Società

di Roberto Signori

Polonia: crolla il numero degli aborti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2021, il numero di aborti eseguiti a norma di legge è diminuito di dieci volte. Questo è il risultato delle nuove normative che forniscono una maggiore protezione della vita nel periodo prenatale. Alla fine di ottobre 2020, in Polonia, la Corte Costituzionale aveva stabilito che l’aborto eugenetico era incostituzionale. Di conseguenza - secondo i dati del Ministero della Salute, citato da “Rzeczpospolita” – il numero di aborti nello scorso anno è sceso a 107 casi.

“Questo significa che la legge funziona e ha permesso di salvare persone concrete” – ha affermato Magdalena Korzekwa-Kaliszuk, avvocato e psicologo, presidente della Fondazione Grupa Proelio. Negli anni precedenti, il numero di aborti registrati dal Ministero della Salute era di 1076 (nel 2018 e nel 2020) e 1110 nel 2019. Secondo Magdalena Korzekwa-Kaliszuk, se non ci fosse stato il cambiamento della legge a seguito della sentenza del Tribunale, anche per l’anno scorso circa 1.000 bambini avrebbero perso la vita prima della nascita, principalmente a causa della sospetta sindrome di Down.

Fino alla pubblicazione della sentenza del 22 ottobre 2020, la legge polacca prevedeva che il diritto alla vita fosse tutelato, anche nella fase prenatale, ad eccezione di 3 circostanze descritte nella legge sulla pianificazione familiare.

Secondo questi regolamenti, l’aborto era consentito in caso di gravidanza derivante da stupro, minaccia alla vita o alla salute della madre, nonché in una situazione di “alta probabilità di grave e irreversibile compromissione fetale o di una malattia incurabile che ne minacciasse la vita”. Dopo la pubblicazione della sentenza del Tribunale Costituzionale, l’ultima delle condizioni ha perso la sua forza giuridica.

“La legge buona ha effetto positivo sugli atteggiamenti delle persone. Da un lato, rafforza la convinzione che il diritto alla vita non dovrebbe dipendere dalla diagnosi sullo stato di salute. D’altro lato, la mancanza di possibilità di uccidere un bambino per motivi eugenetici fa sì che i medici non abbiano più le basi per proporre o addirittura fare pressione sui genitori affinché abortiscano” – ritiene il capo della Fondazione Gruppo Proelio, che ha raccolto le testimonianze di persone che si qualificavano per l’aborto e dei loro genitori.

L’esperto sostiene che spesso in Polonia si faceva pressione sull’aborto per ragioni eugenetiche. Anche gli ambienti pro-life e “Rzeczpospolita” hanno richiamato l’attenzione sul fatto che nei prossimi anni il numero dei cosiddetti aborti legali diminuirà ancora di più.

La sentenza del Tribunale Costituzionale è entrata in vigore il 27 gennaio prima della mezzanotte, e dai dati citati da “Rzeczpospolita” risulta che 75 aborti su 107 sono stati eseguiti nel caso della cosiddetta premessa eugenetica, cioè quella eliminata dalla sentenza della Corte Costituzionale polacca.

Il giornale ha osservato che i dati dello scorso anno hanno mostrano che non esiste la possibilità che i medici interpretino in senso ampio la premessa di una minaccia alla vita e alla salute di una donna, riferendosi alla sua salute mentale. Il numero di 32 aborti relativi a questo controtipo è vicino alle statistiche degli anni precedenti.

“Anche se alcuni genitori hanno deciso lo stesso di uccidere i propri figli in modo illegale, per mezzo del sospetto di malattie o all’estero, la stragrande maggioranza di loro ha permesso al bambino di vivere e questa è una vittoria indiscutibile che è stata resa possibile dal verdetto del Tribunale Costituzionale” – ha concluso Magdalena Korzekwa-Kaliszuk.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/08/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Mary Gatter vuole “una Lamborghini”

Così ha detto ridendo l’alta funzionaria di Planned Parenthood nel nuovo video pubblicato ieri dal Center for Medical Progress: si parla di veri e propri “compensi”, non di “rimborsi spesa”; ma «ne deve valere la pena». Planned Parenthood è nel caos per gli affondi ricevuti in quello che si annuncia come un temibile “abortionleaks”: ieri sera è stata diramata una lista di nomi di “anti-choice”, una vera e propria lista di proscrizione. Ora la Richards e i suoi collaboratori accusano gli altri di mentire, laddove gli altri semplicemente pubblicano le dichiarazioni pubbliche dei primi mettendole a confronto con quelle private

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Società

India: Mumbai aborto ‘terapeutico’ per condizione sociale

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Polonia: i cortei dei Re Magi per le strade delle città

I cortei sono passati per le strade di 668 città polacche per raccogliere fondi per i ragazzi del Kenya

Leggi tutto

Chiesa

Comece: no al diritto all’aborto nella Carta UE

“Profonda preoccupazione e opposizione”: sono le parole che la presidenza della Comece, Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, esprime a fronte del discorso del presidente Emmanuel Macron al Parlamento europeo il 19 gennaio scorso che proponeva di aggiornare la Carta europea dei diritti fondamentali per includere il riconoscimento di un diritto all’aborto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano