Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco in Kazakhstan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Incontri pubblici e privati e anche una Messa scandiranno il breve viaggio di Papa Francesco in Kazakhstan, annunciato ieri e programmato per i prossimi 13-15 settembre. Occasione della visita - che lo stesso Pontefice nell’ultima intervista in aereo di ritorno dal Canada aveva definito un “viaggio tranquillo”, cioè privo di spostamenti faticosi viste anche le condizioni di salute - è il VII Congress of leader of world and traditional religions, evento che vedrà riuniti diversi capi religiosi provenienti da tutto il mondo e che, come si legge sul sito ufficiale, ha tra le sue priorità “l’affermazione della pace, dell’armonia e della tolleranza come principi incrollabili dell’esistenza umana”, oltre a voler affrontare “il tema dell’uso dei sentimenti religiosi delle persone per l’escalation di conflitti e ostilità”.

La Sala Stampa vaticana ha pubblicato il programma ufficiale della 38.ma trasferta internazionale di Francesco nel Paese centro asiatico, già visitato nel settembre 2001 da Giovanni Paolo II. Il Papa risiederà tutto il tempo nella capitale Nur-Sultan, la metropoli - conosciuta fino al marzo 2019 come Astana – che sorge sulle rive del fiume Išim e che conta circa un milione di abitanti, con una media di età molto giovane e appartenente a circa 130 diverse nazionalità. Moltissime anche le religioni. Francesco, che partirà il 13 settembre da Roma-Fiumicino alle 7.15, giungerà a Nur Sultan dopo 6.30 di volo atterrando nel locale aeroporto dove, alle 17.45 (ora locale), si terrà l’accoglienza ufficiale, seguita dalla cerimonia di benvenuto nel palazzo presidenziale. Stesso luogo in cui, poco dopo, si svolgerà la visita di cortesia al presidente della Repubblica, Kassim-Jomart Tokayev, con il successivo incontro con autorità, società civile e corpo diplomatico nella Qazaq Concert Hall. In questa occasione il Papa pronuncerà il primo dei suoi cinque discorsi pubblici.

La giornata di mercoledì 14 settembre si aprirà invece con un momento di preghiera in silenzio, presso il Palazzo della Pace e della Riconciliazione, insieme ai leader religiosi che partecipano al Congresso, giunto, come detto, alla sua settima edizione dopo la prima del 2003 e le altre celebrate con cadenza triennale. In apertura della sessione plenaria dell’evento, Francesco pronuncerà un nuovo discorso. Alcuni dei rappresentanti delle diverse confessioni saranno poi ricevuti privatamente alle 12 dal Papa. Il quale, dopo una lunga pausa, nel pomeriggio alle 16.45, celebrerà la Messa nel Piazzale dell’Expo.

Si passa quindi alla giornata di giovedì 15 settembre, ultima del viaggio. Alle 9 il Papa incontrerà, come ormai tradizione di ogni viaggio apostolico, i confratelli della Compagnia di Gesù presso la Nunziatura apostolica. L’incontro, come sempre, sarà privato. Alle 10.30 Francesco si trasferirà invece presso la cattedrale Madre di Dio del Perpetuo Soccorso per l’incontro con vescovi, sacerdoti, diaconi, consacrati, seminaristi e operatori pastorali. Anche a loro rivolgerà un discorso.

L’atto finale della intera trasferta in Kazakhstan si svolgerà di nuovo presso il Palazzo della Pace e della Riconciliazione con la lettura della Dichiarazione finale che chiuderà il Congresso dei leader religiosi. Previsto anche in questa occasione un discorso del Papa. L’appuntamento è in programma alle 15. Alle 16.15, il Pontefice si recherà invece nell’Aeroporto internazionale di Nur-Sultan per la cerimonia di congedo e la partenza, alle 16.45, per Roma, dove l’atterraggio è previsto per le 20.15.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/08/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Chiesa

L’arcivescovo Gallagher all’Onu: i diritti umani sono sempre inalienabili

Gallacher - Il segretario del Vaticano per i Rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, ha invitato le Nazioni Unite a “riscoprire il fondamento dei diritti umani, al fine di attuarli in modo autentico”, mentre il mondo continua a prendere misure per combattere l’emergenza sanitaria in corso.

Leggi tutto

Media

Padre Andrea Mandonico e il Premio Letterario su Charles de Foucauld

L’onorificenza al vice postulatore della causa di canonizzazione del religioso francese è per il volume edito dalla LEV “Mio Dio, come sei buono. La vita e il messaggio di Charles de Foucauld”. Mandonico sottolinea che “visse l’amicizia con i popoli del Sahara non a parole ma con la prossimità, stando anche in silenzio quando necessario, offrendo la propria vita nella piena carità evangelica”

Leggi tutto

Chiesa

Il discernere sinodale

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano