizzatrice che i suoi membri compiono nel mondo” diffondendo “la chiamata alla santità nel mondo, attraverso la santificazione del lavoro e degli impegni familiari e sociali”. A stabilire il nuovo orientamento è il Motu proprio Ad charisma tuendum, promulgato ieri, col quale il Papa modifica alcuni articoli dell’Ut sit, armonizzandoli con quanto stabilito dalla recente Costituzione apostolica.

Solla base dell’articolo 117 della Praedicate Evangelium, il Dicastero vaticano referente dell’Opus Dei non sarà più quello per i Vescovi ma quello per il Clero, al quale il Prelato, la massima autorità, sottoporrà una relazione annuale sullo stato della Prelatura. Il Prelato stesso, a differenza del passato, non potrà più essere nominato vescovo e questo - si spiega nel Motu proprio all’articolo 4 - per “rafforzare la convinzione che, per la tutela del dono peculiare dello Spirito, occorre una forma di governo fondata più sul carisma che sull’autorità gerarchica”. Dunque, il titolo che spetterà al Prelato dell’Opus sarà quello di Protonotario apostolico soprannumerario con il titolo di reverendo monsignore.

Ricordando la “grandissima speranza” con cui la Chiesa rivolgeva “le sue materne premure e le sue attenzioni verso l’Opus Dei”, all’atto della sua costituzione come Prelatura, secondo quanto espresso nella circostanza da Papa Wojtyla, con questo Motu proprio, si soggiunge nel testo del documento papale, “si intende confermare la Prelatura dell’Opus Dei nell’ambito autenticamente carismatico della Chiesa, specificando la sua organizzazione in sintonia alla testimonianza del Fondatore, san Josemaría Escrivá de Balaguer, e agli insegnamenti dell’ecclesiologia conciliare circa le Prelature personali”. L’entrata in vigore di queste disposizioni sarà a partire dal prossimo 4 agosto.

Nell’accettare “filialmente” quanto disposto da Papa Francesco, il Prelato dell’Opus, monsignor Fernando Ocáriz, auspica in una lettera inviata ai membri della Prelatura che l’invito del Papa “risuoni con forza in ciascuna e in ciascuno” come un’“occasione per capire in profondità lo spirito che il Signore infuse nel nostro fondatore e per condividerlo con molte persone nell’ambiente familiare, professionale e sociale”. Per quanto attiene d’ora in poi alla figura del Prelato, pur ringraziando “per i frutti di comunione ecclesiale che ha rappresentato l’episcopato del beato Álvaro e di don Javier”, monsignor Ocáriz riconosce nella lettera che “l’ordinazione episcopale del prelato non era e non è necessaria per guidare l’Opus Dei. La volontà del Papa di sottolineare adesso la dimensione carismatica dell’Opera ci invita a rinforzare l’ambiente di famiglia, di affetto e fiducia: il prelato deve essere guida, ma, anzitutto, padre”.

La lettera del Prelato è corredata da una serie di otto domande e relative risposte sul significato del Motu proprio e le sue più dirette implicazioni sulla vita dei membri della Prelatura. In particolare sul rapporto tra carisma e gerarchia si sottolinea che nel Motu proprio “si ricorda che il governo dell’Opus Dei deve stare al servizio del carisma - di cui siamo amministratori, e non proprietari - affinché esso cresca e dia frutti, con la fede che è Dio colui che opera tutto in tutti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/07/2022
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La fede dei popoli baltici

In un incontro promosso dall’Associazione internazionale di diritto pontificio gli interventi del cardinale Koch e di alcuni membri del corpo diplomatico accreditati presso la Santa Sede.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco lava i piedi a 12 detenuti del carcere minorile

Per dodici volte Papa Francesco si china sui piedi nudi che dodici giovanissimi detenuti gli porgono dall’alto di un piano rialzato e per dodici volte li bacia, dopo averli aspersi con l’acqua e asciutati con un telo di lino. Uno di loro è di nazionalità russa. L’antico rito della lavanda dei piedi si è celebrato nel carcere minorile di Casal del Marmo dove Bergoglio è tornato dopo dieci anni esatti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Avviamo nuovo processo di costruzione di memoria collettiva”

Insisto “sull’importanza di un maggior impegno da parte di tutta la Comunità ecclesiale, ed in particolare della Santa Sede, verso la custodia della nostra memoria per immagini”. Lo ribadisce il Papa nel messaggio alla Fondazione Memorie Audiovisive del Cattolicesimo.

Leggi tutto

Storie

SUDAN - Tra battaglie e tregue

La tregua tra le forze armate sudanesi (SAF) e le forze di supporto rapido (RSF), entrata in vigore il 22 maggio scorso e prevista della durata di sette giorni, è stata rinnovata per altri 5 giorni. Secondo fonti locali è stato raggiunto un accordo tra le parti sudanesi in una riunione a Gedda, con la mediazione saudita e statunitense.

Leggi tutto

Storie

VIETNAM - Aumentano i divorzi nella società, i cattolici in controtendenza

Un numero crescente di giovani coppie in Vietnam sceglie di divorziare ed evita di avere figli, affermano recenti statistiche e studi sociologici.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “L’unità dei cristiani si fa camminando insieme”

Papa Francesco ricorda che lo Spirito Santo “ha fatto l’armonia, che non è un negoziato di equilibri: l’armonia va oltre”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano