Storie

di Roberto Signori

Danni a cervello e vista per bambini che usano bloccanti pubertà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Già diversi esperti di medicina avevano denunciato il fatto che i bloccanti della pubertà, ovvero quelle sostanze che rilasciano l’ormone delle gonadotropine (GnRH), possono provocare danni anche molto gravi alla salute dei bambini, ma in molti avevano sottovaluto la gravità della questione.

Ora però anche la Food and Drug Administration (FDA), l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha lanciato l’allarme, facendo sapere che il farmaco potrebbe causare gonfiore al cervello, perdita della vista e altri gravi complicazioni nei bambini a cui viene somministrato.

I funzionari della FDA hanno detto che un’associazione plausibile tra l’uso di bloccanti della pubertà e lo pseudotumor cerebri, una malattia che ha sintomi simili a quelli provocati da un tumore al cervello, è stata identificata in sei bambine di età compresa tra 5 e 12 anni.

Tra i sintomi osservati nelle giovani pazienti la FDA ha segnalato disturbi visivi, mal di testa, vomito, un aumento della pressione sanguigna, gonfiore del cervello e neuropatia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/07/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Un ortopedico sostenitore della March for Life è stato posto al dicastero federale per la Salute

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Storie

Tumore al seno: trattamenti con nuove molecole

Possibili sviluppi farmacologici per terapie più semplici e adeguate grazie a un gruppo di molecole che bloccano un enzima e un recettore responsabili del cancro alla mammella. La ricerca, condotta dal Cnr-Iom in collaborazione con l’Istituto nazionale dei tumori di Milano e l’Università di Bologna, è stata sostenuta da Fondazione Airc per la ricerca sul cancro. I risultati sono stati pubblicati sull’European Journal of Medicinal Chemistry

Leggi tutto

Società

In Italia una famiglia su due rinuncia alle prestazioni sanitarie

Complessivamente, nell’“industria del welfare” investono 136,6 miliardi le famiglie e 21,2 miliardi le aziende, complessivamente il 9% del pil.

Leggi tutto

Politica

Putin ha ragione: ecco il documento che imbarazza la NATO

«Abbiamo promesso ufficialmente all’Unione sovietica nei colloqui 2+4, così come in altri contatti bilaterali tra Washington e Mosca, che non intendiamo sfruttare sul piano strategico il ritiro delle truppe sovietiche dall’Europa centro-orientale e che la NATO non dovrà espandersi al di là dei confini della nuova Germania né formalmente né informalmente». Se Gorbaciov avesse fornito il suo ok alla riunificazione tedesca all’interno della NATO, l’Occidente avrebbe mirato a stabilire un’architettura di sicurezza che tenesse conto degli interessi di Mosca.

Leggi tutto

Storie

Ucraina: ecco perché non vogliono la pace

Chi guadagna, e bene, dal conflitto in Ucraina? Eccovi i motivi per cui la pace non conviene a molti…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano