Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco cerca la a verità sull’esplosione del porto di Beirut

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alla vigilia del secondo anniversario dell’esplosione al porto di Beirut, papa Francesco ha voluto esprimere vicinanza a quanti furono colpiti da quella catastrofe senza precedenti, che costò la vita a 220 persone e provocò oltre 6mila feriti. “Il mio pensiero va alle famiglie delle vittime di quel disastroso evento e al caro popolo libanese”, ha detto il santo padre al termine dell’udienza in aula Paolo VI in Vaticano. “Prego perché ciascuno possa essere consolato dalla fede, confortato dalla giustizia e dalla verità, che non può essere mai nascosta. Auspico che il Libano con l’aiuto della comunità internazionale, continui a percorrere il cammino della rinascita, rimanendo fedele alla propria vocazione di essere terra di pace e di pluralismo, dove le comunità di religioni diverse possano vivere in fraternità”.

Quel 4 agosto poco dopo le cinque di pomeriggio, i pompieri di Beirut vennero chiamati al porto. C’era un incendio pericoloso in uno degli hangar, non era ancora nulla di notevole, ma bisognava intervenire subito. I pompieri accorsero, chiamarono rinforzi, furono sorpresi da una prima esplosione. Che pochi secondi più tardi innescò la fine del Libano. Alle 18,08 la seconda esplosione nell’Hangar 3 del porto infiammò 2700 tonnellate di nitrato di ammonio che da dieci anni erano conservate nel deposito, frutto del sequestro di una nave che, ferma da anni in porto per il fallimento dell’armatore, stava per affondare ed era stata scaricata anni prima.

Costruiti nel 1970 grazie ai finanziamenti di un fondo kuwaitiano e al lavoro della società ceca Prumstav, i tre silos di Beirut erano i più grandi del Medio Oriente: 25.000 metri cubi di calcestruzzo, una capacità di stoccaggio di 105.000 tonnellate di grano (aumentata nel 1997 a 120.000 tonnellate), dotazioni per lo scarico di ogni tipo di trasporto, una sala macchine a occhio di falco a 60 metri dal suolo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/08/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco e lo sconcerto di Giovanni Battista

All’Angelus, Papa Francesco descrive lo sconcerto di Giovanni Battista di fronte alla sua figura e afferma che il dubbio non è in contraddizione con la fede, anzi “talvolta è essenziale per la crescita spirituale: ci aiuta a capire che Dio è sempre più grande di come lo immaginiamo”.

Leggi tutto

Chiesa

PAPA - Le intenzioni di preghiera di Gennaio

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di gennaio, diffuso dalla Rete Mondiale di Preghiera, e dedicato agli educatori, Francesco propone di aggiungere alle materie d’insegnamento la fraternità, “anziché la competizione”

Leggi tutto

Storie

PAPA - CONGO - INCONTRI CON LE AUTORITÀ, LA SOCIETÀ CIVILE E CORPO DIPLOMATICO

Nel suo primo discorso pronunciato a Kinshasa, il Papa ha sottolineato come il Paese abbia “una geografia ricca e variegata”, ma “una storia tormentata dalla guerra” e caratterizzata da “terribili forme di sfruttamento, indegne dell’uomo e del creato”. Ha poi definito questa terra “un diamante del creato” invitando ogni persona a rialzarsi, a “riprendere tra le mani, come un diamante” la propria dignità. Ecco le parole del pontefice.

Leggi tutto

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano