Politica

di Roberto Signori

Omicidio Pamela Mastropietro. Il legale della famiglia risponde a Letta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Enrico Letta ha detto che farà una campagna elettorale casa per casa in occasione delle politiche del prossimo 25 settembre, per chiedere il voto al suo partito. Noi lo aspettiamo, anzi lo invitiamo a Roma, a casa nostra, dove viveva Pamela Mastropietro, studentessa romana uccisa, depezzata, disarticolata e abbandonata in due trolley da un immigrato irregolare».

Lo dichiara Marco Valerio Verni, legale della famiglia Mastropietro e zio della studentessa romana uccisa il 30 gennaio del 2018 a Macerata.

«Pamela è stata barbaramente trucidata dal nigeriano Innocent Oseghale, condannato, per questo, in via definitiva. Dunque – insiste Verni – la aspettiamo a casa nostra per parlare di quell’uomo venuto clandestinamente in Italia qualche anno prima, chiedendo la protezione internazionale, quest’ultima rifiutata, in tutti i gradi dal suddetto esperiti, vista la mendacità del suo racconto. Non vediamo l’ora di parlarne con lei – continua Verni - di sentire cosa ne pensa di questa persona che doveva essere rimpatriata ma che, al contrario, a metà gennaio proprio del 2018, veniva presentato in una parrocchia di Macerata come simbolo di un fenomeno, quello dell’immigrazione, cui si doveva guardare con benevolenza ed accoglienza. Approccio ideologico giusto, ma che non dovrebbe trascendere nell’ipocrisia.

Vorremmo parlare con lei di questo, farle vedere le fotografie del corpo martoriato di Pamela, farla entrare nella sua stanza, ancora piena di peluche, quadri, scritte e tanti altri oggetti di questa povera ragazza. Vorremmo parlarle di tutti gli altri nigeriani che, insieme ad Oseghale, sono entrati nelle indagini. Si tratta di tutti richiedenti protezione internazionale e quasi tutti spacciatori, gente che racconta di scappare dalle guerre e che noi raccogliamo in mare ed accogliamo in patria. Vorremmo discutere con lei delle inchieste giudiziarie svolte nel nostro Paese, sulla criminalità derivante dal fenomeno migratorio in generale e su quelle riguardanti la mafia nigeriana, le cui vittime spesso, sono proprio le donne nigeriane stesse. Per cui, discuterne, non significa essere razzisti, ma essere umani. Vorremmo anche parlarle della mancata riforma della normativa sulla violenza sessuale

che, pure, ha mostrato la sua limitatezza nel caso di Pamela, sul quale nessuno nulla ha fatto. Di questo e di altro vorremmo, insomma, parlare con lei senza polemica e pregiudizio. E, soprattutto, senza che nessuno gridi alla strumentalizzazione. Noi siamo qui a gridare il nostro dolore da sempre, e non solo ora. E vorremmo delle risposte e, soprattutto, dei fatti. La aspettiamo, dunque. Anzi, come detto – conclude - la invitiamo. Non ci deluda»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/07/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Green Pass - Allarme sicurezza da venerdì 15 Ottobre

Allarme sicurezza: da venerdì 40mila carabinieri, poliziotti e finanzieri in meno? Non c’è solo Nunzia Schilirò, vicequestore No Green pass di Roma sospesa ingiustamente per la sua propaganda pubblica contro il certificato verde e il governo. Il rischio è che dal 15 ottobre, quando il Green pass diventerà obbligatorio sui luoghi di lavoro, l’Italia resti senza forze dell’ordine

Leggi tutto

Chiesa

Papua occidentale: leader cristiani chiedono la fine delle violenze

Il Consiglio delle Chiese ha stilato un documento in cui domanda a Jakarta di tenere colloqui di pace tra il governo e gli indigeni

Leggi tutto

Società

C’è chi “OSA” per il rispetto della Costituzione

Alla Bocca della Verità si sono dati appuntamento uomini e donne appartenenti ai vari corpi di sicurezza dello Stato. La manifestazione è stata organizzata dall’O.S.A.-Operatori Sicurezza Associati. L’associazione conta ad oggi 2.357 iscritti alla luce del sole, appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare, Corpo Forestale, Polizia Locale. La loro parola d’ordine è: “difendere i valori, i dettami ed i principi della Costituzione della Repubblica Italiana

Leggi tutto

Politica

PDF: gravi i problemi di mancanza di sicurezza a Napoli

Napoli ha un problema grosso e si chiama SICUREZZA, il Sindaco, la giunta e gli Assessori hanno l’obbligo di intervenire subito, con un piano strategico per difendere Napoli da questi Barbari che in preda a fiumi di alcol e droghe di ogni genere, mettono a ferro e fuoco la città” queste le parole di Massimiliano Esposito Coordinatore Regionale del Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la gentilezza della sicurezza

Nel ricevere i membri dell’Ispettorato di Pubblica Sicurezza, il Papa ha rivolto parole di stima e gratitudine a quanti si occupano di tutelare l’ordine pubblico,

Leggi tutto

Società

Polizia postale: allarme pedofilia e pedopornografia

Sono sempre di più i piccoli colpiti dall’effimero crimine della pedofilia e delle pedopornografia e i dati diffusi dalla Polizia Postale fanno emergere un quadro inquietante e allarmante.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano