Politica

di Mario Adinolfi

SUL PROGRAMMA DI APLI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre sono tutti intenti ad accoltellarsi per mere ragioni di potere (Letta vuole uccidere Renzi, Calenda vuole fare il premier, come la Meloni che nel vertice del centrodestra finirà uccisa da Berlusconi e Salvini) noi di Alternativa per l’Italia abbiamo fatto una cosa scandalosa: abbiamo pubblicato il programma.

Non chiediamo i voti per regolare conti di potere personale ma per fare delle cose precise: rivoluzione della natalità con il reddito di maternità per salvare il welfare (sanità, istruzione, previdenza, assistenza) destinato altrimenti a implodere, impegno sul lavoro con il sostegno all’impresa familiare e difesa dell’imprenditoria nazionale da legislazioni atte a favorire l’azione predatoria delle multinazionali, riforma fiscale del quoziente familiare, riforma della libertà scolastica, riforma costituzionale presidenzialista con vertice dell’esecutivo eletto direttamente dal popolo per evitare di avere ancora governi guidati da tecnocrati non eletti, lotta all’ideologia gender, rifiuto dell’identità digitale che serve al controllo sociale come sperimentato con il green pass e l’obbligo vaccinale che abbiamo combattuto e combatteremo, casa alle coppie giovani sposate (sì, il matrimonio ha ancora un senso), sostegno a anziani e disabili con aumento immediato a 1.000 euro del minimo pensionistico, no all’agenda dettata dalle strutture sovranazionali contro gli interessi delle famiglie italiane come avviene con la scelta bellicista dettata dalla NATO e attuata dalla UE, con le relative pesantissime politiche di riarmo che noi contestiamo totalmente.

Sono arrivati molti consensi e questo accarezza il nostro cuore affaticato dalla frenesia di queste ore, perché nel frattempo chiudiamo le liste e avviamo la raccolta firme. Una sfida colossale, sotto un caldo che si sviene. Ma siamo grati anche a chi ha criticato perché ci permette di spiegare meglio alcuni punti, a partire dai costi. Questo programma non è un libro dei sogni, è qualcosa di immediatamente realizzabile il giorno dopo la nostra ascesa al governo con il 50% più uno dei seggi del Parlamento (sì, probabilmente questo è un sogno). Abbiamo spiegato che noi cancelleremmo l’imposizione subita da Draghi e avallata anche dalla Meloni sull’aumento delle spese per armamenti al 2% del Pil. La pretesa di Biden e della NATO noi la rispediamo al mittente perché nel programma promettiamo di non subire imposizioni dai sistemi sovranazionali qualora ledano gli interessi delle famiglie italiane. E questo è il caso. Poiché la scelta di Draghi-Meloni portava la spesa militare da 25 a 38 miliardi, il nostro rifiuto libererebbe 65 miliardi da spendere nel corso della legislatura. Siamo intenzionati poi a prosciugare tutta una serie di prebende, ad esempio la montagna di soldi drenata dall’associazionismo Lgbt attraverso uffici di Palazzo Chigi come l’Unar.

E veniamo ai costi. Il reddito di maternità costa 1 miliardo il primo anno (purtroppo nascono pochi bambini) fino a 10 miliardi nella legislatura; l’innalzamento della pensione di invalidità deve essere secco e senza l’Isee di mezzo, come invece è accaduto con l’aumento a 500 euro nella proposta di Fratelli d’Italia poi portata da Berlusconi a mille euro, così costerebbe 3,2 miliardi. L’aumento più generalizzato delle pensioni minime costa 10 miliardi.

Le proposte sono dunque ampiamente compatibili con corrette manovre di bilancio. Semplicemente ci sarebbero meno armi (anzi, più precisamente, non ci sarebbe ulteriore incremento degli arsenali) per avere con quei soldi più figli, sostegno ai più fragili che altrimenti ricadono tutti sulle spalle delle famiglie, un fisco più equo, una scuola finalmente libera e capace di generare con l’università ricchezza e ricerca scientifica, una ripartenza vera del welfare, la difesa degli interessi dei cittadini italiani. E poi, se qualcosa finisce in deficit e l’Ue ci manda la letterina di richiamo noi ci facciamo un aeroplanino e glielo rimandiamo indietro, perché non è Bruxelles che comanderà Roma. Come Parigi, come Berlino, anche noi anteporremo gli interessi delle famiglie italiane a quelli delle realtà sovranazionali.

Alternativa per l’Italia ha il migliore programma e non solo perché è l’unico ad oggi presentato. APLI merita la vostra attenzione e il vostro voto il 25 settembre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/07/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Politica

UN PROGRAMMA PER RIDARE UN CUORE ALL’EUROPA

Natalità, democrazia, lavoro e famiglia, guerra alle dipendenze: così il Popolo della Famiglia si presenta alle urne a chiedere il consenso popolare per rinverdire l’anima europea del continente.

Leggi tutto

Società

UN MONUMENTO AGLI HATERS

L’odio e la violenza ormai sono presenti su media e social a livelli che hanno superato la guardia. E’ importante sottolineare che non vengono soltanto da una parte come si è solito far credere ma da fazioni contrapposte ormai su tutto causate da chi alimenta il pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

Report risultati elettorali liste Popolo della Famiglia

Alle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 il Popolo della Famiglia è stato protagonista con il proprio simbolo in trentanove liste presentate su tutto il territorio nazionale, partecipando a regionali, comunali, municipali e circoscrizionali con un reticolato organizzativo mai così fitto.

Leggi tutto

Politica

NON È OMOFOBIA, È DEMOCRAZIA

In tutte, tutte, tutte le trasmissioni Rai, nessuna esclusa, è obbligatoria una conduzione gay friendly e la stigmatizzazione di qualsiasi opinione dissenziente, foss’anche il voto di un Parlamento sovrano rappresentante del popolo italiano, come accaduto nel caso del ddl Zan. Non ne può più l’Italia del racconto falsato dalle lenti deformate di costoro, della linea politica obbligatoria, del divieto di dissenso, dell’oppressione così esagerata da essere diventata fastidiosa persino per molti che hanno sostenuto negli anni le lotte di chi veniva discriminato. Ma la discriminazione di allora non può trasformarsi in una violenta e prepotente soverchieria oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano