Storie

di la redazione

Corte d’Appello dà il via libera a staccare la spina ad Archie Battersbee

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte d’Appello di Londra ha respinto la richiesta dei genitori di Archie Battersbee di non “staccare la spina” al figlio, in coma da mesi. “Nostro figlio non deve morire” è l’appello di Hollie Dance e di Paul Battersbee, ma la giustizia inglese non la pensa allo stesso modo e ha rifiutato di ammettere alla discussione giudiziaria l’ennesimo ricorso da parte della coppia.

Archie Battersbee – 12enne inglese originario di Southend, città nel sud-est dell’Inghilterra – era stato trovato in stato di incoscienza e con una corda attorno al collo lo scorso 7 aprile, all’interno della sua abitazione. Secondo la testimonianza della madre, stava partecipando a una pratica divenuta virale sui social, la cosiddetta “sfida del blackout“, che consiste nell’arrivare il più vicino possibile al soffocamento. Da quel momento il 12enne si trova in coma, in ventilazione assistita, con “gravi e irreversibili lesioni cerebrali”.

Secondo i medici del Royal London Hospital dove Battersbee è ricoverato, dal momento che il ragazzo ha subito “una morte cerebrale“, è “futile, non dignitoso ed eticamente doloroso” continuare a tenerlo in vita. D’altro canto la Corte ha riconosciuto come legalmente valide le motivazioni che autorizzano i medici a mettere fine alla vita del 12enne in due sentenze (13 giugno e 15 luglio). Per i dottori il ragazzo non potrà mai uscire dallo stato vegetativo in cui si trova adesso: “Servirebbe solo a protrarne l’agonia verso la morte mentre nessuno è in grado di prolungarne la vita” ha dichiarato Sir Anthony Hayden, il giudice estensore della sentenza di secondo grado del 15 luglio. In quell’occasione l’High Court of Justice inglese aveva autorizzato il personale medico-sanitario del Royal a staccare il ventilatore a Battersbee e a proseguire nel percorso della “morte di Stato” verso chi non è autonomo e non ha prospettive di personale benessere.

Ma i genitori non si sono arresti e hanno contestato ripetutamente diagnosi e verdetti da parte dell’ospedale e dei giudici. La coppia è sostenuta da diversi gruppi “pro life” e da comuni cittadini. Hollie Dance non solo si è definita “devastata“, ma anche convinta, “in quanto mamma”, che il figlio sia ancora in grado di riprendersi, dal momento che le ha “stretto la mano” dal suo letto d’ospedale. Oltre a questo la donna si è detta “disgustata” dall’atteggiamento sia dei medici che dei giudici. “Non accettiamo l’idea che ci sia dignità nella morte. Accelerare il decesso di nostro figlio è la cosa più crudele” ha aggiunto il padre del ragazzo, Paul, fuori dal tribunale. In seguito il padre è stato colpito da infarto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/07/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

“W l’amore”, non solo gender

Riportavamo ieri i fatti delle cronache del Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano a proposito del progetto di educazione sessuale “W l’amore” introdotto nelle scuole senza consultazione dei genitori (i quali da parte loro si attivano sempre di più). Illustriamo oggi le tematiche trattate dal libretto propinato ai preadolescenti (anche tredicenni): masturbazione, pornografia, contraccezione

Leggi tutto

Società

Gran Bretagna: due sentenze pro cristiani discriminati

L’infermiera di un ospedale pubblico è libera di portare il crocifisso al collo. I pasticcieri hanno diritto di non scrivere frasi inneggianti alle nozze gay. Due sentenze, una del tribunale del lavoro di Londra e l’altra della Corte Europea dei Diritti Umani

Leggi tutto

Società

Giudice britannico: parto cesareo ad adolescente che voleva parto naturale

Un giudice britannico ha autorizzato i medici a praticare un parto cesareo su una ragazza di 16 anni con una “storia di abusi sessuali” e un disturbo da stress post-traumatico, nonostante la ragazza, affidata ai servizi sociali, volesse partorire solo per via naturale.

Leggi tutto

Società

La povertà nascosta dei padri separati

Il caso dell’ex comico di Zelig commuove e fa discutere, ma non si tratta di un caso isolato: ecco i numeri dei padri poveri

Leggi tutto

Politica

Regno Unito: piano per trasferire i migranti in Ruanda

L’annuncio è stato fatto dallo stesso premier conservatore dalla costa inglese del Kent, il quale ha poi spiegato che “l’opzione Ruanda” fungerà da deterrente, ovvero i migranti, che da ora in poi arriveranno e chiederanno asilo politico, saranno trasferiti nel Paese africano, dove si svolgerà tutto il loro iter burocratico, il quale, in caso di successo, permetterà loro di avere assistenza in Ruanda, mentre in caso contrario saranno fatti tornare nel Paese di provenienza.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia presente alla Falchera

Si volantina tra la gente a sostegno di Damilano, un sindaco anche per le famiglie delle periferie.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano