Politica

di Mirko De Carli

Sono Carlotta, sono una donna non sono una santa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Da quarantott’ore è stata stata letteralmente travolta da un’onda di insulti e infamità che non trovano confronto nel panorama politico femminile italiano. Si è candidata alle elezioni politiche quasi per gioco, con il desiderio di mettere alla prova se stessa in una sfida che non pensava di dover mettere a curriculum. Lo ha fatto vestendo i panni che sente meglio addosso, quelli di avvocato penalista e di donna. Senza disagio ma con la timidezza di chi si approccia alla violenza dei microfoni ha raccontato il suo essere cattolica senza puzza sotto il naso, con il bisogno insomma di qualche confessione in più perché, in fondo, lo sappiamo che a sbagliare siamo dei professionisti. Si è iscritta da un anno al Popolo della Famiglia e non ha ancora figli: porta dentro alla nostra comunità la bellezza del desiderio di averne che oggi tante ragazze hanno ma che non si sognerebbero nemmeno di dirlo per non essere giudicate male o perdere il posto di lavoro. Lei lo dice apertamente intanto, come dichiara spesso, “sono una libera professionista e lo stipendio non me lo regala e non me lo toglie nessuno”.

Insomma parliamo di Carlotta Toschi, una donna non una santa: una di quelle rare ragazze che prendono sul serio le provocazioni di questi maledetti “anni venti” e cercano di dare un senso alle loro giornate scommettendo sui loro desideri e non sulle loro vanità.

Paginate di giornali, interviste televisive e messaggi di solidarietà che Le arrivano da due giorni senza sosta sono la straordinaria conferma che basta “uno di noi” che “ci metta la faccia” per dare il coraggio a migliaia di altre donne e uomini a uscire dal guscio e dire con coraggio “ci sono anche io”. Sì ci siamo anche noi, gli irregolari che non si conformano al pensiero unico di chi vuole dare patenti di legittimità in base al proprio pensiero ideologico e non in base al merito. Noi irregolari oggi abbiamo una ragione in più per andare a testa alta a conquistare quella rappresentanza politica che meritiamo: il coraggio di Carlotta che è il coraggio di una straordinaria comunità.

Dalla mia seconda terra d’elezione, la Grecia, dove l’Europa della Troika ha tentato di ridurre un popolo in schiavitù con la retorica violenta dell’austerità faccio mio, nostro quel grido che per diverse donne e uomini del nostro tempo è stato liberatorio (e, per certi versi, salvifico): io sono la mia libertà. Ora può e deve essere la ragione più autentica del nostro essere pienamente in campo affianco all’amico di una vita Mario Adinolfi in questa campagna elettorale estiva.

Forza Carlotta Forza Alternativa per l’Italia Forza noi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/08/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Politica

RIPARTIRE DALLA LOTTA PER LA GIUSTIZIA

Dal punto di vista culturale l’unico contesto in cui si è potuto ascoltare qualche parola netta contro suicidio assistito ed eutanasia è stato l’àmbito della Chiesa cattolica. Da Papa Francesco al cardinale Bassetti con evidenza e chiarezza si è detto che l’orizzonte indicato da Cappato è pericoloso. Non un solo editorialista “laico” ha fatto altrettanto. Il Popolo della Famiglia raccoglie questa sfida politica.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano