Chiesa

di Tommaso Ciccotti

CANADA - Padre Ouellet: “Impariamo dal Papa”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Camminare insieme”: questo il filo-conduttore, ma anche l’approccio proposto ai canadesi in occasione del 37esimo viaggio apostolico di Papa Francesco, che si sta svolgendo in questi giorni in Canada. “L’invito ci arriva sia dalla numerosa comunità di indigeni (1.670.000) sia dalla Conferenza episcopale cattolica e dal Primo Ministro del Paese” , commenta padre Yoland Ouellet, O.M.I., Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie (POM) in Canada. “In seguito agli incontri avuti in Vaticano con il Santo Padre, nei quali ha espresso il suo dolore, la sua vergogna per ciò che alcuni cattolici hanno fatto in passato, per la mancanza di rispetto nei confronti della cultura e della spiritualità autoctone - spiega padre Ouellet - il Papa ha chiesto perdono. I Vescovi di tutto il Canada lo avevano fatto nel 2021, dopo gli incontri nel percorso di verità e riconciliazione iniziato nel 2015. Il Santo Padre sta quindi proseguendo un importante cammino di verità, perdono e guarigione in questa visita pastorale da est a ovest del Paese”.

Prosegue il Direttore nazionale POM: “Abbiamo una responsabilità collettiva di fronte a un intero sistema che, a mio avviso, ha causato vittime da entrambe le parti. Mi piace la richiesta di perdono piuttosto che lo svolgimento di un processo che cerchi solo il colpevole da condannare, senza pietà . L’approccio cristiano accoglie la gioiosa notizia dell’amore sempre possibile e della fraternità. Comprendere l’essere umano di oggi ci porta a discernere in lui il fermento del bene e del male e a rivolgere uno sguardo preoccupato ma anche speranzoso (Giovanni Paolo II, “Riconciliazione e Penitenza”, n. 1). Le divisioni, le disuguaglianze crescenti nel nostro mondo mostrano mali di ogni genere da denunciare e tra questi, le discriminazioni per motivi socio-religiosi e le trappole contro la libertà degli individui o dei gruppi, senza dimenticare la libertà di avere la propria fede, di professarla e praticarla (Giovanni Paolo II, “Riconciliazione e Penitenza” n.2)”.

Conclude il missionario OMI: “Camminare insieme, con lo stesso Papa nelle nostre case, ci permette di desiderare la riconciliazione gli uni con gli altri attraverso un serio sforzo di riflessione e di azione che ci porterà, nel tempo, alla pace e alla guarigione . Camminare insieme è poi riconciliarsi con la Missione che vogliamo perseguire insieme, la Missione di annunciare il Vangelo per creare una nuova umanità, per costruire questa civiltà dell’amore, come ha detto San Giovanni Paolo II che venne da noi nel 1984.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/07/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa ed aborto: l’obiezione di coscienza fedeltà alla propria professione

Papa Francesco, incontrando i soci di un’associazione italiana di farmacisti, di fronte a chi vuole togliere l’obiezione di coscienza, afferma che non è una infedeltà, ma al contrario fedeltà alla propria professione, “se validamente motivata”.

Leggi tutto

PoliticaChiesa

Intervista a Roberto Roggero, ontologo ed auditor

Ecco l’intervista a Roberto Roggero (ontologo e auditor) su “nuovo modello di sviluppo”

Leggi tutto

Chiesa

Assemblea straordinaria CEI a Roma dal 22 al 25 novembre

Dal 22 al 25 novembre a Roma, si terrà la 75.ma Assemblea Generale Straordinaria della Conferenza episcopale italiana. Spetterà a Papa Francesco aprire l’incontro. L’assise sarà dedicata al Cammino sinodale delle Chiese in Italia

Leggi tutto

Società

Potere a chi il covid non conviene

Giustizia, solidarietà, libertà, verità, purché tutti la pensino allo stesso modo, quello voluto dal potere. E oggi il potere è quello del virtuale, quello dunque di finanza e big tech

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la vera ricchezza dei magi

Papa Francesco: i Re Magi non indietreggiano, scandalizzati, davanti alla grandezza di Dio che si manifesta in un neonato. Ma, prostrandosi, lo adorano.

Leggi tutto

Storie

Anche gli scout con il Papa per digiuno e preghiera

L’Agesci aderisce alla giornata di digiuno e preghiera per la pace del 2 marzo, promossa da Papa Francesco.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano