Storie

di Nathan Algren

Save the Children e la drammatica tratta di minori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo sfruttamento di persone, che coinvolge principalmente donne e bambini di ogni età, è ancora oggi uno dei mercati illeciti più diffusi e tristemente proficui del mondo, insieme al traffico di droga e armi. Nel 2020, il report dei casi accertati cui sono seguiti processi e condanne, conta uno spaventoso numero di 109.216 vittime in tutto il mondo. In Europa, dove il mercato degli esseri umani ha un profitto stimato 29.4 miliardi, un quarto dei casi identificati riguarda minori, intrappolati in gran parte nel settore della prostituzione.

Con l’avvento della quarantena e la chiusura dei confini nazionali, i metodi di lavoro - si legge nel Rapporto - di questo settore illegale sono cambiati, costringendo le autorità ad adattarsi. La cosiddetta “tratta digitale” riguarda proprio l’insieme delle nuove pratiche tramite le quali i trafficanti continuano i loro affari. Le organizzazioni criminali attive nel traffico di esseri umani si sono adattate, utilizzando sempre di più lo sfruttamento sessuale in-door e i canali alternativi, creando un vero e proprio sistema di e-trafficking. Tra i nuovi strumenti a disposizione troviamo le chat online, i social media, le agenzie di collocamento e di assistenza all’immigrazione per il reclutamento delle vittime. Sul fronte dei pagamenti invece, questi sono resi non tracciabili tramite acconti in criptovalute e comunicazione via dark web, la parte nascosta di internet che garantisce l’anonimato di chi ne fa uso. “Il fenomeno della ‘tratta digitale’ si è affermato particolarmente nel periodo dell’emergenza Covid. Se i criminali hanno saputo cogliere molto rapidamente le opportunità del digitale, le autorità di competenza e la rete di protezione devono oggi fronteggiare diverse sfide nel cercare di contrastare il fenomeno” ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.

In Italia, i casi emersi e assisiti nel 2021 dal sistema anti-tratta erano 1.911, per la maggior parte riguardanti il sesso femminile. Tra le vittime, la forma di sfruttamento prevalente è quella sessuale seguita da quella lavorativa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/07/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

“Che cosa cerco?”

Incontrando in Sala Clementina i ragazzi partecipanti al “Campo Alpha”, che si è tenuto in questi giorni in Molise, il Papa ricorda il suo recente Viaggio in Canada: voi e quei giovani siete uguali, vi unisce lo stesso “senso di umanità”. Come il beato Carlo Acutis rinunciate alla logica ...

Leggi tutto

Storie

SUD SUDAN - Allarme povertà lanciato dalla chiesa

Il Papa segue da sempre le sorti del Paese più giovane d’Africa (nato nel 2011 a seguito di una separazione dal Sudan, ndr), dal 2013 oppresso da guerre e povertà, con l’82% delle persone vive ancora al di sotto della soglia di povertà. A causa delle sue condizioni fisiche, non ha potuto svolgere il viaggio apostolico in un primo tempo previsto all’inizio di luglio: “Le aspettative e l’entusiasmo della comunità cristiana per la visita del Papa sono stati purtroppo ridimensionati.

Leggi tutto

Storie

MOZAMBICO - Il conflitto dimenticato

È sempre più al centro di interessi di vari Stati il nord del Mozambico, dove il 6 settembre nell’assalto alla missione di Chipene è stata uccisa, tra gli altri, la missionaria comboniana suor Maria De Coppi

Leggi tutto

Media

La gelida propaganda del poliamore fotografato

Nick e Celeste, 35 e 34 anni, si sono incontrati col servizio okCupid. Il partner sessuale primario di Nick è Celeste, ma egli ha altre due partner che vede un paio di volte al mese e ne sta attivamente cercando altre. Nick ha detto a Celeste di amarla occasionalmente con un po’ di imbarazzo, ma anche Celeste ha molti rapporti sessuali con altre persone, con un paio ha una relazione profonda. Nick e Celeste andranno a vivere insieme, quindi stanno cercando di dare un nome alla loro relazione: sono compagni statisticamente significativi.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Storie

Brescia: esumate tombe di bambini non nati senza il consenso dei genitori

Brescia: Esumate 2500 tombe di bambini non nati senza il consenso dei genitori: “È come se mia figlia mi fosse stata strappata via una seconda volta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano