Storie

di Paolo Nardon

Un’estate rovente

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Siamo come su una rotonda in cui i semafori abbiano improvvisamente smesso di funzionare… non si sono spenti ma danno a tutti, contemporaneamente, luce verde. È una costante, e continua, roulette russa; nessuno se ne rende veramente conto. Si arriva all’incrocio gasati pensando “guarda che c… ho strada libera!!!... Via come una scheggia!!!”. Invece di rallentare si accelera e, presi dal brivido della curva affrontata in velocità, ci si fa trasportare. Un po’ come quando eravamo neopatentati e guidavamo le macchine più improbabili… i sedili mal fissati traballavano paurosamente e ogni curva corrispondeva, immancabilmente, a un controsterzo da rally. Ci si buttava nella mischia senza tante paranoie e con una incalcolabile dose di incoscienza. Volenti o nolenti era il momento di rischiare un po’… poi la differenza tra l’essere qui a raccontarlo o no… è, spesso, questione veramente imperscrutabile.

Questa estate è una delle più incasinate e delirante che ricordi… pandemia, guerra, siccità, rischio carestia mondiale, benzina alle stelle, incendi incontrollati, caduta del governo e chi più ne ha… più ne metta. Però io, con il massimo rispetto per tutte le autorità, me ne fotto. Quelle sono cose importanti ma, concretamente, non ci posso fare proprio niente, tranne, forse, farmi il sangue amaro. Beh onestamente mi bastano (e avanzano) i casini che ho già di mio.

Girando fai gli incontri più belli e strani che potresti mai immaginare. Sono squarci di luce e spensieratezza dopo un biennio a dir poco infernale, in cui le nostre vite sono state travolte e ribaltate in un modo che mai avremmo immaginato. Ma, purtroppo, la realtà ha superato, e poi doppiato, la nostra fantasia.

Come si diceva poco fa viviamo in un’Estate tutta stramba… un po’, per essere sinceri, te le vai a cercare tu, ma spesso ti vengono a cercare loro. Le situazioni più kafkiane si susseguono ad un ritmo che ha dell’incredibile. A volte ti fermi e ti giri per vedere se per caso tu non sia su “Scherzi A Parte”. In giro c’è un campionario di personaggi da sbarco che meriterebbero di essere immortalati in un film. Chiariamo subito… sto parlando del gentil sesso. Già noi essendo maschi siamo svantaggiati per il solo fatto di esserlo, ma l’altra metà del cielo ci mette del suo per incasinare definitivamente il sistema universo in generale e il nostro sistema nervoso in particolare. Sei lì in balia del mare in tempesta sconvolto da quei “geni del male” che rispondono al nome di donne… fortunatamente hai in dotazione un motoscafo stile Baywatch che ti permette almeno, di salvare la ghirba. Arranchi ed imbarchi acqua da tutte le parti; una volta superata una tempesta vieni travolto da quella successiva… ancora più violenta e sferzante di quella prima. Cerchi di porre la questione sul razionale ma qui di razionale non c’è proprio una cippa. Anzi se cerchi di affermare, ovviamente sommessamente, che 2+2 fa 4 esplode un circo Orfei che te lo raccomando. È un mondo sconclusionato dove vale tutto e il contrario di tutto… però rigorosamente solo per le femminucce. Noi maschietti dobbiamo, invece, essere precisi ed irreprensibili (ovviamente sono obbiettivi totalmente irraggiungibili per noi poveri minchioni). Capita, per dimostrare di essere in casa e non in giro a flirtare con altre, di doverti fare una foto a letto mettendo in evidenza l’orologio da polso con il datario… tipo le foto che facevano ai rapiti. Tutto questo teatrino a una che, tecnicamente, non è neanche la tua ragazza.

Secondo questa logica scombiccherata tu devi stare recluso in casa in attesa della convocazione, mentre quelle fanno i cavolacci loro. Quando fai presente che c’è, forse, un po’ di gelosia si offendono indignate dicendo che sono solo un po’ possessive…sì, poco poco.

Poi, casualmente, rincontri, dopo mesi, una ragazza che candidamente ti confessa che è da tempo che ha un interesse per te. Bene, vuoi ballare? …balliamo…. Poi, dalla notte alla mattina, torna dall’ex che da anni le fa perdere tempo senza sposarla ma che la tiene “incatenata” a se (…non fatemi fare altri commenti) .

Dovunque ti giri è una giostra di questa schiatta… fidanzati immaginari, “lutti” interminabili per abbandoni da ex, bipolarismo sentimentale acuto e vattelapesca; anche qui non ci puoi fare gran ché. Puoi solo decidere se accettare le regole di ingaggio oppure ritirarti.

A volte arrivi ad un punto di saturazione tale che manderesti tutte a quel paese e ti andresti a rinchiudere in un eremo a pane e acqua. Quando, poi, le gonadi hanno smesso di girare vorticosamente ti scappa una risata e vedi la bellezza di questo casino fotonico. Tutto è in movimento ed in evoluzione… qualche volta, sinceramente, preferiresti un po’ più di quiete ed equilibrio. Sai, però, che la vita è così; una cosa sono le aspettative e le speranze tutt’altra la realtà.

Il meraviglioso, ed incasinato, mondo delle donne è così, una continua scarica elettrica che non ti dà un attimo di respiro. Un otto volante infinito senza cinture di sicurezza a cui devi fare l’abitudine… pena “disarcionamento” immediato.

Per quanto le donne siano destabilizzanti e strambe, un’esistenza senza di loro sarebbe uno schifo indescrivibile, quindi, proprio per questo, dobbiamo amarle ed accettarle così come sono, così come loro accettano la miriade delle mattane di noi uomini. È un equilibrio instabile e quasi impossibile ma che, nonostante tutto, va avanti da milioni e milioni di anni.

Quindi coraggio! Anche in questa Estate rovente dobbiamo andare a farci amabilmente massacrare da quei serial killer che si fanno chiamare donne e tutto ciò ringraziandola per il supplizio e, per giunta, con un bel sorriso stampato sulle labbra. W LE DONNE SEMPRE!

La Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/07/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Le scelte inclusive di Papa Francesco

Le nuove regole sull’accertamento dell’eventuale nullità del matrimonio raccontano una Chiesa più forte, non più debole, che non cambia nulla sul piano dottrinale

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano