Politica

di Mario Adinolfi

O LE SINISTRE O NOI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Almeno questo De Pierro, politico di sinistra proveniente dall’IdV di Di Pietro, ha il merito di dirlo chiaro il progetto: togliere tutti i diritti ai non vaccinati, 4 milioni di elettori italiani. Io e Simone Di Stefano non siamo vaccinati. Il 25 settembre o le sinistre o noi. E ancora c’è chi mi chiede perché abbiano messo “no green pass” nel simbolo di Alternativa per l’Italia: questi hanno in mente di piazzare limitazioni pesantissime (“green pass elettorale”, ma che davvero?) dei diritti fondamentali ai non vaccinati, ai vaccinati che non si sottoporranno alla quarta dose, ai guariti che non si faranno inoculare di nuovo, ai freevax e se poi supererete tutti questi esami e a loro non piacerete vi daranno dei fascisti e degli omofobi e in carcere vi manderanno con un ddl Zan accompagnato da tante manganellate arcobaleno con colonna sonora di Elodie che vi spiega che forse potrete andare in bagno, ma giusto a mezzanotte (uno, due, tre, alza…la tavoletta).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/07/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le menzogne del ministro

Valeria Fedeli mente sul proprio titolo di studio, niente male per un neoministro all’Istruzione. Dichiara di essere “laureata in Scienze Sociali”, in realtà ha solo ottenuto il diploma alla Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano. Complimenti ministro, bel passo d’inizio. Complimenti Paolo Gentiloni: a dirigere scuola e università in Italia mettiamo non solo una che non è laureata, ma una che spaccia per “laurea in Scienze Sociali” un semplice diploma della scuola per assistenti sociali. La spacciatrice di menzogne sul gender evidentemente è abituata a dire bugie. Il problema non è neanche che non è laureata, è che mente spudoratamente. Per un atto del genere in qualsiasi paese del mondo dovrebbe dimettersi seduta stante o essere costretta a farlo.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Politica

La battaglia di resistenza

Tra 7 giorni Zan tenterà in Senato di far approvare il suo ddl liberticida. Dal 27 ottobre si combatterà dunque in Senato una battaglia di Resistenza e dopo le elezioni in cui il blocco di potere che garantisce i già garantiti è uscito rafforzato, tira una brutta aria. Anche per questo nessuna diserzione potrà essere tollerata.

Leggi tutto

Politica

Il PDF sull’intervento del Consiglio pastorale sulla rete Re.a.dy

IL PDF sottolinea che la nota della Diocesi cita anche l’eutanasia,

Leggi tutto

Politica

PDF: ecco il nuovo direttivo della Toscana

NUOVI DIRIGENTI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA IN TOSCANA DI MATTEO: “CI PREPARIAMO ALLA SFIDA ELETTORALE DEL 2023”

Leggi tutto

Politica

PdF: Eugenio e Paolo Dima nuovi consiglieri territoriali

“Coglie con soddisfazione il Popolo della Famiglia la notizia dell’elezione di due consiglieri territoriali all’ultima consultazione elettorale di domenica scorsa: “siamo felici di aumentare il nostro numero di eletti nel territorio e credo potremo fare un buon lavoro per dare ascolto alle istanze del territorio e delle sue famiglie” dichiarano dal partito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano