Storie

di Nathan Algren

Nepal - Condanna al carcere per un pastore accusato di proselitismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gruppi di attivisti per i diritti umani hanno espresso apprensione per il verdetto dell’Alta Corte di Jumla che ha condannato il pastore cristiano Keshav Acharya a un anno di reclusione per proselitismo. Hanno esortato il tribunale a rivedere la sentenza e il Parlamento ad abrogare le leggi del Paese che criminalizzano la conversione religiosa violando il diritto alla libertà di culto.

l pastore Keshav Acharya era già stato arrestato il 23 marzo 2020 con l’accusa di diffondere disinformazione sul Covid-19. Era poi stato rilasciato su cauzione, ma arrestato altre due volte per aver tentato di convertire dei fedeli indù. Il 30 novembre 2021 il tribunale distrettuale di Dolpa lo ha condannato a due anni di carcere, poi mutuati a uno dall’Alta Corte il 13 luglio.

“È illegale, oltre che immorale, costringere qualcuno a convertirsi con le minacce, ma il pastore Keshav non ha fatto ricorso alla coercizione per convertire qualcuno al cristianesimo”, ha dichiarato Joseph Janse, presidente dell’organizzazione Voice for Justice. “Il pastore ha solo esercitato il suo diritto alla libertà religiosa e non ha commesso alcun reato”.

“È deplorevole che le leggi anti-conversione del Nepal siano formulate e applicate in modo tale da poter essere applicate anche come misure anti-blasfemia”, ha aggiunto Jansen. “L’applicazione della legge anti-conversione ha portato all’arresto di membri delle minoranze religiose e potrebbe ispirare gli estremisti indù ad attaccare i cristiani”.

Joël Voordewind, ex membro del Parlamento per l’Unione Cristiana, ha spiegato che il Nepal è parte di trattati internazionali, tra cui la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici che garantisce ai cittadini la libertà di scegliere una religione di propria scelta e di manifestare il proprio credo nel culto, nell’osservanza, nella pratica e nell’insegnamento. “Gli articoli costituzionali e del codice penale che regolano la conversione religiosa e il proselitismo sono vaghi e contraddittori, e sono stati utilizzati in maniera impropria”, ha aggiunto. “La promozione della libertà religiosa è un obbligo degli Stati in materia di diritti umani, ma la presenza del comma 3 dell’articolo 26 della Costituzione del Nepal e della sezione 158 del codice penale 2017 mettono in discussione la visione laica del Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/07/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

NIGER - “Non mi sono mai pentito di essermi convertito al cristianesimo”

Non è facile essere cristiani in Niger oggi, e ancor più dopo il jihadismo alimentato da movimenti come Al Qaeda o Boko Haram, presenti nel Paese” scrive padre Rafael Casamayor, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA), dalla missione presente a Dosso.

Leggi tutto

Storie

Nigeria - Arresti per la strage di Pentecoste

Non ci fermeremo finché non arriveremo in fondo all’indagine su questo crimine e vi assicuro che gli autori e i loro sponsor saranno catturati”, ha detto Adetunji Adeleye, comandante della Ondo State Security Network Agency, nota come “Amotekun Corps”, la polizia dello Stato di Ondo, nel sud-ovest della Nigeria, nell’annunciare l’arresto di alcuni sospetti in relazione al massacro di domenica 5 giugno, nella chiesa cattolica di San Francesco Saverio ad Owo

Leggi tutto

Storie

Turchia: i cimiteri profanati

A metà luglio devastate tombe e lapidi ebraiche ad Haskoy, sobborgo di Istanbul. In precedenza erano finiti nel mirino campisanti cristiani a Mardin e Van. Esumate salme di fedeli yazidi e sepolte di nuovo secondo la tradizione islamica. Fra gli autori delle profanazioni anche giovanissimi di 11 e 13 anni.

Leggi tutto

Politica

Siria: riapre l’ambasciata ungherese

In Siria si cerca la fine della guerra da anni. Troppi gli interessi di’potenti’ in un Paese martoriato da una guerra che si trascina inesorabilmente. Giunge, in queste ore, la notizia di un passo importante proveniente dall’Europa: Orban fa riaprire l’ambasciata Ungherese!

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: libertà e diversità fanno paura

È un clima cordiale e familiare a caratterizzare gli incontri di Papa Francesco con i gesuiti durante i suoi viaggi apostolici. Così è stato anche in Slovacchia quando il 12 settembre, nella Nunziatura apostolica di Bratislava, si è ritagliato circa un’ora e mezza con i confratelli del Paese visitato. Questo l’incontro di cui La Civiltà Cattolica riporta la conversazione

Leggi tutto

Media

Libro: Don Amorth continua

Le Edizioni San Paolo pubblicano un volume, a firma del giornalista Domenico Agasso, per ripercorrere e raccontare la vita del sacerdote modenese, decano degli esorcisti d’Italia e del mondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano