Storie

di Roberto Signori

BANGLADESH - I cattolici celebrano i Giubilei

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa cattolica del Bangladesh celebra i 400 anni di fondazione del dicastero di “Propaganda Fide” (1622-2022) e i 200 anni di costituzione delle Pontificie Opere Missionarie (POM) (1822-2022), riconoscendo con gratitudine il contributo ricevuto dalla Santa Sede e dalle POM per la storia dell’evangelizzazione nel subcontinente indiano e nella vita della Chiesa cattolica in Bangladesh.

Alla celebrazione che si è svolta di recente nella diocesi di Mymensingh, organizzata dalla Commissione Episcopale per l’Evangelizzazione e dalla Direzione nazionale delle POM in Bangladesh, hanno partecipato sacerdoti, religiosi e laici. Fr. Rodon Hadima, Direttore nazionale delle POM: “Con la celebrazione intendiamo esprimere gratitudine alla Beata Paolina-Maria Jaricot, fondatrice della Società della Propagazione della Fede, beatificata nel maggio scorso. Auspichiamo che la sua opera venga conosciuta più a fondo nella nostra nazione”

Tutte le otto diocesi cattoliche in Bangladesh prevedono un evento per celebrare il giubilei, successivamente, a livello nazionale, nella città di Dhaka, le POM animeranno una celebrazione nazionale “al fine di far conoscere e coinvolgere religiosi, sacerdoti e laici nella vita delle POM”, ha detto p Hadima, che è anche Vice-Rettore del Seminario Maggiore dello Spirito Santo, situato a Dhaka.

I fedeli bangladesi, ricorda il Direttore, per tre volte durate l’anno offrono donazioni per le POM: nella Domenica dell’Infanzia Missionaria, nella Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni e nella Giornata Missionaria. Con le offerte raccolte, le POM sostengono attività come la costruzione di chiese, e le forme di annuncio del Messaggio di Dio, secondo le diverse esigenze delle Chiese locali. Padre Hadima auspica che, con tali celebrazioni, i fedeli in Bangladesh siano più attivi e si sentano pienamente coinvolti, da battezzati, nell’opera missionaria della Chiesa.
“Durante il Giubileo – nota il Direttore nazionale delle POM – incoraggiamo i cattolici a pregare, poiché la preghiera è lo strumento chiave. Preghiamo per i missionari, preghiamo per la crescita delle vocazioni sacerdotali e religiose, preghiamo per i bambini e con i bambini, che sono i leder e i missionari del domani”.

“Con tali celebrazioni giubilari - conclude padre Hadima – promuoviamo lo spirito missionario nel Popolo di Dio, per approfondire la coscienza missionaria, fornire una formazione missionaria, incoraggiando la cooperazione missionaria nel opera di evangelizzazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/07/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Muro o ponte, convegno o manifestazione: caro don Mauro, #dialoghiamone

Le polemiche previe alla grande festa di sabato rischiano di travolgere il bel risultato conseguito dalla piazza (da cui speriamo frutti concreti in Parlamento) in un inasprito scontro di campanili. Per scongiurare il rischio che ciò avvenga abbiamo invitato ieri don Mauro Leonardi a esporre la sua critica alla mobilitazione. Il dibattito si è avviato – questa risposta lo mostra – e speriamo resti aperto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Mali: liberata suor Narvaez, rapita 4 anni fa

Gioia per il rilascio della religiosa, francescana colombiana, in Mali, dopo anni di prigionia, molti dei quali trascorsi assieme al missionario padre Gigi Maccalli. La suora è in buone condizioni fisiche ed è arrivata in Italia per incontrare Papa Francesco.

Leggi tutto

Storie

Disabile per “errore medico”

Del caso se ne era occupata l’inviata del le Iene Veronica Ruggeri dedicando alla 16enne di Cava de’ Tirreni (Salerno) un bellissimo servizio. Il calvario di Arianna inizia quando, a soli due anni e mezzo, viene colpita da una bronchiolite acuta. Dopo un breve periodo di degenza all’ospedale di Cava de’Tirreni viene trasferita al “A. Cardarelli” di Napoli. Il trasferimento “avviene a bordo dell’autoambulanza, in braccio alla madre, con il medico collocato nella cabina dell’autista e quindi impossibilitato a monitorare, in tempo reale, le sue condizioni cliniche. In spregio ad ogni linea guida vigente all’epoca, come ora”, spiega Mario Cicchetti, il rappresentante legale della famiglia Manzo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano