Società

di Giuseppe Udinov

Rapporto Antigone sulla vita dei detenuti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

l rapporto di metà anno sulle condizioni di detenzione in Italia, che ogni luglio l’associazione Antigone pubblica, è un tuffo in una realtà in cui manca il rispetto della dignità umana. Con 54.841 persone detenute, di cui 2.314 donne, a fronte di una capienza regolamentare di 50.900 posti e dunque con un affollamento medio del 107,7%, l’Italia si conferma come uno dei Paesi europei con le carceri più affollate. Celle stipate di persone, il 29% delle quali non ha una sentenza definitiva e il 15% è in attesa del primo giudizio, con il 36,6% dei reclusi che sta scontando una condanna inferiore ai tre anni e potrebbero dunque accedere a misure alternative al carcere. E mentre calano i detenuti stranieri (il 31,3% contro il 32,3% del 2021) resta costante il numero dei tossicodipendenti 15.244(circa il 28,1% del totale).

Il rapporto di metà anno sulle condizioni di detenzione in Italia, che ogni luglio l’associazione Antigone pubblica, è un tuffo in una realtà in cui manca il rispetto della dignità umana. Con 54.841 persone detenute, di cui 2.314 donne, a fronte di una capienza regolamentare di 50.900 posti e dunque con un affollamento medio del 107,7%, l’Italia si conferma come uno dei Paesi europei con le carceri più affollate. Celle stipate di persone, il 29% delle quali non ha una sentenza definitiva e il 15% è in attesa del primo giudizio, con il 36,6% dei reclusi che sta scontando una condanna inferiore ai tre anni e potrebbero dunque accedere a misure alternative al carcere. E mentre calano i detenuti stranieri (il 31,3% contro il 32,3% del 2021) resta costante il numero dei tossicodipendenti 15.244(circa il 28,1% del totale).

Il rapporto di Antigone, realizzato attraverso costanti visite negli istituti di pena, racconta inoltre una popolazione detenuta sempre più anziana (1.065 detenuti hanno più di 70 anni), con un tasso di alfabetizzazione basso (solo il 2% ha un diploma professionale), che studia ancora molto poco, ma soprattutto ‘’un carcere psico-patogeno dove il disagio psichico, diagnosticato o non, è diffuso capillare ed omogeneo su tutto il territorio nazionale’’. Oltre il 13% dei detenuti ha una diagnosi psichiatrica grave, ‘’in numeri assoluti significa - spiega Antigone – che oltre 7 mila persone soffrono di disturbi psichici’’. E se, in carcere, si continua a registrare la carenza cronica di supporti psichiatrici e psicologici, si abbonda invece nell’uso di psicofarmaci. Secondo i dati del rapporto, il 28% delle persone detenute assume stabilizzatori dell’umore, antipsicotici e antidepressivi e un altro 37,5% sedativi o ipnotici.

Un’altra faccia dello stesso problema sono i suicidi in cella: già 38 dall’inizio del 2022, oltre uno ogni 5 giorni. In carcere ci si leva la vita ben 16 volte in più rispetto alla società esterna. Alto anche il tasso dei tentati suicidi, 1,9 ogni 100 detenuti, e gli atti di autolesionismo, 19,2 ogni 100 reclusi. Tra i casi di suicidio riportati nel rapporto uno in particolare colpisce: quello di un ragazzo di 21 anni che secondo il Tribunale di Milano in carcere non doveva stare. Detenuto a San Vittore dall’agosto 2021 per il furto di un cellulare, nel mese di ottobre il giudice aveva disposto il suo trasferimento in una Rems (Residenza per le misure di sicurezza) in quanto una perizia psichiatrica dimostrava la sua incompatibilità con il regime carcerario. Nella notte del 31 maggio, a otto mesi da quella pronuncia, il ragazzo si è tolto la vita. Nelle settimane precedenti ci aveva provato già altre due volte.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/07/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Il vescovo di Reggio Emilia, Mons, Massimo Camisasca, ammonisce sulla legge del Fine Vita: “eutanasia mette a rischio i più deboli

Leggi tutto

Società

KAZAKHSTAN - Abolita la pena di morte

Papa Francesco si è più volte espresso per l’abolizione della pena di morte, ritenuta “contraria al Vangelo”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano